La NATO va a nuotare nel Mediterraneo? | Di Rüdiger Rauls

Un punto di vista di Rüdiger Rauls.

Le tensioni all’interno della NATO sono in aumento. Oltre all’annunciato ritiro delle truppe americane dalla Germania, soprattutto le richieste americane agli alleati per un aumento delle spese militari stanno causando ripetute discordanze. La Turchia, tuttavia, ha causato all’Alleanza i più grandi mal di testa per anni.

La roulette della NATO

Il Medio Oriente sta diventando sempre più una sfida pericolosa per la NATO. Senza necessità e nella tipica arroganza imperialista, si credeva che dopo il crollo dell’URSS, le condizioni del mondo arabo potessero essere riorganizzate secondo i propri interessi. Il risultato è stata una regione in cui l’ordine statale è stato accuratamente acquisito e le strutture sociali sono state scosse.

Le guerre in Siria, Yemen e Libia portano con sé il pericolo di scatenare una conflagrazione nel mondo arabo. Vecchie ancore di stabilità, come l’Egitto, la Siria e l’Iraq, non possono più svolgere la funzione di regolamentazione che avevano esercitato in precedenza. Sono pienamente occupati a stabilizzare le loro società.

Le nuove potenze regionali stanno guadagnando influenza. Includono l’Arabia Saudita, l’Iran e la Turchia. Tuttavia, come dimostra la guerra nello Yemen, i sauditi sono sovraccaricati dal ruolo di fattore di ordine loro assegnato dagli Stati Uniti. Al contrario, la Turchia e l’Iran stanno diventando le forze nella regione che causano ripetutamente difficoltà agli interessi statunitensi.

La debolezza e la perdita di prestigio degli Stati Uniti, così come la diffusa moderazione di Israele nei conflitti intraarabi, hanno creato un vuoto di potere che ha portato sulla scena nuovi attori. I curdi hanno acquisito importanza come truppe ausiliarie statunitensi e maggiore libertà di movimento (1).

I gruppi islamisti, come i Fratelli Musulmani e lo Stato islamico, hanno acquisito influenza e hanno portato allo scompiglio le condizioni prevalenti sia in Egitto che in Iraq. Soprattutto, però, la Russia è diventata il più importante fattore di potere nel mondo arabo grazie al suo sostegno ad Assad.

La Turchia diventa una potenza regionale

Gli interessi economici della Turchia sono sempre consistiti principalmente nell’avvicinarsi all’UE e al suo mercato. Le trattative tra i due sono in corso da anni. Tuttavia, non hanno prodotto risultati soddisfacenti per la Turchia. L’UE ha tenuto il paese in gran parte a distanza.

Invece del mercato chiuso dell’UE, la Turchia si è sempre più orientata verso i Paesi del mondo arabo. Già prima dell’inizio della primavera araba, vari Stati, come le ricche monarchie del Golfo o la Siria, avevano aperto i loro mercati per soddisfare le esigenze di consumo della propria popolazione.

Ne ha beneficiato soprattutto l’economia turca. Grazie alla sua superiorità tecnologica, è stata in grado di fornire alla maggior parte degli stati arabi beni che non potevano produrre da soli o solo a prezzi molto più alti. L’inondazione del mercato siriano con prodotti turchi è stata una delle ragioni dei disordini all’inizio della guerra siriana.

Per estendere la sua influenza in Siria, la Turchia ha sostenuto le forze siriane che si sono opposte ad Assad. Essi e le principali potenze occidentali speravano in un cambiamento di regime che portasse al potere in Siria forze disposte a fare maggiori concessioni agli interessi economici occidentali e turchi(2).

Per favorire il caso di Assad, la Turchia era anche pronta ad assumersi rischi militari, tra cui l’abbattimento di aerei da combattimento siriani e russi. Ma sembrava chiaro fin dall’inizio che non sarebbe stato in grado di combattere Assad da solo, figuriamoci di vincere la battaglia. Ecco perché ha chiesto il supporto della NATO in una fase molto precoce. A tal fine, ha creato dei pretesti per dichiarare il caso dell’Alleanza nella speranza di poter impegnare gli altri membri a fornire assistenza ai sensi del Trattato NATO.

Ma la NATO non era pronta a schierare forze di terra per sostenere la Turchia e i combattenti occidentali in Siria. I Paesi occidentali temevano un’altra debacle come in Afghanistan o in Iraq. Così hanno abbandonato coloro che si sono presi la colpa per gli interessi occidentali in Siria. In queste circostanze, anche la Turchia non era più disposta a sopportare il peso della guerra da sola. Da quel momento in poi ha perseguito i propri interessi.

Pur continuando a sostenere la lotta contro Assad, si è accordata con i russi per evitare il pericolo di ulteriori scontri con il suo potente vicino. Allo stesso tempo, ha sostenuto gli oppositori degli USA nello Stato islamico e ha combattuto le loro truppe ausiliarie nei curdi. In questo modo la Turchia ha indebolito gli americani e i loro alleati nella regione, che ora sono sempre più sulla difensiva contro le truppe di Assad. Una vittoria dell’Occidente nella guerra contro Assad divenne sempre più improbabile.

Colpo di stato militare in Turchia

Il tentativo di colpo di stato del 2016 da parte di parte dell’esercito turco contro Erdogan avrebbe potuto portare una svolta nella politica della Siria turca. Ma è stato schiacciato con il sostegno di gran parte della popolazione. La Turchia vedeva gli Stati Uniti come la mente della rivolta. Questo non si può negare, perché un altro governo turco avrebbe probabilmente appoggiato i piani militari degli Usa e della Nato contro Assad più di Erdogan. Da quel momento in poi, il confronto tra la Turchia e i suoi alleati della NATO si intensificò visibilmente. (3)

Come salvaguardia contro la NATO, la Turchia si è rivolta sempre più alla Russia. Ha rafforzato le relazioni economiche, ha acquistato un sistema di difesa aerea russa e ha stipulato accordi e intese con i russi sulla guerra in Siria. Nonostante occasionali conflitti tra di loro e tentativi da parte dell’Occidente di interrompere le relazioni, le divergenze sono sempre state risolte in modo pacifico e nel rispetto degli interessi di entrambe le parti.

Nel formato di Astana, russi e turchi hanno negoziato una soluzione pacifica per la Siria insieme all’Iran e a tutte le principali parti in conflitto. L’Occidente, pur essendo stato invitato, non ha partecipato a questo tentativo di trovare una soluzione pacifica alla guerra siriana, nonostante le lacrime di coccodrillo versate più volte in Occidente a causa delle sofferenze del popolo siriano.

“Militarmente, la guerra in Siria è stata decisa”(4) Le truppe siriane hanno in gran parte ripreso il controllo dell’intero territorio nazionale, ad eccezione delle aree curde. E finché gli americani non riusciranno a inviare nuove forze in battaglia per se stessi, la sconfitta dell’Occidente in Siria sarà solo una questione di tempo.

Situazione confusa in Libia

La posta in gioco è troppo alta perché si possa pensare che la sconfitta dell’Occidente in Siria ridurrebbe i tentativi di intervento nella regione. Si aprono costantemente nuove aree di conflitto in cui egli cerca di affermare la sua influenza, o almeno di non perderla ulteriormente. Perché ovunque la Cina si annida sullo sfondo con il suo potere economico e finanziario e le sue offerte lucrative per l’espansione delle infrastrutture.

Finché ci sarà la guerra in Libia e i rapporti di dominio non saranno chiari, quasi nessuno si farà coinvolgere finanziariamente. Ma tutte le parti si stanno mettendo in posizione, stringono contatti e sostengono le forze politico-militari considerate promettenti per i propri interessi. Questo vale non solo per la Russia e per alcuni Stati arabi. Si applica anche agli Stati dell’UE e ai membri della NATO. Hanno tutti interesse a fare di nuovo affari in Libia.

Ecco perché è nell’interesse di tutti gli interessati ripristinare l’unità dello Stato libico sotto un governo ampiamente riconosciuto da tutte le forze sociali. L’unica cosa che ostacola questo accordo è lo scontro di interessi nel campo dell’Occidente stesso. La questione principale è chi dovrà governare la Libia, il generale Chalifa Haftar o il “Governo dell’accordo nazionale” sotto Sarajevo, istituito dall’ONU su iniziativa dell’Occidente. Ma dietro a tutto questo c’è la questione di chi deve smaltire il petrolio in terra libica.

Perché “sebbene Haftar controlli la “mezzaluna” libica del petrolio sulle coste e su importanti fonti nel sud, non ha accesso ai proventi del petrolio”. Questi vanno alla banca centrale di Tripoli e sono distribuiti dalle istituzioni lì(5). Chiunque siano queste istituzioni non specificate, è chiaro che chi esercita il potere a Tripoli ha anche i ricavi del business del petrolio. Se Haftar vuole raggiungere il suo obiettivo e ripristinare la Libia come Stato sovrano, deve ottenere il controllo di Tripoli.

Ma i pozzi di petrolio libici non sono solo un problema interno alla Libia. Sono anche al centro delle distorsioni all’interno dell’UE e della NATO. Dopo tutto, la Francia, l’Italia e ora, più recentemente, la Turchia si stanno rivolgendo a loro, il che sta danneggiando i rapporti tra i partner della NATO. Le “forniture di armi francesi e l’aiuto delle forze speciali francesi al generale Haftar”(6) rafforzano il già “fumante conflitto di interessi tra Francia e Italia”(7).

L’Italia sembra essere in una posizione più debole, nonostante il fatto che “i governi italiani di ogni credo politico (…) abbiano avuto stretti rapporti con Tripoli”(8). Anche se Roma è dalla parte di Sarradsch, sembra voler rassicurare se stessa contro Haftar. Si tratta dell’investimento dell’ENI italiano in Libia.

“Oggi l’Eni rappresenta ancora circa il 45 per cento della produzione di petrolio e gas in Libia”(9). Anche nei momenti più difficili dopo la caduta di Gheddafi, i dirigenti dell’ENI “fanno i conti non solo con il governo di Sarajevo, ma anche con le varie milizie che controllavano i territori intorno agli impianti produttivi e ai gasdotti dell’ENI”(10). In considerazione di questi interessi, l’Italia non dovrebbe essere restia ad accettare l’intervento della Turchia a favore di Sarajevo.

Perché non Haftar?

Se tutte le parti sono così desiderose di ristabilire l’ordine, di rimettere in moto l’elettricità, l’acqua e gli investimenti, perché l’Occidente si rifiuta di sostenere il generale Haftar?

A differenza di Sarajevo con il suo “Government of National Agreement”, che vive solo della buona volontà di alcune volubili milizie e del supporto piuttosto cartaceo dell’Occidente, sembra essere l’unica forza seria in Libia di cui ci si possa fidare per riportare la pace e l’ordine nel Paese.

Lo ha già dimostrato quando nel 2016 è riuscito a eliminare le forze islamiste che avevano guadagnato influenza in Libia. Inoltre, ha alle spalle la maggior parte della popolazione in modo sicuro e ha anche buoni contatti con gli Stati Uniti, la forza decisiva per l’ordine nel campo occidentale. Ci vive da molto tempo, anche lavorando per la CIA. Sembra anche avere la buona volontà dell’amministrazione americana, perché finora non sono state espresse critiche da questa parte sulle sue azioni militari. Dovrebbe quindi essere il rappresentante ideale non solo per gli interessi dei libici, ma anche per quelli dell’Occidente.

Oltre alle rivalità nel campo dell’UE e della NATO, è proprio questa sua forza che lo rende inadatto come partner dell’Occidente. Dopo tutto, le guerre non sono state combattute e non sono stati dati miliardi alle parti in guerra per sostituire gli uomini forti con nuovi uomini forti. Un governo di Sarajevo, se potesse affermarsi a livello nazionale, dipenderebbe ancora dall’Occidente. Ma questo non è certo con Haftar. Ha abbastanza sostegno tra la sua gente per resistere agli interessi e alle richieste dell’Occidente.

Non è senza motivo che gli Stati occidentali stanno spingendo la democrazia in tutto il mondo. Questo non è un inganno o propaganda. La democrazia ha vantaggi tangibili. Consente ai partiti e ad altre istituzioni della società civile, come le fondazioni o le ONG, di influenzare i processi decisionali.

Attraverso i partiti e le fondazioni, i gruppi d’interesse occidentali possono diventare attivi sul terreno sostenendo i partiti affini, amichevoli o dipendenti, finanziariamente, ideologicamente e politicamente. Ma ciò richiede sistemi parlamentari in cui i vari interessi siano rappresentati da partiti diversi. Non è sempre facile riconoscere nelle democrazie di partito coloro che esercitano la loro influenza e danno il tono in sottofondo. Perché, superficialmente, sembra che si tratti di interessi sociali.

Un altro fattore complicante è che Haftar è sostenuto dalla Francia, membro della NATO, ma anche dalla Russia. Se i servizi di mediazione della Russia alla Conferenza di Berlino sulla Libia non potessero essere evitati per esercitare un’influenza su Haftar, allora la Russia non amata non vorrebbe certamente essere al tavolo dei negoziati quando un ordine del dopoguerra sarà stabilito sotto il dominio di Haftar.

L’Occidente ritiene che l’influenza della Russia in Medio Oriente sia cresciuta troppo dopo la guerra in Iraq perché possa avere voce in capitolo in Libia attraverso Haftar. Forse l’Occidente teme di finire nella stessa situazione in cui si trovano oggi l’ex Unione Sovietica e la Russia: un accerchiamento a più facce. Oltre al fronte ad est, il guadagno di influenza della Russia in Nord Africa potrebbe aprirne un altro nel sud dell’Alleanza per la NATO. Piuttosto una Libia lacerata che unita alla mercé della Russia.

La Turchia come cavaliere bianco

Forse è per questo che gli appelli delle capitali degli Stati della NATO, soprattutto di Berlino, sono così vistosamente limitati nei loro sforzi per trovare una soluzione pacifica. Perché con l’intervento della Turchia nel conflitto libico, l’equilibrio di potere è improvvisamente cambiato a favore di Sarajevo. Con l’influenza di Haftar, si spera che anche l’influenza della Russia sugli eventi in Libia possa essere messa sotto controllo.

E già non è rimasto molto della volontà di pace che Sarradsch aveva espresso nel contesto della Conferenza di pace di Berlino. Perché sia l’angelo della pace della Conferenza di Berlino, Sarradsch, sia la Turchia hanno rifiutato la proposta dell’Egitto del 6 giugno 20 per un cessate il fuoco con Haftar.

Con il loro appoggio, le truppe di Haftar erano infatti riuscite a tornare indietro da Tripoli. I luoghi strategicamente importanti sono stati riconquistati. L’obiettivo dell’offensiva sono le zone della mezzaluna petrolifera, “da dove il petrolio libico viene trasportato all’estero”(11). Ma l’ottimismo a Tripoli può essere prematuro e i successi iniziali possono preparare il terreno per un grande conflitto nella regione. Secondo il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, infatti, è stata rilevata una concentrazione di forze militari intorno alla città libica di Sirte.

La Turchia è sottoposta a notevoli pressioni economiche e politiche. La guerra e l’occupazione nelle aree curde sono costose e creano disaccordi anche in casa con la popolazione curda. Le relative sanzioni statunitensi stanno portando l’inflazione alla caduta della lira. L’economia turca soffre delle conseguenze di Corona e del ritiro dei capitali stranieri, e la società turca soffre per i circa tre milioni di rifugiati delle guerre che l’Occidente sta conducendo o sostenendo nella regione.

La Turchia è sotto pressione per avere successo. Perché oltre ai problemi che già esistono, c’è ora l’avventura libica. Questo non solo comporta ulteriori costi, ma comporta anche un ulteriore confronto non solo con gli Stati della regione. Per l’Egitto ha già annunciato che “difenderà la sicurezza dell’Egitto all’interno e all’esterno dei suoi confini”(12) e riceve il sostegno di Parigi. Le relazioni con la Russia, che sostiene Haftar, potrebbero deteriorarsi anche per la Turchia.

La mela avvelenata

La domanda è, naturalmente, perché la Turchia si assume questi rischi. Di certo non rivelerà al pubblico mondiale i motivi più profondi delle sue azioni. Ma è già chiaro che l’accordo con il governo di transizione di Tripoli ha dato alla Turchia l’accesso ai presunti giacimenti di gas e petrolio nel Mediterraneo. Questo allevierebbe la bolletta energetica della Turchia, forse addirittura genererebbe entrate dalle esportazioni di energia.

D’altra parte, è ovvio che Erdogan, con questo colpo di stato politico, ha aiutato il governo di transizione di Sarajevo a uscire da una situazione difficile. Perché le truppe del generale Haftar si stavano avvicinando sempre più al centro di Tripoli. Senza l’aiuto turco, le prospettive di sopravvivenza del governo di transizione sarebbero state scarse. Sarajevo non poteva aspettarsi un vero aiuto dall’Occidente, che lo aveva portato al potere. Nessun Paese occidentale sarebbe stato disposto a intraprendere un’azione militare al suo fianco.

Pur perseguendo i propri interessi, la Turchia stava anche aiutando l’Occidente a uscire dall’imbarazzo. Non solo ha salvato un governo che era stato istituito dall’Occidente, ma che era stato abbandonato dall’Occidente nel momento del bisogno come tanti altri. Ha anche fatto in modo che l’Occidente non perdesse l’ultimo brandello di credibilità nella regione e che perdesse ancora più influenza nei confronti della Russia a livello politico e diplomatico.

Dopo la guerra di confine con Assad e la soppressione del movimento dei rifugiati in Europa, si è fatta carico ancora una volta dei rischi e dei costi di una politica che lei stessa non ha causato, ma di cui ha assunto le conseguenze nell’interesse di tutto l’Occidente.

Non è stato certo altruista. Forse è un modo per far capire al resto della NATO che l’Alleanza dipende dalla Turchia e che è giunto il momento di accontentarla economicamente, ad esempio concedendole un accesso preferenziale al mercato europeo ed eliminando le sanzioni.

Per il resto, la Russia è ancora sullo sfondo, facendo grandi sforzi per la Turchia. Finora, infatti, la Turchia e la Russia sono state in grado di risolvere i loro conflitti di interesse e i loro disaccordi meglio di quanto non abbiano fatto con gli Alleati all’interno della NATO.

È vero che il governo provvisorio libico è stato salvato dalla rovina dall’intervento dei turchi. Ma per la stessa NATO, il coinvolgimento della Turchia è un test cruciale. Approfondisce la divisione all’interno dell’Alleanza sulla questione libica. Le rivalità tra Francia e Italia sembrano aver dato origine a due campi che si stanno dirigendo verso un grave conflitto all’interno dell’Alleanza.

Già il 10 giugno di quest’anno si era sviluppato un conflitto al largo delle coste libiche esclusivamente tra i membri della NATO. Nel Mediterraneo si erano quasi sviluppati scontri armati tra Francia e Grecia da un lato e Turchia dall’altro. I protagonisti delle navi da guerra erano già diretti l’uno verso l’altro. Solo l’interposizione della sede centrale a Bruxelles aveva impedito che accadesse di peggio.

Forse l’impegno turco rappresenta il salvataggio del governo di Sarajevo. Ma il prezzo potrebbe essere un approfondimento del conflitto intra-atlantico con la Turchia, partner della NATO, e quindi un ulteriore indebolimento dell’Alleanza.

Fonti:

(1) siehe dazu: Rüdiger Rauls: Die Linke und die Kurden

(2) siehe dazu: Rüdiger Rauls: Warum soll Assad gestürzt werden?

(3) siehe dazu: Rüdiger Rauls: Türkei – Vorwärts in die Vergangenheit

(4) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 4.7.20: Kampf um die Beute

(5) FAZ vom 20.1.20: Krisengipfel zu Libyen im Kanzleramt

(6) FAZ vom 16.1.20: Weiche Worte beim Neujahrsempfang

(7) ebenda

(8) FAZ vom 10.1.20: Nicht alle Wege führen nach Rom

(9) ebenda

(10) ebenda

(11) FAZ vom 24.6.20: Die Ruhe vor dem Wüstensturm

(12) ebenda

Rüdiger Rauls Buchveröffentlichungen:

Herausgeber von:

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Popel Arseniy / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort