La Commissione d’inchiesta della Corona | Di Tilo Gräser

Gli avvocati vogliono chiarire se le misure della corona sono gravi violazioni della legge – ed esigere conseguenze.

Un commento di Tilo Gräser. 

Nota sull’articolo: Il seguente testo è apparso per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse”, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

Gli avvocati hanno finora taciuto per lo più sulle massicce restrizioni dei diritti fondamentali in riferimento a Corona. Ora sempre più spesso si avventurano fuori copertura. “Questo non ha più nulla a che fare con la legge come forma di giustizia”, dice l’esperto legale Justus Hoffmann. Le misure anticorona adottate dai politici e ancora in vigore, nonostante tutte le restrizioni allentate, mancano di una plausibile giustificazione fattuale e legale. Gli avvocati critici vogliono chiarire perché e su quali basi la politica ha in gran parte limitato la vita sociale. Se si scopre che importanti pilastri dello Stato di diritto sono stati sospesi senza reale necessità, ciò deve avere conseguenze giuridiche e politiche.

Una piccola fondazione di avvocati vuole chiarire la crisi della Corona con le sue cause e le sue connessioni, il suo background e i fondamenti giuridici, nonché le sue conseguenze. A tal fine, ha istituito una commissione d’inchiesta della Corona per svolgere il lavoro necessario. “Prima di tutto, vogliamo lasciare che le altre opinioni abbiano voce in capitolo, e in secondo luogo, vogliamo illuminare i molti angoli oscuri che causano confusione, paura e panico”, è stato il modo in cui l’avvocato Reiner Füllmich ha descritto la questione venerdì a Berlino.

Alla fine, tutti i cittadini del paese dovrebbero essere in grado di “formarsi una propria opinione sul fatto che queste misure, in particolare l’isolamento e l’obbligo di indossare le maschere, siano state avviate su una base fattuale e giuridica sufficiente”, ha detto l’avvocato. Insieme agli avvocati Antonia Fischer, Viviane Fischer e Justus Hoffmann, ha presentato la fondazione da loro creata e i lavori del comitato. Nelle prossime sei settimane, il comitato intervisterà esperti, scienziati e persone interessate e riassumerà un primo rapporto.

L’avvocato d’affari Viviane Fischer ha sottolineato i dati incerti su cui si basano le restrizioni alla vita sociale. Questi dovrebbero aiutare a contenere il virus Sars-Cov 2 e la malattia Covid-19, che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è la causa della malattia. Tuttavia, secondo l’avvocato, le misure fanno più male che bene, ed è per questo che ha cominciato a far sentire prima le voci degli interessati, anche attraverso il sito web “Collateral”.

Perché cambiare opinione alla Spahn, Drosten and Co. 

Come avvocato, Füllmich è attivo principalmente nel campo del diritto della tutela dei consumatori e ha già investito, come ha riferito, in grandi società come la Deutsche Bank. Ha vissuto negli Stati Uniti, nello stato della California, fino a maggio e lì ha sentito la notizia della crisi di Corona. Con le informazioni provenienti dalla Germania, l’avvocato si è detto sorpreso di vedere come il ministro della Sanità federale Jens Spahn, il capo dell’Istituto Robert Koch, il veterinario Lothar Wieler e il virologo Christian Drosten abbiano cercato inizialmente di calmarsi e di evitare il panico.

“Poi questa valutazione si è trasformata nel suo opposto, da parte delle stesse persone che prima avevano dichiarato che tutto era facilmente controllabile e che prima avevano detto: le maschere sono comunque spazzatura, non serve a niente”.

Quando alla fine di marzo il governo federale ha dichiarato l’isolamento nella Repubblica Federale Tedesca, sono stati sospesi contemporaneamente numerosi diritti fondamentali – “cosa che non potevo credere”, come ha commentato Füllmich.

“Questo mi ha colpito particolarmente come avvocato. Tuttavia, potevo credere ancora meno che ben oltre il 90 per cento della popolazione non avesse alcuna obiezione al riguardo e senza porsi domande si sottoponesse alle misure anticorona e i media mainstream seguissero tutti la stessa strada”.

Perché le altre opinioni non sono state ascoltate? 

È chiaro, tuttavia, “che ogni cosa ha due lati e non una sola opinione, ma che ci sono diverse opinioni in ogni discussione”, ha detto l’avvocato. Per questo motivo era alla ricerca di voci dissenzienti nella Repubblica Federale Tedesca, che erano state portate alla sua attenzione, tra gli altri, dallo specialista polmonare ed epidemiologo Wolfgang Wodarg. Si è imbattuto in varie dichiarazioni dell’economista Stefan Homburg, della virologa Karin Mölling, del medico Sucharit Bhakdi, del virologo Hendrik Streeck e di altri.

Con mia grande sorpresa, ma dal mio punto di vista convincente, tutti loro, basandosi sulla propria pluriennale esperienza professionale e sui propri studi, hanno mantenuto l’opinione originariamente sostenuta anche da Drosten: “Non è tutto così male, tutto può essere controllato bene, non abbiamo bisogno di maschere”.

Dopo le sue parole, Füllmich osservò con stupore che queste altre opinioni non furono ascoltate e che si evitò di discutere con loro. Ciò è stato fatto “dapprima liquidando le altre opinioni in generale come teorie di cospirazione e poi liquidando i rappresentanti delle altre opinioni in generale come ‘covidioti’. Questo mi ha fatto davvero incazzare”.

Critiche crescenti tra gli avvocati

In ogni processo, l’altra parte viene sempre ascoltata per prima, prima che si giunga a un verdetto alla fine di un caso, ha ricordato Füllmich al pubblico. Ciò aveva contribuito al fatto che dopo il suo ritorno nella Repubblica Federale Tedesca aveva deciso di intervenire e di utilizzare la sua esperienza nei rapporti con le grandi aziende per contribuire a chiarire gli eventi.

“Se si scopre che le misure non erano appropriate e forse nemmeno necessarie, questo avrà conseguenze sia politiche che legali”, ha annunciato l’avvocato. Le conseguenze potrebbero comprendere “il pieno risarcimento delle piccole e medie imprese, degli artisti e dei lavoratori autonomi”. Queste aziende, a differenza delle corporazioni, finora “non sono state pagate neanche lontanamente con un adeguato compenso”, come ha sottolineato Füllmich.

L’avvocato ha riferito che c’è un ampio consenso tra molti avvocati della Repubblica Federale, che sono anche critici nei confronti delle misure anti-corona, ma che finora “non hanno osato uscire dalla copertura”. Per questo motivo lui e i suoi colleghi vogliono iniziare, ha giustificato la preoccupazione della fondazione. Lo hanno confermato l’avvocato medico e giurista Justus Hoffmann, l’avvocato medico e difensore dei consumatori Antonia Fischer e l’avvocato commerciale Viviane Fischer. Venerdì a Berlino hanno fatto riferimento a una rete di avvocati che sostengono e si estendono oltre la Repubblica Federale Tedesca.

Perché le misure non sono state esaminate per le loro conseguenze?

Hoffmann ha criticato la mancanza di volontà di coloro che sono al potere di impegnarsi in una discussione aperta e pubblica sulle misure anti-corona “Questo non ha nulla a che vedere con lo stato di diritto e la democrazia. Non ha più nulla a che fare con la legge come forma di giustizia”. Per lui, come avvocato, la questione è, in quale altra situazione tali misure, “che hanno una tale portata, sarebbero considerate su una base di fatto così sottile”.

Questo sembrerebbe “come se ci fosse una nuova legge di abilitazione”, ha detto Hoffmann, “un atto di abilitazione che permette al governo di rinchiudere le persone, chiudere i negozi e limitare la libertà di riunione senza limiti di tempo, senza controllo esterno e senza procedimenti legali obbligatori”. I cittadini si troverebbero nella situazione di “correre ancora dietro ai propri diritti fondamentali”. Questi diritti si applicano per proteggere i cittadini dallo Stato, come ha aggiunto Füllmich.

L’esperta di diritto medico Antonia Fischer ha sottolineato che le misure anti-corona non sono state esaminate per le loro conseguenze. Aveva avuto l’impressione che i governanti non volessero suscitare il malcontento della popolazione e tenerla sotto controllo. L’avvocato Hoffmann ha affermato che l’argomento è “politicamente e giuridicamente intercambiabile fino a un certo punto”. Le misure erano state annunciate meno sulla base dei fatti, il che sollevava la questione per la popolazione: “In che tipo di Stato costituzionale vogliamo vivere? Questo non dovrebbe essere solo uno “Stato costituzionale del tempo giusto”, che sarebbe sovrastato da panico e divieti ai primi problemi.

“Nessuno dovrebbe sorprendersi se le tendenze estremiste si sviluppano sempre più nella popolazione ai margini dello spettro politico, se la gente ha l’impressione che lo Stato di diritto le escluda o non le ascolti o non si preoccupi di loro o della politica. Lì le persone cercano un’alternativa dove vengono ascoltate, o hanno l’impressione di essere ascoltate”.

L’avvocato d’affari Viviane Fischer ha chiesto al governo federale e alla cancelliera Angela Merkel di rendere pubblici i dati che, secondo la Merkel, dimostrano che le misure sono necessarie. Finora, tuttavia, non sono state date risposte sufficienti a tutte le richieste. “Sarebbe facile, anche per rassicurare i critici e i dubbiosi, presentare questa analisi scientificamente fondata che può esistere da qualche parte. È qui che si fermerebbero le nostre domande”.

L’altra parte sarà ascoltata?

Per questo motivo la commissione d’inchiesta istituita dalla Fondazione vuole iniziare a cercare le risposte. Come sottolineato dagli avvocati, si tratterà di un processo a tempo indeterminato. Gli informatori sono anche invitati a rendere disponibile la loro conoscenza dei problemi in forma anonima. Saranno invitati esperti responsabili come il virologo Drosten e il capo della RKI Wieler, nonché rappresentanti del governo e della polizia, come ha confermato l’avvocato Füllmich allo Sputnik. Era scettico, tuttavia, se avrebbero risposto alle domande.

In precedenza aveva dichiarato che sarebbero stati esaminati anche gli interessi economici degli scienziati e dei politici coinvolti. E, secondo lui, vanno considerate sia le conseguenze economiche che quelle sociali. Füllmich ha sottolineato che la pressione pubblica è necessaria per un chiarimento giuridico e politico e per le necessarie conseguenze.

Insieme ai suoi colleghi, auspica una crescente attenzione da parte della popolazione, anche per poter finanziare il lavoro della commissione d’inchiesta attraverso donazioni, qualora ciò si rivelasse necessario per un periodo di tempo più lungo. Secondo gli avvocati, essi finanziano la fondazione e il comitato con risorse finanziarie proprie. Il loro lavoro professionale, che inizierà mercoledì, è sostenuto da scienziati ed esperti come lo psicologo Hans-Joachim Maaz e il pneumologo Wodarg. Quest’ultimo ha descritto il comitato allo Sputnik a margine della conferenza stampa come necessario per scoprire gli interessi politici ed economici della crisi di Corona.

Viviane Fischer ha spiegato che l’attenzione iniziale si è concentrata sulla situazione nel settore dell’assistenza, in particolare sulla situazione delle persone bisognose di cure e sulle conseguenze delle misure per loro. Tra circa sei settimane, ha detto, la commissione pubblicherà un primo rapporto intermedio. Inoltre, il comitato avrebbe tenuto consultazioni pubbliche e chiesto agli esperti e alle persone interessate cosa poteva essere seguito attraverso un live stream sul sito web del comitato.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta su Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Fonte dell’immagine: Shutterstock / Alexander Kirch

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort