Lettera aperta alla professione medica tedesca

Una lettera aperta di Ernst Wolff.

Cari medici!

A causa della pandemia di Covid-19, negli ultimi tre mesi il suo campo di lavoro è diventato il centro dell’interesse pubblico in modo inedito. Le misure adottate per contenere la pandemia stanno attualmente interessando tutte le nostre vite e avranno effetti imprevedibili a lungo termine.

Queste misure non sono state prese da voi, ma da politici del governo federale e statale che giustificano le loro decisioni con la motivazione che sono preoccupati per la salute della popolazione.

Questo argomento vi avrà probabilmente fatto ascoltare tutti, perché viene dalla bocca degli stessi politici che negli ultimi anni hanno fatto tutto il possibile per ridurre la spesa sanitaria, che hanno imposto a voi e al resto del personale medico condizioni di lavoro sempre più difficili, e che hanno causato un drastico peggioramento delle condizioni sanitarie – non solo a casa, ma anche, nel contesto della crisi dell’euro, in misura ancora maggiore in altri Paesi europei.

Potreste anche essere rimasti perplessi dalla selezione di organizzazioni e scienziati che attualmente forniscono consulenza ai politici e influenzano notevolmente le loro decisioni. Dopo tutto, sono in gran parte le stesse persone e organizzazioni che, durante le pandemie del passato, hanno sconvolto la popolazione con le loro previsioni e hanno spinto i governi a usare il denaro pubblico per acquistare scorte di vaccini che poi hanno dovuto essere distrutte per mancanza di domanda.

Dato che lei sapeva tutto questo all’inizio dell’attuale pandemia, la sua fiducia nell’alleanza esistente tra politica e scienza potrebbe non essere stata troppo grande. Tuttavia, la situazione giuridica l’ha costretta a rispettare gli orientamenti politici e a svolgere la sua professione in condizioni che andavano al di là di tutto ciò che era stato ordinato e intrapreso durante le pandemie.

La situazione è cambiata radicalmente negli ultimi giorni. Il numero di nuove infezioni sta diminuendo. Il sovraccarico degli ospedali previsto dagli scienziati non si è verificato, anzi, la maggior parte delle cliniche funzionano normalmente e molti dei posti di terapia intensiva riservati ai pazienti della Covid-19 non vengono utilizzati.

Tuttavia, sono sorti altri nuovi problemi: Le dichiarazioni dei politici e degli scienziati responsabili hanno turbato a tal punto l’opinione pubblica negli ultimi due mesi e, insieme alla copertura mediatica, hanno fatto sì che un gran numero di persone si trovasse in stato di emergenza.

Molti dei vostri colleghi riferiscono di pazienti con attacchi d’ansia e di panico, depressione e pensieri suicidi, ma anche di pazienti che evitano di consultare un medico o un ospedale per paura di contrarre un’infezione, anche in caso di gravi problemi di salute come attacchi di cuore o ictus.

Inoltre, ci sono persone che devono temere per il loro lavoro o addirittura per la loro esistenza a causa della chiusura, così come persone anziane che, a causa del divieto di visitare le case di riposo, sono minacciate di morire non per infezione ma per mancanza di contatti sociali e di attenzione umana. Così come le persone che vivono sole e si sentono sole a causa del divieto di contatto. E infine, ma non meno importante, c’è un’ondata di violenza domestica, che colpisce in particolare le donne e i bambini provenienti da famiglie socialmente deboli in condizioni di vita anguste.

Nessuna di queste sono conseguenze della pandemia, ma il risultato di decisioni prese dai politici e dagli scienziati competenti, che arrivano persino a limitare il numero di persone che partecipano ai funerali o a proibire ai parenti di visitare i moribondi. Incoraggiano anche la denuncia, poiché sono sempre più numerosi i casi di singoli cittadini che denunciano gli altri per aver ignorato anche le regole più assurde attualmente in vigore.

Alla luce di questi sviluppi, non sarebbe ora che la sua professione nel suo complesso si pronunciasse sull’uso di ragioni mediche per imporre misure che sono dannose non solo per la salute fisica delle persone ma anche per la loro salute mentale, che mettono in pericolo la vita e che distruggono la coesione sociale della società?

Considerata la promessa che ha fatto all’inizio della sua carriera di proteggere le persone da “danni e ingiustizie arbitrarie”, non dovrebbe alzarsi in piedi in questi giorni e far capire al pubblico, che non comprende il contesto medico, che qui vengono ordinate misure che lei non può giustificare dal suo punto di vista professionale?

Non sarebbe opportuno che lei, come gruppo professionale, prendesse le distanze da scienziati come quelli dell’Istituto Robert Koch, che solo un mese fa affermava che, invece dei 4.000 – 5.000 decessi ora previsti nel nostro paese, dovremmo aspettarci da 300.000 a 1,5 milioni di morti?

Potete essere certi che anche solo qualche parola di chiarimento da parte vostra contribuirebbe ad alleviare la paura prevalente nel Paese, a salvare vite umane e a ritirare il consenso di ampie fasce della popolazione a coloro che abusano di questa pandemia per promuovere i propri interessi.

Sinceramente vostro

Ernst Wolff

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Riferimento dell’immagine: Blue Planet Studio / Persiana

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort