L’aumento del numero di casi comporta un rischio maggiore per il pubblico? A fact check | Di Paul Schreyer

Un punto di vista di Paul Schreyer.

Il governo e i media hanno avvertito da tempo che un numero crescente di casi avrebbe dimostrato una maggiore diffusione della pandemia e quindi un rischio crescente per la salute della popolazione. È vero?

I fatti

L’aumento del numero di casi – ovvero un numero crescente di persone testate positivamente – può effettivamente essere un importante indicatore di una pericolosa diffusione di un virus, ma solo in determinate condizioni:

  • il numero di test effettuati deve essere costante; se, invece, non solo il numero di casi ma anche il numero di test aumenta, un confronto di numeri assoluti di casi non fornirà risultati significativi (se si cerca di più, si troverà di più) – lo sviluppo delle percentuali di risultati positivi dei test è decisivo
  • la scelta dei luoghi in cui vengono effettuati i test deve essere comparabile e rappresentativa della popolazione nel suo complesso; ad esempio, non vi è comparabilità dei dati se i test vengono effettuati in centri diurni una settimana e in case di cura la settimana successiva tra anziani e malati
  • i risultati del test devono essere corretti per i risultati falsi positivi
  • il test in sé non deve essere positivo per i componenti virali di qualsiasi tipo, compresi i frammenti di virus non infettivi che non rappresentano un rischio, ma solo per il materiale virale infettivo in grado di diffondersi
  • i “casi”, cioè quelli che sono risultati positivi, si ammalano effettivamente in misura e gravità tali da giustificare una grave preoccupazione per l’intera popolazione

Se queste condizioni sono soddisfatte, un numero crescente di casi rappresenta un rischio epidemiologicamente rilevante per il pubblico. Tuttavia, nessuna di queste condizioni è attualmente soddisfatta:

  • il numero di test è in continuo aumento settimana dopo settimana ed è aumentato complessivamente del 75 per cento da metà giugno (16.6., settimana 24) (PDF, pag. 12) – da 326.000 a 573. 000; pertanto, un confronto del numero assoluto di casi è fuorviante e falsificante; in relazione all’espansione del test, il numero di casi è approssimativamente raddoppiato durante questo periodo, mentre il tasso di quelli positivi al test è aumentato solo dallo 0,9 per cento (16,6.) all’1,0 per cento (5,8.) (vedi grafico sotto)
  • non esistono dati ufficiali sul cambiamento della composizione dei siti di test nel tempo (dove si svolgono i test e in quale settimana); c’è un notevole margine di manovra, se c’è l’intenzione politica di farlo, per ottenere i risultati “desiderati”.
  • i risultati dei test non sono attualmente corretti per i falsi positivi; la percentuale di falsi positivi è approssimativamente dello stesso ordine di grandezza (circa l’uno per cento) dell’attuale proporzione di soggetti positivi; è possibile che molti, se non la maggior parte, dei test positivi siano dovuti a risultati di test errati, specialmente quando si effettuano test in aree con bassa prevalenza di virus
  • il test rileva frammenti molto piccoli del virus, compreso il materiale virale non infettivo, il che consente di ottenere poche o nessuna informazione rilevante per valutare il rischio della situazione epidemica
  • il numero di pazienti gravemente malati in Germania continua ad essere nella bassa fascia a tre cifre (collegato nell’articolo PDF p. 11, al 6.8.: 236 pazienti in terapia intensiva), non si è registrato un rapido aumento; rispetto al mese precedente, i numeri sono diminuiti (al 6.7.: 327 pazienti)

Cosa significa

Nella sfera pubblica politica e mediatica si può osservare un pericoloso (auto)inganno di massa di due tipi. Da un lato, il Ministero della Salute e l’Istituto Robert Koch (RKI), i cui esperti sono senza dubbio a conoscenza dei fatti sopra citati, stanno presumibilmente partecipando deliberatamente a un grossolano inganno del pubblico con l’enfasi fuori contesto sul “numero crescente di casi”. D’altra parte, i grandi mezzi di comunicazione, apparentemente incapaci o acritici a sufficienza per riconoscere o voler riconoscere l’inganno, agiscono come amplificatori efficaci.

Il risultato è una bolla pericolosa in cui il governo e i media sono intrappolati insieme e si confermano a vicenda: le agenzie governative avvertono il pubblico su basi insufficienti o false e si fidano ancora di più delle proprie conclusioni sbagliate quando poi ne leggono i giornali. Liberamente adattato da Karl Kraus: “Come viene governato il mondo e condotto in guerra? I diplomatici mentono ai giornalisti e ci credono quando lo leggono”. Le conseguenze, soprattutto le misure di limitazione della libertà derivanti dalle conclusioni sbagliate, causano danni duraturi alla società. I media e la politica sembrano incapaci di autocorreggersi.

Conseguenze politiche e legali

Le misure politiche giustificate da “un numero crescente di casi” presi fuori contesto – che vanno dalle maschere obbligatorie più severe, soprattutto nelle scuole, ai test obbligatori per i rimpatriati in vacanza e alla sospensione di un ulteriore rilassamento – non sono scientificamente fondate e sono quindi fondamentalmente discutibili o addirittura illegittime. I tribunali che dichiarano tali misure discutibili o illegittime legali e appropriate con riferimento alla presunta perizia del RKI non adempiono a sufficienza al loro dovere di verificare in modo indipendente i fatti e il contesto.

Perché l’RKI e il Ministero della Salute ingannano il pubblico?

Il presidente dell’RKI, Lothar Wieler, ha spiegato alla conferenza stampa del 28 luglio, che l’aumento del numero di casi è “solo collegato” al fatto che la popolazione è “diventata negligente”. Wieler non ha menzionato alcuna prova per questa affermazione, che è palesemente falsa (poiché, tra l’altro, non si tiene conto dell’espansione del volume di prova). In apparenza, questa affermazione è un linguaggio politico usato per intimidire i cittadini. Su richiesta della Multipolar, l’RKI non ha fornito alcuna prova della dichiarazione del suo Presidente.

Anche la questione di come l’RKI abbia potuto garantire che il numero di casi non fosse influenzato in modo significativo dall’aumento del numero di test e dai risultati di test falsi positivi non ha ricevuto risposta dall’autorità, nonostante le numerose richieste di informazioni scritte e telefoniche.

Non è ancora chiaro perché l’RKI e il Ministero Federale della Salute, che dà istruzioni, stiano grossolanamente ingannando il pubblico in questo modo.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta l’11.08.2020 su multipolar-magazin.de

+++

Fonte dell’immagine: una foto / persiana

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort