La “Nuova Normalità” totalitaria | di Rainer Rupp

Perché il sistema Merkel teme l’opposizione extraparlamentare?

Un commento di Rainer Rupp.

Anche per molti oppositori della manifestazione e del raduno di massa dei pensatori laterali che si è svolto a Berlino il 29 agosto, le velenose e radicali condanne di questa opposizione, emerse da tutti gli strati della popolazione, da parte dei politici compiaciuti dei partiti consolidati, si spingono troppo oltre. Questo è stato evidente nei numerosi talk show organizzati in fretta e furia che hanno riempito le trasmissioni radiotelevisive degli ultimi giorni. Hastily organizzato perché tra gli ospiti invitati c’erano spesso persone che erano state a Berlino quel giorno e che avevano assistito alle manifestazioni. Non sono giunti alla conclusione prestabilita che ci fossero solo nazisti ovunque alla manifestazione.

I diritti, come quelli dei cittadini della NPD o del Reich erano lì, ma solo marginalmente. In nessun modo i diritti hanno avuto un ruolo di primo piano, ma i manifestanti e i partecipanti al raduno hanno rappresentato uno spaccato della popolazione. Tuttavia, con la loro diversa valutazione, hanno avuto difficoltà a contrastare la massiccia superiorità dei partecipanti al talk show politicamente corretti. La signora Saskia Esken, la parte femminile della duplice leadership della SPD neoliberale, ha riassunto la loro posizione come segue, come linea guida per una copertura mediatica politicamente corretta su Twitter:

“Negatori dell’Olocausto, ideologi cospiratori antisemiti ed esoteristi, che dichiarano “colpevoli” i rappresentanti dei media, della scienza e della politica e chiedono apertamente l’assalto del Reichstag e il suo rovesciamento”.

Questo è stato il tenore della copertura mediatica pubblica. Insieme ai gruppi mediatici privati che sono stati messi in riga, hanno inondato il nostro Paese in un loop senza fine dal fine settimana con uno tsunami di oltraggio ipocrita su nazisti, diritti e “corona denari”. Il termine “denari” ha lo scopo di avvicinare psicologicamente questi ultimi ai denari dell’Olocausto.

L’attuale campagna di propaganda contro l’opposizione extraparlamentare è insolitamente massiccia. Ovviamente, anche nell’ultimo angolo della nostra repubblica, l’immagine va trasmessa al cittadino onesto che solo i cittadini di destra e i nazisti, o i pazzi nazisti con intenzioni maliziose, subdole e antidemocratiche, mettono in discussione le azioni dei buoni politici che hanno a cuore il bene comune.

Il motto è, credeteci, siamo del governo. Solo un mascalzone nazista potrebbe dubitare che le centinaia di miliardi di euro dei pacchetti di aiuti della Corona non siano stati distribuiti generosamente solo a beneficio della popolazione attiva. Solo i cattivi ragazzi, che vogliono distruggere la nostra democrazia e non sanno nulla di economia, si chiedono perché, ad esempio, la maggior parte degli aiuti della Corona sia andata ad amici della grande industria che sono invischiati nella politica, presumibilmente per salvare posti di lavoro. Eppure sono le piccole e medie imprese e le piccole imprese in cui più di quattro quinti dei dipendenti guadagnano lo stipendio, ma che sono state private di briciole di aiuti.

Solo gli idioti di Covit (citazione di SPD-Eskens) possono chiedersi perché, ad esempio, le infermiere, che sono state applaudite e lodate per il trifoglio verde per il loro lavoro sacrificale durante i mesi di picco dello stato e l’isteria da corona alimentata dai media, sono ancora oggi gravemente sottopagate, quando allo stesso tempo i politici hanno alleggerito in pochi giorni un’iniezione di liquidità di 9 miliardi di euro, ad esempio per Lufthansa AG. Per questa somma lo Stato avrebbe potuto acquistare tutte le azioni Lufthansa due volte. Ma i politici del governo, che hanno accaparrato questo denaro alla compagnia privata Lufthansa, non volevano nemmeno avere voce in capitolo nel gruppo su come il denaro veniva utilizzato. Così ora i capi della Lufthansa, che sono orientati a massimizzare i profitti, possono, a loro discrezione, adeguare il sistema di previdenza sociale verso il basso nei prossimi licenziamenti di massa.

Questa e molto altro ancora è solo la punta dell’iceberg di un convoluto di feltro e corruzione che ha regnato per anni nel neoliberismo, non c’è alternativa al governo Merkel. Il motto di questi signori è che nessuna crisi va sprecata inutilizzata. Le pandemie, le minacce di guerra o addirittura le guerre offrono ai profittatori politici ed economici, che si definiscono élite, in particolare molte opportunità per succhiare il miele dal caos che si è creato a spese della popolazione. Tuttavia, la probabilità che queste persone siano ritenute responsabili è piuttosto bassa. Non è diverso con l’attuale pandemia di Covid, che è stata fatta esplodere politicamente e nei media. Per loro vale poi la parola biblica del Salmo 127, che si adatta in modo eccellente ai profittatori elitari della democrazia Merkel. Qui dice:

“È vano che vi alziate presto e vi sediate tardi per mangiare il pane della fatica, perché il Signore lo dà ai suoi nel sonno”.

L’artista e scrittore americano CJ Hopkins, che vive a Berlino da molto tempo, ha osservato molto da vicino questo sviluppo, che non avviene solo in Germania, e ha presentato un’accorta analisi sulla base della demo di Querdenker del 29 agosto sul portale finanziario statunitense Zerohedge, ovvero come le élite al potere stiano facendo di tutto in nome della democrazia per abolire la democrazia cercando di impedire gli sviluppi democratici a livello di base attraverso campagne diffamatorie. Qui di seguito alcuni estratti del suo testo:

“Nei giorni precedenti le proteste (29 agosto a Berlino), i funzionari governativi e i propagandisti dei media hanno fatto quello che fanno i funzionari e i propagandisti: hanno ripetuto instancabilmente la loro narrazione ufficiale secondo cui chiunque protesti contro il Nuovo Normale, o dubiti della narrazione ufficiale del coronavirus, è o un estremista neonazista violento” o “teorico della cospirazione” o una “minaccia esistenziale alla democrazia”.

Il testo prosegue dicendo, cito:

“Nonostante la dichiarazione dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione secondo cui solo “singoli membri di gruppi estremisti di destra” hanno preso parte alla protesta del 1° agosto e che “gli estremisti di destra non hanno alcuna influenza formativa sui demo”, sia i media aziendali tedeschi che quelli internazionali hanno pompato una storia dopo l’altra nel pubblico, come se le orde neonaziste ultraviolente attaccassero ancora una volta Berlino!

In un altro saggio sul suo sito consentfactory.org intitolato “Invasion of the New Normal”, CJ Hopkins discute il fenomeno di questo “Nuovo Normale”, che è stato fortemente dibattuto dalle élite occidentali come un futuro modello di società per le masse fin dall’apice dell’isteria di Corona. Infatti, secondo Hopkins, questo è il “totalitarismo della Nuova Normalità”.

Secondo Hopkins, la propaganda ufficiale era già iniziata nel marzo di quest’anno. “Ha raggiunto la sua piena intensità all’inizio di aprile. Improvvisamente si è parlato di “Nuova Normalità” ovunque, non solo nei principali media aziendali (ad esempio CNN, NPR, CNBC, The New York Times, The Guardian, The Atlantic, Forbes, ecc.), ma anche nel FMI e nel Gruppo della Banca Mondiale, nel WEF, nell’ONU, nell’OMS, nel CDC, nonché nei blog delle organizzazioni sportive, nelle consulenze di management globale, nei siti web delle scuole e in video YouTube selezionati a caso.

“Lo slogan è stato ripetuto instancabilmente negli ultimi sei mesi (proprio come dice il libro di testo sull’introduzione di un’ideologia totalitaria basata sulla menzogna). Lo abbiamo sentito così spesso che molti di noi hanno dimenticato quanto sia folle quest’idea che la struttura di base della società debba essere drasticamente e irrevocabilmente cambiata a causa di un virus che non rappresenta una minaccia per la stragrande maggioranza della specie umana”.

La “Nuova Normalità” è un movimento totalitario classico e il suo obiettivo è quello di trasformare radicalmente, completamente, la società, … e stabilire il controllo completo su tutto e su ogni pensiero, emozione e interazione umana. … La paura della malattia, dell’infezione e della morte e l’attenzione ossessiva ai problemi di salute domineranno ogni aspetto della vita. La propaganda paranoica e i condizionamenti ideologici saranno onnipresenti e costanti. La società della Nuova Normalità totalitaria sarà permeata dalla paura e dal conformismo”, per quanto riguarda il berlinese Hopkins.

In realtà, il programma ideologico delle “élite” non ha quasi nulla a che fare con un virus mortale sotto forma di pandemia apocalittica, poiché i media, con i suoi numerosi riferimenti alla peste o all’influenza spagnola, cercano di sussurrare alla popolazione. Piuttosto, le élite neoliberali hanno fin dall’inizio mirato a utilizzare il virus corona come cavallo di Troia per introdurre il “Nuovo Normale” totalitario. In questo nuovo modello di società, le élite del patto unitario politico-partitico possono avanzare senza alternative. Essi determinano la linea d’azione, che si tratti di Corona, di CO2 e del clima o di quali favole ufficiali di cospirazione dobbiamo credere, dall’11 settembre all’avvelenamento degli scripals a Salisbury in Inghilterra e ora, più di recente, il signor Navalny con il Novitschock assolutamente fatale, il cui assassinio è stato ordinato dallo stesso presidente russo Putin.

Chi si ribella a questa “Nuova Normalità” e vuole discutere di idee politiche o socio-politiche alternative non troverà spazio né nell’apparato partitico unificato né nei media consolidati. Chiunque la pensi diversamente dalla linea ufficiale e lo esprima pubblicamente è un nazista, un alu hat, un teorico della cospirazione, un sostenitore degli UFO o comunque un pazzo o un malvagio. In ogni caso, non è più un membro a pieno titolo della società. Queste persone appartengono e sono già emarginate, diffamate. Molto spesso perdono il lavoro o sono comunque disciplinati, non solo qui in Germania, ma in tutti i paesi dell’Occidente ancora dominati dal neoliberismo.

Ma grazie alla moderna elettronica, è ora possibile diffondere tra la gente notizie e analisi che prima non erano filtrate per la loro correttezza politica e statale, su scala di massa. Di conseguenza, si è formata un’ampia opposizione alla Merkel Democracy a livello di base da parte di tutti gli strati della popolazione. Questa opposizione non è diretta contro uno specifico partito di governo, ma piuttosto contro il presunto corso non allineato del budino di standardizzazione neoliberale incarnato dai partiti politici consolidati, dalla CDU/CSU/SPD all’FDP e dai Verdi alla maggior parte della sinistra. Per questo motivo, i rappresentanti di questi partiti sono uniti dietro il sistema Merkel quando si tratta di opporsi all’opposizione extraparlamentare, come nella grande manifestazione del 29 agosto.

E in effetti, questa eterogenea opposizione extraparlamentare nelle strade e nelle piazze del nostro Paese rappresenta una vera e propria minaccia per il governo delle élite della Merkel Democrazia semplicemente a causa della sua esistenza. Temono giustamente di perdere sempre più il loro monopolio dell’informazione e che diventi più difficile manipolare le masse. Concretamente, si può dimostrare che nel frattempo in tutta una serie di paesi c’è stato un chiarimento completo da un punto di vista medico-scientifico sulla letalità (la letalità) e sull’estensione delle malattie covidee e che queste notizie non potevano essere soppresse dagli ambienti interessati.

Morti di Corona – doppio conteggio e statistiche fraudolentemente falsificate

Sotto il titolo “I funzionari britannici sono stati sorpresi a gonfiare i numeri dell’ospedale di Covid al culmine della “pandemia””, un rapporto del 21° secolo ha fatto un grande balzo in avanti il 22.08.20. A causa dei tassi di infezione insolitamente elevati in Gran Bretagna, si sospettavano da tempo irregolarità. Secondo il rapporto, sono emerse nuove prove che dimostrano che i ricoveri ospedalieri per il COVID-19 nel Regno Unito sono stati notevolmente “esagerati” durante il culmine della crisi di aprile. Sembra “che i pazienti ricoverati per altre malattie siano stati di fatto conteggiati come pazienti Covidi nei totali statistici del governo.

Questa non è stata la prima imbarazzante ammissione di una grossolana manipolazione dei numeri di infezione da corona verso l’alto. Simili rivelazioni su numeri dubbi nelle statistiche ufficiali del governo sulla corona erano già state fatte in precedenza. Letteralmente, il rapporto dice: “Tutti loro (le statistiche dubbie) sono state strumentali nel dare al pubblico la falsa impressione che ci fossero più morti Covidi che morti reali. Già nel luglio di quest’anno, il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock, ha dovuto ammettere che i dati sulle morti per corona erano stati falsificati fraudolentemente dall’autorità sanitaria pubblica britannica, con il risultato di un effettivo “doppio conteggio” dei decessi”.

Il 24 agosto, il 24 agosto, il consulente scientifico del governo britannico, eminente esperto di malattie infettive, il professor Mark Woolhouse dell’Università di Edimburgo, si è fatto avanti per criticare con forza le misure anti-corona del governo. Secondo Summit News, dice: “L’isolamento è stata una misura di panico, e credo che la storia dirà che il tentativo di controllare Covid-19 attraverso l’isolamento è stato un errore monumentale su scala globale, la cura è stata peggiore della malattia”.

“Inoltre, il danno che la chiusura ha fatto al nostro sistema educativo, alla nostra assistenza sanitaria, alla nostra economia e alla società è stato almeno tanto grande quanto il danno che COVID-19 ha fatto. Non voglio mai più vedere un isolamento nazionale”, ha aggiunto Woolhouse.

Richard Sullivan, professore di Cancro al King’s College di Londra, aveva avvertito prima che, a causa dell’isolamento di Corona, nei prossimi 5 anni ci saranno più morti per i mancati trattamenti contro il cancro rispetto al numero di persone che sono state risparmiate grazie all’isolamento di Covid-19.

Allo stesso tempo, un’indagine condotta nel luglio di quest’anno ha mostrato quanto l’isteria della corona abbia suscitato l’isteria dei media e i politici abbiano manipolato gli inglesi facendogli credere che sarebbero stati colpiti da una pandemia paragonabile alla peste. L’indagine ha mostrato che la gente credeva che il 7 per cento della popolazione, ovvero 5 milioni di britannici, fosse stato ucciso da COVID-19.

Il rapporto sulla comorbilità dagli USA 

Anche negli USA la popolazione si sta lentamente rendendo conto che, in vista delle imminenti elezioni presidenziali, la paura, a volte isterica, del virus corona è stata sistematicamente suscitata dagli oppositori dell’amministrazione Trump in politica e nei media per far fare una brutta figura a Trump. Infatti, a differenza dei democratici, Trump si affida alla strategia svedese dell’immunità del gregge e si rifiuta di distruggere completamente l’economia statunitense con un blocco.

I recenti sviluppi sembrano dimostrare che Trump ha ragione su questo punto, dato che i nuovi casi di Covid-19 che richiedono un trattamento ospedaliero o che finiscono addirittura con la morte sono diminuiti drasticamente nelle ultime settimane. I Democratici e i media ad essi associati stanno cercando di nascondere il più possibile questo sviluppo al pubblico americano.

La strumentalizzazione politica della sovranità di interpretazione sul virus corona ha assunto tratti grotteschi nella campagna elettorale statunitense, come si può vedere nell’esempio del circo politico organizzato intorno alla pubblicazione dei dati sulla mortalità di Covid-19 da parte del National Center for Health Statistics (NCHS) statunitense il 26 agosto. Il NCHS è diretto dal Centro statunitense per il controllo delle malattie, che svolge una funzione simile a quella dell’Istituto Robert Koch in questo paese.

Il rapporto della NCHS, sotto il titolo di comorbidità, afferma che solo nel 6 per cento dei decessi dichiarati come COVID-19, il virus corona è stata l’unica causa menzionata. Nel restante 94 per cento dei decessi registrati come Covid-19, “c’è stata una media di 2,6 ulteriori gravi malattie o cause di morte”. (Il numero di decessi per ogni malattia o causa è indicato in una tabella separata per tutti i decessi e le fasce d’età, vedi link). Le malattie polmonari croniche, l’ipertensione arteriosa e soprattutto le malattie influenzali sono stati i killer più frequenti in relazione a un’età molto elevata nei pazienti affetti da Covid-19 gravemente malati.

Questa notizia sulla comorbilità delle vittime della corona ha fatto rapidamente il giro dei cosiddetti “social media” degli USA. Si dice che anche il presidente Trump l’abbia distribuito due volte attraverso il suo account Twitter prima che iniziasse la censura e il messaggio scomparisse dalle pagine di Twitter, Facebook, ecc. Il motivo è che questi social media si sono schierati apertamente dalla parte dei Democratici contro Trump durante la campagna elettorale.

Finalmente uno sguardo all’immunità delle mandrie in Svezia

La Svezia, uno dei pochi paesi in Europa che non è salito sul carro dell’isteria da ansia da corona scatenata dai governi e dai media, eppure può indicare che il tasso di infezione da COVID-19 è ancora in calo. Il paese nordico, a quanto pare, non deve temere una seconda ondata di corona. Secondo un rapporto di MarketWatch, i principali esperti sanitari hanno sottolineato che la decisione del paese di introdurre solo una forma leggera di misure igieniche e di non distruggere l’economia e la società con un forte isolamento ha avuto successo e ha portato all’immunità del gregge.

Notizie simili a quella che ho appena citato provengono da molti altri paesi europei. La paura paralizzante sta cedendo. Le “élite” stanno perdendo sempre più il controllo sulla narrazione del virus mortale. E già ci si chiede che cosa succederà quando si scoprirà che il panico, le invasioni del tutto eccessive delle nostre libertà civili, così come il blocco economico con le sue terribili conseguenze, tutto questo non sarebbe stato necessario?

Il governo federale rovescia Corona

Già il 20 agosto, il notiziario economico tedesco titolava: “Corona falso allarme. – Se il governo federale si sbaglia, cadrà”. E continua: “Se il sospetto che il blocco della corona, economicamente dannoso, fosse sbagliato, il governo federale sarebbe in grossi guai”. Questo è probabilmente il vero motivo per cui l’intero sistema Merkel, compresi i politici e i media, sta conducendo una guerra totale contro tutti coloro che, come i cani sciolti e altri gruppi di protesta, smascherano il corrotto Circo della Corona davanti al pubblico.

I gravissimi sconvolgimenti economici e sociali derivanti dal blocco di Corona diventeranno davvero visibili solo all’inizio del prossimo anno, quando l’auspicata ripresa dell’economia a forma di V non si sarà concretizzata e la macchina per la stampa del denaro che attualmente tiene a galla il sistema non potrà continuare per sempre. In questo contesto, c’è da aspettarsi che il sistema Merkel combatterà tutte le espressioni di opinione che si discostano dalla narrazione ufficiale ancora più duramente di prima.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: ©dileyon20

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort