L’Iran bombarda due basi americane

Le milizie irachene hanno lanciato missili iraniani. Boeing ucraino abbattuto accidentalmente.

Nota editoriale: L’agenzia di stampa semigovernativa Fars ha riferito l’11.01.2020: il governo iraniano ha annunciato Il presidente Ayatollah Ali Khamenei ha ordinato che l’abbattimento di un aereo ucraino vicino a Teheran sia pubblicamente riconosciuto.

Una posizione di Karl Bernd Esser.

L’Iran ha ordinato il bombardamento di due basi americane in Iraq, rispondendo così alle minacce di una vendetta simbolica per Soleimani. Ci sono stati solo danni materiali e nessun morto o ferito. Gli Stati Uniti sono stati avvertiti. Gli attacchi provenivano sia da installazioni militari iraniane che irachene. Le milizie iraniane delle Forze di mobilitazione popolare irachene (PMF) (1) hanno acquisito missili balistici a corto raggio da Teheran dal 2018, integrando il loro attuale arsenale di missili non guidati. Queste milizie, conosciute in Iraq come le Forze di mobilitazione popolare (PMF) (2), stanno diventando sempre più importanti. Il PMF è una forza semi-autonoma composta da circa 75.000-145.000 combattenti, suddivisi tra più di 50 milizie. Il PMF è stato ufficialmente istituito nel 2014 per aiutare le forze armate irachene a superare la SI. Ogni gruppo ha leader diversi e i loro interessi sono diversi, solo 5 gruppi sono fedeli a Teheran. Tuttavia, i gruppi e i dirigenti della PMF che hanno stretti legami con Teheran, come il gruppo di Al-Muhandis, sono costantemente aumentati in termini di dimensioni e di potere. Nel mio rapporto, queste fazioni del PMF sono definite “gruppi sostenuti dall’Iran” o “ICG”. Un gruppo chiamato Kata’ib Hezbollah (KH) era quello del leader della milizia Abu Mahdi Al-Muhandis, a cui sono assegnate le brigate della 45a, 56a e 57a PMF in Iraq. Il veicolo di Al-Muhandi è stato colpito da un missile americano del tipo HELLFIRE il 3 gennaio 2020 e non è stata una coincidenza. Miliziani Al-Muhandis e il generale iraniano Quasem Soleimani erano seduti insieme nel veicolo. Si erano incontrati prima a Baghdad per discutere di operazioni terroristiche contro gli Stati Uniti e i loro alleati. La casa di Al-Muhandis si trova nella zona verde di Baghdad a 300 metri dall’ambasciata americana. Questa vicinanza gli ha permesso di attaccare l’ambasciata americana con le sue milizie giorni prima.

Altre influenti milizie iraniane in Iraq

  • Organizzazione Theadr – con la 4a, 20a, 23a e 24a brigata PMF
  • L’Asa’ib Ahl al-Haq (AAH) con la 41a, 42a e 43a Brigata PMF
  • Il Kata’ib Sayyid al Shuhada (KSS) con la 14° Brigata PMF e la
  • L’Harakt Hezbollah al-Nujaba (HHN) con la 12° Brigata PMF.

Gli attacchi missilistici contro la base dell’aviazione militare statunitense Ain al-Assad nell’Iraq occidentale e contro la base statunitense di Erbil nell’area curda irachena settentrionale sono stati effettuati principalmente dalle cinque milizie iraniane in Iraq. Solo pochi missili hanno compiuto il lungo viaggio dall’Iran verso le loro solitarie destinazioni finali. Dopotutto, non dovrebbero esserci vittime. I messaggi radio intercettati dai persiani confermano questo fatto finora nascosto, ma un po’ trapelato in circoli ben informati: La stessa Teheran ha informato tutte e cinque le milizie in Iraq il 9 gennaio 2020 di cessare immediatamente tutte le ostilità contro le basi statunitensi e i loro alleati. Donald Trump ha usato canali discreti per informare preventivamente i mullah che avrebbe dovuto effettuare una severa ritorsione contro l’Iran nel caso di cittadini statunitensi morti; non avrebbe avuto altra scelta. Trump e i mullah hanno salvato la faccia.

L’attacco delle milizie irachene dai loro punti di lancio in Iraq è già confermato dal fatto che tutti i sistemi di difesa aerea degli USA, dei suoi alleati e dell’Iraq non hanno nemmeno notato i pochi missili iraniani provenienti dall’Iran che volano da pochi minuti, anche se questi sistemi sono diretti verso i punti di lancio in Iran. Questi sistemi non rilevano nemmeno brevi attacchi dall’interno dell’Iraq stesso, perché un tale attacco dall’interno del suo stesso territorio non è previsto. Per coprire i siti di lancio dell’attacco delle milizie irachene nell’IRAK alle basi statunitensi, le sole basi statunitensi lontane dal confine con l’IRAN sono state scelte dall’esercito iraniano per coprire i siti di lancio dell’attacco delle milizie irachene nell’IRAK. I satelliti statunitensi non hanno potuto rilevare alcun missile lanciato in Iran contro le basi statunitensi in Iraq.

L’Iran fornisce formazione e fornisce armi agli IBG dagli anni ’80. La fornitura di missili avanzati di Teheran a queste milizie, tuttavia, è diventata una nuova e crescente preoccupazione per gli Stati Uniti e i loro alleati. Un rapporto dell’agosto 2018 ha rilevato che l’Iran ha fornito diverse decine di missili balistici a corto raggio agli IBG. Queste consegne comprendevano i missili Zelzal (150-250 km), Fateh-110 (200-300 km) e Zolfaghar (700 km), e completavano l’arsenale esistente delle milizie di missili non guidati da 107 mm e 122 mm. Gli IBG in Iraq hanno un consistente stock di razzi non guidati da 107 mm e 122 mm, sia a livello locale che in Iran. Dal settembre 2018, i combattenti dell’IBG hanno sparato più di 40 missili contro le installazioni statunitensi in Iraq, tra cui l’ambasciata statunitense a Baghdad, il consolato di Bassora e le strutture di addestramento militare a Taji, Mosul e Niniveh. Hanno anche preso di mira un campo petrolifero iracheno a Basra, dove si trovava personale americano. (4) A seguito di nuove informazioni sull’uso dei missili iraniani, nel maggio 2019 il Dipartimento di Stato USA ha ritirato il personale inutilizzato dalla sua ambasciata a Baghdad e dal consolato di Erbil.

Tali attacchi missilistici (co-iranianiani) hanno anche danneggiato le opportunità di investimento per l’economia irachena. La Exxon Mobil presenta un chiaro caso di studio. Exxon opera nel sud dell’Iraq dal gennaio 2010 e ha effettuato importanti investimenti in Iraq. Il suo obiettivo è quello di espandere le sue attività attraverso il suo potenziale contratto di produzione di petrolio da 53 miliardi di dollari. Tuttavia, i recenti attacchi dell’IBG hanno messo a repentaglio queste attività. Nel maggio 2019, Exxon ha evacuato 80 dipendenti per motivi di sicurezza in relazione alle milizie sostenute dall’Iran. A giugno, un IBG ha lanciato un attacco missilistico Katyusha contro l’impianto di Basra della Exxon. L’attacco ha ferito tre lavoratori iracheni sul posto e ha costretto la Exxon ad evacuare 21 lavoratori stranieri. (5)

Un’ulteriore proliferazione di missili iraniani in Iraq, a seguito dell’attacco dei droni statunitensi contro il generale iraniano Soleimani, potrebbe aumentare il numero di potenziali siti di lancio di missili e avvicinarli alle forze statunitensi e alleate nella regione. Nelle discussioni sulla proliferazione dei missili regionali da parte dell’Iran, dominano la discussione anche i ribelli libanesi Hezbollah e Yemen-Houthi. C’è una buona ragione per questa attenzione: gli Houthis hanno lanciato oltre 250 missili contro l’Arabia Saudita dal 2015. L’Iran ha usato più volte gli Houthis per i propri scopi. Il 13 giugno 2019, ad esempio, l’Iran ha accusato gli Houthis di aver compiuto attacchi a due petroliere nel Golfo dell’Oman. Questa spiegazione sembrava plausibile alla luce dei precedenti attacchi Houthi ad altre navi. Tuttavia, le riprese effettuate da un drone americano MQ-9 hanno mostrato chiaramente i marinai iraniani dell’IRGC che rimuovono una mina inesplosa da una delle navi, il che ha avuto una forte implicazione per il coinvolgimento iraniano.

Nonostante l’attenzione dei leader statunitensi e iracheni, i missili balistici a corto raggio iraniani hanno trovato la loro strada in Iraq e hanno costretto Israele ad agire. (6) Tra luglio e settembre 2019, Israele ha effettuato almeno sette attacchi aerei contro i depositi di missili e munizioni PMF nell’Iraq occidentale e centrale. Mentre il Ministero della Difesa israeliano non ha confermato pubblicamente questi attacchi aerei, i funzionari statunitensi e iracheni hanno riferito che dietro gli attacchi c’è Israele. Israele ha così cambiato la sua politica di attacco alle basi missilistiche iraniane solo in Siria. (6) Tuttavia, gli attacchi aerei israeliani sui depositi di missili PMF hanno anche ucciso e ferito decine di iracheni, mettendo a dura prova le relazioni tra Stati Uniti, Iraq e Israele. Anche se gli attacchi aerei di Israele hanno dirottato con successo l’Iran dalle nuove basi missilistiche che vuole, hanno portato a una grave battuta d’arresto politica. A seguito di un attacco aereo israeliano del 12 agosto 2019, il governo iracheno ha ordinato il divieto di tutti i voli militari nel Paese, a meno che non sia stato approvato dal Ministero della Difesa iracheno.

Ripetuti attacchi aerei israeliani hanno già riaperto il dibattito interno dell’Iraq sull’acquisto di sistemi di difesa aerea non statunitensi, che Baghdad ha ritenuto necessario “per far rispettare la sovranità sul suo spazio aereo”. Sistemi come il russo S-300/400 o l’iraniano Bavar-373 possono avere maggiori probabilità di attaccare gli UAV israeliani rispetto ai sistemi di difesa aerea statunitensi, che probabilmente identificano questi aerei come unità alleate. Tuttavia, l’acquisizione di tali sistemi potrebbe aumentare il rischio che gli avversari statunitensi siano informati sugli aerei e sulle operazioni militari statunitensi. Questa difesa aerea esterna rintraccerebbe gli aerei degli Stati Uniti e degli alleati che operano in Iraq, e il personale che gestisce questi sistemi potrebbe poi inoltrare queste registrazioni ai loro paesi di origine (ad esempio la Russia o l’Iran).

Il PMF ha compiuto almeno un passo concreto in questa direzione: il 5 settembre 2019 il vicecapo del PMF Abu Mahdi al-Muhandis ha ordinato la creazione di una forza aerea separata del PMF. (3) Questa avrebbe potuto essere la sua condanna a morte il 3 gennaio. Gli Stati Uniti avevano precedentemente eliminato Salah Mahdi Hantoush per il suo coinvolgimento in attività terroristiche con il fuoco dei missili.

L’aumento dei potenziali siti di attacco in Iraq renderebbe inoltre più difficile la difesa contro i missili statunitensi e alleati o tedeschi. L’Arabia Saudita, ad esempio, è dotata di sistemi radar Patriot a 120 gradi e tenta di rilevare direttamente i potenziali siti di lancio in Yemen, Iran e Iraq. Tali limitazioni possono spiegare perché la difesa aerea saudita non ha rilevato un attacco alle raffinerie di Abqaiq e Khurais da nord il 14 settembre, quando il radar saudita si è concentrato sulle minacce aeree e missilistiche provenienti dallo Yemen a sud. Allo stesso modo, un attacco di un drone del 14 maggio contro un importante oleodotto saudita ha colto di sorpresa il sistema di difesa aerea saudita. Mentre i ribelli Houthi si sono inizialmente assunti la responsabilità, i funzionari statunitensi hanno successivamente affermato, dopo la loro valutazione, che l’attacco ha avuto origine in Iraq, probabilmente dal gruppo PMF di Kata’ib Hezbollah (KH) di Al-Mahundis e quindi da un sito di lancio delle milizie iraniane in Iraq. I siti di lancio dei missili IBG si trovano anche vicino alle installazioni militari statunitensi in Iraq, permettendo alle milizie di estendere il conflitto sparando mortai, razzi o missili. La minaccia dell’IBG rimarrà valida fino a quando non ci saranno grandi cambiamenti politici a Teheran o a Baghdad. Per gestire e minimizzare questa minaccia, Washington potrebbe aver bisogno di espandere la sua strategia per combattere la proliferazione della CISL Internazionale in Iraq – politicamente piuttosto che militarmente.

Il primo passo degli Stati Uniti è stato l’uccisione mirata in un veicolo del generale Soleimani e del leader della milizia PMF Abu Mahdi al-Muhandis. Entrambi erano militari e sapevano che stavano sfidando il loro avversario Donald Trump e gli Stati Uniti ad ogni attacco missilistico o terroristico in Iraq. Non si è trattato quindi di un omicidio, ma di un’azione militare contro due signori terroristi responsabili di migliaia di feriti e centinaia di morti in Iraq e in Siria. Certo, c’è soddisfazione tra gli oppositori dell’Iran. Molti siriani sopravvissuti al calderone di Aleppo o ad altre ex roccaforti ribelli sono felici che l’uomo che era in gran parte responsabile delle loro sofferenze sia morto.

Il “contrattacco” dell’Iran su due basi statunitensi in Iraq sta alimentando la spirale della guerra in Medio Oriente. Se ci saranno americani morti in futuro, resta da vedere come reagiranno l’America e Donald Trump. Per me, l’UE e il governo tedesco presentano un quadro internazionale miserabile di questa situazione sulla scena diplomatica. Hanno lasciato che Donald Trump “armeggiasse” in Medio Oriente da solo e poi si interrogassero sulla mancanza di risultati. La Germania e l’UE sembrano impotenti e sono semplicemente vigliacchi nel far conoscere le loro opinioni. Un ritiro delle truppe statunitensi in Iraq significherebbe che tutte le compagnie petrolifere di quel paese sarebbero completamente indifese e ritirerebbero anche il loro personale. L’Iran potrebbe quindi, con l’aiuto delle sue 5 milizie, rilevare i siti di produzione petrolifera stranieri in Iraq e aggirare il proprio embargo statunitense con la vendita congiunta di petrolio iracheno.

A quanto pare il sistema di difesa aerea iraniano ha accidentalmente abbattuto un Boeing 737-800 di 3 anni della Ukraine International Airlines (UIA) l’8 gennaio, poche ore dopo l’attacco alle due basi statunitensi in Iraq. (7) Secondo la stazione “CBS”, i servizi segreti statunitensi hanno captato i segnali di un radar acceso di una base di difesa aerea vicino a Teheran. Secondo questo, i satelliti statunitensi hanno scoperto due lanci di missili iraniani terra-aria su immagini all’infrarosso scattate intorno alle 6.18 del mattino, poco prima che l’aereo esplodesse. Il Boeing 737-800 ucraino inizialmente non ha inviato un segnale di soccorso automatico come nel caso dell’incendio di un motore, ma all’improvviso, come al solito con molti impatti di frammentazione di un missile terra-aria, è stato completamente silenziato elettronicamente, spezzato e si è schiantato bruciando in una palla di fuoco. I rappresentanti del governo hanno detto giovedì, citando immagini satellitari, che il governo americano era ormai certo che il Boeing era stato abbattuto da almeno un missile iraniano. (7) Inoltre, parti di un missile antiaereo erano state trovate vicino al luogo dell’incidente a Shahedshahr. La massa di detriti continua a parlare a favore dell’impatto di un missile. Gli esperti hanno detto che gli aerei che si sono schiantati a causa di un guasto meccanico hanno lasciato un campo di detriti più piccolo. La FAA americana ha reagito e ha vietato agli aerei statunitensi di utilizzare lo spazio aereo in alcune parti del Medio Oriente. Sul Golfo Persico, il Golfo di Oman, l’Iraq e l’Iran, gli aerei registrati negli Stati Uniti non possono più operare “a causa dell’aumento dell’attività militare e delle crescenti tensioni politiche”, ha detto l’agenzia. C’era un rischio maggiore che un oggetto volante venisse falsamente identificato. Il governo canadese presume anche che l’aereo passeggeri con il numero di volo PS 752, che si è schiantato vicino a Teheran, sia stato abbattuto accidentalmente dai missili antiaerei iraniani. (8) Ci sono indicazioni “che l’aereo è stato abbattuto da un missile iraniano terra-aria”, ha detto il primo ministro Justin Trudeau in un discorso televisivo nazionale giovedì. Questa “ipotesi” si basa sull’analisi dei dati satellitari, radar e altri dati elettronici raccolti abitualmente dai servizi militari e di intelligence, compresi gli Stati Uniti. Le foto del luogo dell’incidente hanno mostrato una foto della devastazione. Rimasero solo poche parti carbonizzate dell’aereo. Il peggiore incidente aereo degli ultimi 35 anni in Canada ha ucciso tutti i 169 passeggeri e i 9 membri dell’equipaggio a bordo.

Fonti e note:
(1) Michael Knights, “Iran’s Expanding Militia Army in Iraq: The New Special Groups,” CTC Sentinel 12, no. 7 (August 2019), https://ctc.usma.edu/app/uploads/2019/08/CTC-SENTINEL-072019.pdf.

(2) Einige IBGs gehen auf den Iran-Irak-Krieg zurück. Für die meisten begann jedoch die rudimentäre Ausbildung im Jahr 2003 und die Ausbildung auf höherer Ebene im Jahr 2007. Siehe Joseph Felter and Brian Fishman, Iranian Strategy in Iraq: Politics and ‘Other Means’ (West Point, NY: Combating Terrorism Center at West Point, October 2008), p. 62, https://ctc.usma.edu/app/uploads/2010/06/Iranian-Strate-gyin-Iraq.pdf.

(3) “Pro-Iran-Miliz im Irak gibt Bildung der ” PMF-Luftwaffe bekannt “, Radio Farda, 6. September 2019, https://en.radiofarda.com/a/pro-iran-militia-iniraq-announces-formation-of-air-force-pmf/30148745.html.

(4) See Isabel Coles and Ghassan Adnan, “Rocket Strikes at Site of Foreign Oil Firms in Iraq,” Wall Street Journal, June 19, 2019, https://www.wsj.com/articles/rocket-strikes-at-site-of-foreign-oil-firms-in-iraq-11560988449

(5) Isabel Coles and Dion Nissenbaum, “U.S.: Saudi Pipeline Attacks Originated From Iraq,” Wall Street Journal, June 28, 2019, https://www.wsj.com/articles/u-s-saudi-pipeline-attacks-originated-from-iraq-11561741133.

(6) Mona Yacoubian, “The Shadow War: Iran Against Israel in Syria,” United States Institute of Peace, May 17, 2018, https://iranprimer.usip.org/blog/2018/may/17/conflict-pitting-iran-against-israel-syria.

(6) Ahmed Rasheed et al., “Iraqi PM says Israel is responsible for attacks on Iraqi militias: Al Jazeera,” Reuters, September 30, 2019, https://www.reuters.com/article/us-iraq-security/iraqi-pm-says-israel-is-responsible-forattacks-on-iraqi-militias-al-jazeera-idUSKBN1WF1E5;

(6) Alissa J. Rubin and Ronen Bergman, “Israeli Airstrike Hits Weapons Depot in Iraq,” New York Times, August 22, 2019, https://www.nytimes.com/2019/08/22/world/middleeast/israel-iraq-iran-airstrike.html.

(7) https://www.cnbc.com/2020/01/09/trump-says-he-has-doesnt-believe-the-boeing-plane-crash-in-iran-was-due-to-mechanical-error.html

(7) https://www.nzz.ch/panorama/absturz-einer-boeing-737-in-iran-technische-ursache-vermutet-ld.1532595

(7) https://www.washingtonpost.com/world/europe/ukraine-flight-was-on-fire-in-air-and-returning-to-tehran-at-time-of-crash-iran-investigators-say/2020/01/09/9b27434c-3244-11ea-971b-43bec3ff9860_story.html

(8) https://www.nzz.ch/panorama/absturz-einer-boeing-737-in-iran-usa-vermuten-raketenabschuss-ld.1532595

 

Ulteriori informazioni su questo argomento:
Josh Irish and Ahmed Rasheed, “Exclusive: Iran moves missiles to Iraq in warning to enemies,” Reuters, August 31, 2018, https://www.reuters.com/article/us-iran-iraq-missiles-exclusive/exclusive-iran-moves-missiles-to-iraq-in-warning-to-enemies-idUSKCN1LG0WB.

Julian E. Barnes and Eric Schmitt, “Iran Is Secretly Moving Missiles Into Iraq, U.S. Officials Say,” New York Times, December 4, 2019, https://www.nytimes.com/2019/12/04/us/politics/iran-missiles-iraq.html.

“Security Alert – U. S. Embassy Baghdad, Iraq” U.S. Department of State, May 15, 2019, https://iq.usembassy.gov/security-alert-u-s-embassy-baghdad-iraq-2/.

Defense Intelligence Agency, Iran Military Power (Washington, DC: November 2019), https://www.dia.mil/Portals/27/Documents/News/Military%20Power%20Publications/Iran_Military_Power_V13b_LR.pdf.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: John Wollwerth / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort