La pandemia del coronavirus. Morire, ma non ovunque

Nota dell’editore: il testo è stato registrato la mattina del 09.03. Nel corso della giornata si sono verificate le prime morti di corona in Germania

Qual è l’interesse della realtà? L’importante è mantenere le apparenze. La Repubblica Federale di Germania segue questo motto anche nel caso Corona.

La posizione di Dagmar Henn.

Se si guarda la mappa del mondo (1) della John Hopkins University, che registra l’attuale diffusione globale del virus COVID-19, una cosa colpisce. In tutti i paesi dove c’è un numero significativo di infezioni, ci sono anche dei decessi. In tutti tranne uno: Germania. Lì, anche se il numero di infezioni confermate è già a 937 (alle ore 08.03. di mezzogiorno), non sono stati segnalati decessi.

È possibile? No, non è possibile. Se prendiamo i dati corrispondenti dei paesi vicini per un confronto, il risultato sarebbe tra dieci e 34, ma non certo zero. Poiché in Germania vivono più persone in età avanzata (2) che in Spagna o in Italia, anche il numero di casi da gravi a fatali di COVID-19 dovrebbe essere più alto.

Non ha ancora dato fastidio a nessuno. Questo è il segno di una grave disfunzionalità mediatica – questa aberrazione è così evidente che ci si imbatte in essa non appena si va sul sito web in questione, e tutti ci vanno.

La domanda dovrebbe essere sulla bocca di tutti: dove sono i morti tedeschi che scompaiono? Lo slogan è stato lanciato ancora una volta per non allarmare la popolazione con informazioni inutili? Oppure – e questa è la spiegazione più probabile – c’era, per precauzione, nessuno ha mai guardato?

Si tratta di un risultato speciale da non testare estensivamente per COVID-19 in Germania. Dopo tutto, il test viene prodotto a Berlino (3) e inviato da lì in tutto il mondo. Ma il web (e anche la stampa mainstream in questo caso) è pieno di segnalazioni di tentativi di test non riusciti; le compagnie di assicurazione sanitaria pagano il test solo se c’è sia un viaggio in un’area ad alto rischio sia i sintomi, e altrimenti probabilmente faranno pagare due o trecento euro per un test che, secondo il produttore, “non costerà più di dieci euro compreso il lavoro di laboratorio”. Non dovrebbe essere una sorpresa che si stia facendo un accordo. Tuttavia, sarebbe compito di un vero e proprio ministro federale della sanità garantire che i test possano svolgere la loro funzione.

La loro funzione risiede nella prevenzione – solo se i test vengono eseguiti nel modo più completo possibile è possibile identificare l’attuale diffusione del virus e rendere più difficile l’ulteriore diffusione del virus con misure adeguate. Meno energia viene spesa per il rilevamento dei vettori in una fase iniziale, più gravi sono le misure che possono essere ancora efficaci in seguito.

E no, il male non richiede un intento malvagio. Certo, il signor Spahn fornisce le prestazioni che ci si può aspettare da lui – per secernere aria calda e per mettere una buona parola sulla situazione esistente – ma ci sono così tanti problemi intrecciati che dopo, cioè tra uno o due anni, quando almeno la prima ondata sarà finita, si dovrebbe essere occupati con un sacco di riordino, ma ora si può solo affermare che una macchina rotta non funziona più dopo uno schiocco di dita. Il vero potere decisionale, come il Ministro della Salute saggiamente non dice, spetta alle autorità sanitarie.

Sono finanziati dalle autorità locali, il che in gran parte del paese si traduce semplicemente in carenza di personale e sottofinanziamento; c’è un funzionario della sanità pubblica disperato seduto in uno dei due posti, perché non si riesce a trovare nessuno per il secondo, e che cerca di ottenere in qualche modo gli esami scolastici preliminari, gli esami sanitari per il settore della ristorazione e tutto il resto della roba medica ufficiale come un possibile screening della tubercolosi, e ora dovrebbe anche assicurarsi che tutto vada liscio con Corona?

E ancora di più, dovrebbe intervenire improvvisamente nelle procedure, chiudere le scuole per esempio, sigillare i distretti, ordinare test di massa? Le condizioni sono estremamente sfavorevoli. Il fatto che il fulcro delle infezioni finora conosciute con la NRW si trovi nello Stato federale di tutti i luoghi, in cui un numero particolarmente elevato di comuni è sotto amministrazione forzata, cioè si deve assumere una situazione finanziaria particolarmente negativa al livello più basso, non rende la situazione più favorevole.

A proposito, sono anche le autorità sanitarie che dovrebbero ordinare autopsie (4) per determinare se l’uno o l’altro è morto di COVID-19. Senza un ordine, non vengono eseguite autopsie. Il defunto sarà morto di qualcosa. In Germania questo è in generale più importante che nei paesi limitrofi. Perché il virus corona di tutte le cose dovrebbe cambiare queste abitudini?

Jens Berger ha già descritto in dettaglio gli effetti della privatizzazione del sistema sanitario in questo contesto il 2 marzo sulle pagine di riflessione (5). Ma ci sono molti altri aspetti che dovrebbero dare un po’ di gioia in questo contesto.

Avete mai pensato alla situazione della sicurezza alimentare? Certo, al momento i supermercati hanno problemi solo con la pasta e la carta igienica (6), e quello che sta succedendo è in realtà solo un po’ di scorte ragionevoli, ma – quattro quinti degli alimenti vegetali sono importati. Ora l’Unione Europea ha insistito sull’apertura delle frontiere al momento sbagliato e precoce, in modo che A.M. non venga a nuocere (nel cui interesse una chiusura delle frontiere non deve in nessun caso essere portata in un contesto positivo), ma se si aggiungono altre due o tre settimane allo sviluppo italiano e ora anche a quello tedesco, allora le frontiere chiuse risultano semplicemente dal fatto che tutto il traffico è completamente bloccato per quanto possibile. Da dove vengono allora, i quattro quinti? Patate al posto della pasta?

Uno dei segreti per cui queste estese quarantene erano applicabili in Cina era che nessuno veniva lasciato solo con loro. C’erano volontari nei quartieri per assicurarsi che tutti avessero cibo e fossero provvisti di cibo.

E che ne dite di questo? Chi può sapere in quale piano vive la nonna, chi non può più fare la spesa da sola o chi dei vicini non può semplicemente permettersi di fare scorta di cibo e quindi soffrirebbe molto rapidamente di penuria se il peggio dovesse accadere? Un governo ragionevole avrebbe reagito alla tendenza degli acquisti delle ultime due settimane chiedendo ai genitori single e ad altri poveri di portare qualcosa con sé.

Una chiusura di tutti i luoghi in cui le persone si incontrano in gran numero includerebbe una chiusura delle lavagne – come verrebbero sostituite? Ma ciò richiederebbe una discussione pubblica sulla povertà, cosa che, come sappiamo, non è possibile perché non si discute dei problemi reali. Così ci rimangono discorsi sul non farsi prendere dal panico, e incantesimi che tutto è così buono, che non può succedere nulla, e nemmeno quegli appelli necessari e fattibili per mitigare le conseguenze della disuguaglianza.

Naturalmente, il governo tedesco sa che la metà dei pensionati che hanno meno di 800 euro al mese non sono in grado di costituire scorte come i genitori single e le altre vittime della Hartz4. Probabilmente sa meglio di coloro che ne sono colpiti come questo possa trasformarsi molto rapidamente in un vero e proprio disagio in determinate circostanze; le linee di alimentazione devono solo essere più interrotte, non ancora tagliate. Ma anche qui non c’è alcuna reazione.

C’è persino il verbo ‘notare’ (7) per rispondere ai problemi non facendo nulla. Si è tentati di immaginare il signor Spahn che si strofina le mani (ben disinfettate, ovviamente) in considerazione del fatto che se il virus si diffondesse senza ostacoli, ci si aspetterebbe la morte di un numero considerevole di pensionati, il che potrebbe alleviare sia i fondi pensione che il mercato immobiliare, semplicemente aspettando… No, al più tardi dopo il generoso invito al mondo intero a vivere sulle panchine del parco tedesco, non c’è più il cinismo, che non riesco a immaginare in questo staff, ma un residuo di compassione umana o di un senso di responsabilità abbastanza regolare deve essere da qualche parte…

In due settimane, secondo i calcoli (8) circolanti in rete, il sistema sanitario italiano crollerebbe se il trend attuale continuasse. Lo sviluppo tedesco segue quello italiano quasi esattamente ogni settimana. Se si volesse utilizzare queste tre settimane per prevenire un tale collasso, allora si dovrebbero adottare in breve tempo misure come test di massa e un adeguato isolamento delle persone infette. Possiamo scommetterci… Ma temo che qui non ci sia nessuno disposto a scommettere sull’apparato statale.

Beh, ci sono molte strategie per manovrare te stesso in un angolo. In questo caso, è l’insistenza di avere tutto sotto controllo, anche senza controlli alle frontiere, e di far sembrare la situazione innocua perché non ci sono vittime, il che d’altra parte renderebbe impossibile reagire ora come necessario. Al contrario, lo sviluppo delle infezioni segue il modello italiano, ma le misure adottate sono ancora molto indietro rispetto a quelle italiane.

Ieri è stato ora riportato (9) che c’è un primo tedesco ufficialmente morto di COVID-19. Tuttavia, è partito appositamente per l’Egitto. In Germania ci sono nel frattempo 1040 persone infette, ma ancora nessun morto.

Sarebbe davvero il momento di dissotterrare la Corona tedesca morta.

Fonti:

  1. https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/bda7594740fd40299423467b48e9ecf6
  2. https://www.dia-vorsorge.de/demographie/zahl-der-hochaltrigen-steigt-weltweit/
  3. https://www.tagesspiegel.de/berlin/tib-molbiol-berliner-firma-produziert-coronavirus-tests-fuer-die-ganze-welt/25602142.html
  4. https://www.stern.de/gesundheit/autopsie-zahl-der-obduktionen-alarmierend-niedrig-3432200.html
  5. https://www.nachdenkseiten.de/?p=58940
  6. https://www.der-postillon.com/2020/03/corona-quarantaene.html
  7. https://www.wortbedeutung.info/merkeln/
  8. https://www.zerohedge.com/geopolitical/leader-italys-democratic-party-tests-positive-covid-19-live-updates
  9. https://www.welt.de/politik/deutschland/article206424925/Coronavirus-Deutscher-60-stirbt-in-Aegypten-Freitag-Fieber-Sonntag-tot.html?lid=1416208&wtrid=newsletter.eilmeldung.newsteaser…standardteaser

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Yulia Grigoryeva / Persiana

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort