La vera rivoluzione

Un punto di vista di Kerstin Chavent, Elisa Gratias, Isabelle Krötsch.

Il nostro mondo è in un processo di profondo cambiamento. Un’intera civiltà sta barcollando verso la sua fine. Le divisioni, lo sfruttamento e la distruzione sembrano ancora prevalere.

Può ancora sembrare che non abbiamo alcuna possibilità di sopravvivere contro una macchina che non tiene conto di tutta la vita. In tutti i settori si cerca di manipolare, controllare, distruggere o sostituire i vivi. Le tracce lasciate dall’avidità di potere e denaro sono oggi così palpabili che anche i più ottimisti hanno perso la speranza di un mondo migliore.

Sia nel mainstream che nelle piattaforme di esposizione dei media alternativi, ci troviamo di fronte al fatto che le persone probabilmente non esisteranno più a lungo. Ma parallelamente alle cattive notizie si sta formando una nuova coscienza, che non può essere trascinata negli abissi, ma che contrasta le forze distruttive. Questa coscienza rispetta i vivi e riunisce di nuovo le persone. Al suo centro non c’è la paura, ma l’amore.

Ci vuole coraggio per uscire dall’oscurità della grotta in tempi di confusione generale e di incertezza, come nella parabola di Platone, per volgersi alla luce del sole. Jens Wernicke, il direttore della rivista Internet Rubikon, ha avuto coraggio quando ha creato la redazione di Aufwind all’inizio del 2018. Ha osato creare un forum per argomenti psicologici, filosofici e spirituali nella sua rivista online, che si concentra principalmente su questioni politiche.

Così noi, i responsabili di questa redazione, abbiamo dovuto sviluppare il coraggio e cercare alternative e visioni reali. Non vogliamo imbiancare la realtà o rifugiarci in paradisi artificiali. Vogliamo contribuire a ridisegnare il nostro mondo. Per trovare soluzioni, non possiamo aspettare che tutto si risolva in qualche modo, se siamo abbastanza ottimisti e beviamo tè ecologico. Vivere nell’era del cambiamento fondamentale non è una passeggiata domenicale. Perché c’è un solo modo per risolvere i giganteschi problemi che ci troviamo ad affrontare: camminarci dentro.

L’uscita dall’inferno di Dante non era proprio nel mezzo? Dobbiamo entrare nella foresta oscura, illuminare i profondi abissi della distruzione. Dobbiamo affrontare la rabbia impotente e la paura esistenziale che la situazione attuale sta causando in molti di noi. Con i nostri testi cerchiamo di fare un passo avanti, di mostrare le vie d’uscita dal tunnel buio. Per qualsiasi tipo di guarigione, è necessario prima affrontare lo scomodo, lo spiacevole, lo spaventoso. Dopotutto, non possiamo lasciarci alle spalle nulla di cui non siamo consapevoli e che ci influenza in modo subliminale.

Ma non vogliamo rimanere bloccati nell’indignazione e nell’impotenza e fare della paura e dell’amarezza i nostri segnali. Perché è proprio questa presunta impotenza che è il carburante per le strategie di sfruttamento e di oppressione del mondo attuale. Così abbiamo deciso di trasformare la nostra rabbia in coraggio per dare di nuovo forza a noi stessi. Chi vuole cambiare il mondo deve prima cambiare il proprio atteggiamento.

Questo è stato insegnato da tutti i grandi leader politici e spirituali oltre che da Gandhi. Questa intuizione è il cuore dei testi di coraggio. Il superamento dell’impotenza richiede che ci avventuriamo nel nostro boschetto. Qui dentro di noi troviamo la forza con cui possiamo superare il caos esterno. È più facile a dirsi che a farsi. Perché è molto più comodo cercare il motivo dei propri problemi all’esterno e acquistare soluzioni adeguate piuttosto che cercarli all’interno. Con questo obiettivo in mente, la redazione ha intrapreso un viaggio di ispirazione. Scriviamo personalmente, per esperienza personale, e mettiamo sempre piede nel vuoto con la sicurezza che l’aria porta con sé.

Come soggetti dei nostri testi, non cerchiamo alcuna forma di obiettività o neutralità. Perché questo significherebbe che ci eleviamo al di sopra dei nostri sentimenti. Questo è esattamente ciò che non vogliamo. Vogliamo essere toccati e confrontarci consapevolmente con la nostra debolezza e vulnerabilità. Non vogliamo separarci dalla nostra umanità, come abbiamo fatto più volte nella nostra storia. Vogliamo rimanere umani. E così è una delle principali preoccupazioni della nostra redazione collegare testa e cuore, perché solo questo abbraccio interiore può impedirci di nasconderci dietro ordini e decisioni straniere. Chi viaggia in questo modo vive costantemente situazioni in cui si trova in difficoltà.

Ma nel momento in cui i nostri limiti raggiungono l’apice e ci sentiamo molto piccoli, avviene il miracolo: si apre una porta dove non ce lo saremmo mai aspettato. E quindi il coraggio da solo non basta per andare avanti. Abbiamo bisogno anche dell’esperienza della nostra debolezza. Da essa deriva l’umiltà che ci fa chinare il capo quando si tratta di attraversare un tunnel buio. Solo così possiamo liberarci dalle nostre fantasie di onnipotenza, la cui scia distruttiva di sangue si è bruciata nel profondo del nostro pianeta. Il tunnel è poi seguito da un campo aperto: qui possiamo sviluppare visioni e utopie alternative e cercare di ispirare gli altri con esse. Potenzialmente tutti i settori della vita vengono affrontati. Insieme i testi formano un flusso eterogeneo di trasformazione in cui siamo unici e uniti allo stesso tempo.

In questa consapevolezza, siamo al tempo stesso compagni in punto di morte di un mondo vecchio e ostetrici di un mondo nuovo. La nostra speranza diventa una visione in cui il fisico e lo spirituale vanno di pari passo e le divisioni vengono superate. In quest’ottica, abbiamo selezionato una serie di articoli che mostrano come prendere il timone e guidare la nave in una direzione diversa. Ci sono molte ragioni per essere fiduciosi! Con l’apertura anche ai temi spirituali e alla dimensione sottile della vita, cominciamo a percepire il grande potenziale creativo che è in noi. Non siamo più agenti di un’ideologia che ci viene imposta, che si nutre della divisione e teme di seminare ovunque. Ci riprendiamo la nostra dignità.

Prendendo coscienza di noi stessi, abbiamo messo in moto una trasformazione collettiva, gettando le basi di una società in cui l’impegno politico e la formazione della mente vanno di pari passo. In questo modo si può creare una convivenza sana, pacifica e amorevole senza violenza.

Si tratta di una stampa esclusiva del libro “Nur Mut!”, il secondo libro della redazione di Rubikon.

+++

Nota sull’articolo di Rubikon: Il seguente testo è apparso per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento immagine: Babaroga / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort