La caduta di Beirut | Di Karl Bernd Esser

Un’esplosione come un test nucleare.

Un punto di vista di Karl Bernd Esser.

L’esplosione più forte nella storia del Libano è avvenuta il 4 agosto. I suoi echi si sentivano nel raggio di 20 chilometri. Anche gli abitanti della capitale di Cipro, Nicosia, hanno sentito l’esplosione nonostante la distanza di 250 chilometri a Beirut.

La cronologia degli eventi al porto di Beirut

Igor Greschushkin, un cittadino russo di Khabarovsk, che ora vive a Cipro con la moglie Irina e vi lavora come direttore della UNIMAR SERVICE Ltd., ha ricevuto nel 2013 l’ordine di trasportare 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio dalla Georgia all’Africa dalla società georgiana Rustavi Azot LLC. Per confronto: l’amatolo è un esplosivo militare e l’allungamento del costosissimo TNT con il pregiato nitrato di ammonio (componente di fertilizzante artificiale) non è avvenuto solo nel Reich tedesco. La miscela Amatol è solo leggermente meno esplosiva del TNT, l’equivalente TNT è 0,8.

La nave di Greschushkin denominata MV RHOSUS ha navigato sotto la bandiera della Moldavia da Batumi in Georgia a Biera in Mozambico il 23 settembre 2013. Secondo il registro navale della Moldavia, MV RHOSUS era di proprietà della società panamense BRIARWOOD CORPORATION ed è stata noleggiata dalla società TETO SHIPPING LIMITED nelle Isole Marshall degli Stati Uniti, il cui manager era Igor Greschushkin. La nave non era nelle migliori condizioni e il suo valore stimato era di circa 350 mila dollari. Per la consegna del carico da Batumi al Mozambico l’armatore Greschushkin ha ricevuto un milione di dollari. Il vecchio venditore di anime arrugginito, costruito nel 1986, si è quasi rotto, tanto che il 21 novembre 2013 ha dovuto attraccare a Beirut per le riparazioni. Il carico è stato ispezionato e trattenuto dopo che l’autorità portuale ha dichiarato che “mancano i documenti e le misure di sicurezza necessarie per il trasporto”. L’armatore Greschushkin doveva ai suoi creditori in Georgia un sacco di soldi, così la nave è stata sequestrata dalle autorità libanesi per conto di uno studio legale. L’armatore non ha inoltre fornito fondi per le riparazioni. A bordo c’era anche un secondo equipaggio, che doveva uno stipendio al datore di lavoro TETO. La nave si trovava in condizioni poco raccomandabili e non poteva più lasciare il porto. Le tasse portuali erano molto elevate e i debiti per l’ancoraggio aumentavano di giorno in giorno. “La nave ha rapidamente esaurito l’acqua potabile, il denaro e il cibo”, secondo una nota online di Baroudi & Associates, uno studio legale libanese che ha ricevuto il mandato di sequestrare la nave per conto di “vari” creditori senza nome.

Ma anche i creditori erano dei truffatori, non volevano occuparsi della merce sequestrata, pensavano solo al recupero del vecchio relitto. L’armatore Igor Greschushkin e la sua società TETO SHIPPING Ltd. hanno una cattiva reputazione. I marinai riferiscono di mesi di perdite di salario e delle cattive condizioni della nave. TETO SHIPPING Ltd. è stata fondata nel 2012 nelle Isole Marshall statunitensi e non esiste più da settembre 2014.

Anche le autorità libanesi erano dei truffatori, hanno semplicemente scaricato il carico in un magazzino nel porto all’ormeggio 12 e hanno anche immagazzinato tutto ciò che era ancora nella nave accanto alle 2.750 tonnellate di salnitro – compreso un carico di fuochi d’artificio ed eventualmente munizioni. Secondo il Naval Traffic Service, che per l’ultima volta ha registrato la posizione della MV RHOSUS nel 2014, la nave si trovava effettivamente nell’hangar 12 dove è avvenuta l’esplosione.

I marinai di MV RHOSUS sono stati a bordo per 11 mesi – dall’autunno 2013 al 2014 – semplicemente custodendo il carico in condizioni molto difficili senza alcun supporto per la vita. Il destinatario del carico in Mozambico si è rifiutato di cercare un’altra nave in partenza dal Mozambico per Beirut per ritirare il carico. Così l’equipaggio della MV RHOSUS è rimasto bloccato nel porto di Beirut. Niente soldi guadagnati, niente manutenzione: l’armatore stesso aveva smesso di finanziare i mezzi di comunicazione – telefono, internet, Inmarsat (comunicazione satellitare). A quanto pare l’armatore voleva tenersi il suo milione per sé. Per finire, le autorità locali di emigrazione hanno confiscato tutti i documenti ai marinai.

Le autorità libanesi hanno infine concordato che sei marinai su dieci sono stati autorizzati a lasciare il Paese, gli altri sono stati “trattenuti” sulla nave per quasi un anno, riferisce il 19 settembre 2014 il SEAFARERS JOURNAL.

“Inizialmente c’erano otto marinai ucraini a bordo”, ha detto Natalya Klamm, amministratore delegato del Fondo di aiuto ai marinai di Odessa Assol. Il fondo ha fornito ai marinai assistenza materiale per il rifornimento dei loro conti di telefonia mobile. Ciò ha permesso ai membri dell’equipaggio di stabilire un contatto permanente con i loro parenti, i diplomatici e un avvocato. Dopo che i marinai si sono rivolti al console ucraino con il nostro aiuto, cinque dei nostri connazionali hanno potuto tornare a casa. Un marinaio è morto d’infarto. Per mantenere in vita la nave, quattro membri dell’equipaggio sono rimasti a bordo: tre ucraini e il capitano russo. Mentre il proprietario Greschushkin si dichiarava in bancarotta e “lasciava” definitivamente la nave. Dopo che anche i marinai avevano finalmente lasciato la nave, le autorità portuali di Beirut hanno deciso di lasciare il carico nel magazzino del molo 12 come garanzia per il mancato pagamento delle tasse portuali e di altri debiti.

Due anni fa, MV RHOSUS è affondata nello stesso porto dove ora si trova l’enorme cratere di esplosione. La domanda legittima è: quali sostanze chimiche o esplosivi pericolosi erano ancora a bordo del relitto affondato?

Il direttore generale della dogana libanese Badri Dahir è stato nel frattempo arrestato. Ha detto: “La magistratura del Paese è stata informata sei volte sulle sostanze chimiche pericolose immagazzinate in questo magazzino nella capitale libanese”. Il primo avvertimento del potenziale pericolo delle sostanze chimiche immagazzinate nel porto è arrivato il 27 giugno 2014 dall’allora direttore della dogana libanese, Shafik Mirhi, secondo Al-Jazeera. In una lettera inviata nel 2016 si legge

“Considerato il grave rischio di depositare questi esplosivi nell’hangar del molo 12 in condizioni climatiche non idonee, ribadiamo la nostra richiesta che l’autorità portuale sia chiamata a riesportare immediatamente queste merci, a vendere questo carico alla Lebanese Explosives Company Ltd. o a trasferirlo per garantire la sicurezza del porto e dei suoi residenti”.

I funzionari doganali hanno inviato almeno altre cinque lettere nei prossimi tre anni – il 5 dicembre 2014, il 6 maggio 2015, il 20 maggio 2016, il 13 ottobre 2016 e il 27 ottobre 2017 – chiedendo che gli esplosivi siano spostati dal porto senza indugio. Anche Shafik Mirhi è stato arrestato.

“Il pericolo”, ha detto mercoledì Badri Dahir, l’attuale direttore delle dogane libanesi, all’emittente libanese LBCI, “era noto a tutti i responsabili”. Tutti e tre i responsabili sono stati arrestati contemporaneamente insieme al ricco direttore del porto Hassan Kuraitim.

Diverse autorità di sicurezza europee sottolineano che l’organizzazione terroristica sciita libanese Hezbollah ha cercato di procurarsi grandi quantità di esplosivo chimico negli ultimi anni. Un’operazione simile era stata effettuata anche in Germania. In seguito a una soffiata del servizio partner israeliano Mossad, i servizi segreti tedeschi hanno stabilito, secondo il “TIMES OF ISRAEL”, che tra il 2012 e il 2016 una grande quantità di compresse fredde riempite di nitrato di ammonio era stata immagazzinata presso una società di spedizioni della Germania meridionale per conto di Hezbollah. Lo scopo di questo, si dice in confidenza, era la costruzione di bombe. Tuttavia, il nitrato di ammonio avrebbe comunque dovuto essere separato a questo scopo.

Nel frattempo, queste diverse centinaia di chilogrammi di confezioni fredde non erano state immagazzinate in Germania, ma consegnate. L’Ufficio per la tutela della Costituzione stima il numero di simpatizzanti Hezbollah in Germania a 1.050 persone. Circa un quarto – 11 dei 45 gruppi del clan – sono classificati come libanesi nel rapporto sulla situazione del 2018 dell’Ufficio federale di polizia criminale sulla criminalità organizzata. Il rapporto è ancora più chiaro per le nazionalità dominanti: secondo l’Ufficio federale di polizia criminale (BKA), circa il 40% dei sospetti criminali del clan sono libanesi. Non succede nulla nel settore dell’importazione e dell’esportazione nel porto di Beirut senza che Hezbollah ne sia a conoscenza.

Per gli esperti del Libano, è estremamente improbabile che l’organizzazione non fosse almeno a conoscenza dello stoccaggio della sostanza chimica. La persona che gestisce effettivamente il porto di Beirut è Wafiq Safa, capo della sicurezza di Hezbollah e cognato di Hasan Nasrallah, segretario generale di Hezbollah. Sara è a sua volta sposata con la sorella di Nasrallah. Forse volevano deliberatamente tenere aperto il deposito di esplosivi facilmente accessibile per Hezbollah?

Il nitrato d’ammonio, ufficialmente chiamato erroneamente solo come semplice salnitro, giaceva incustodito in questo semplice magazzino sul molo 12 per sei anni fino a quando non è stato fatto esplodere, mentre allo stesso tempo gli scaffali di ferro e le porte d’ingresso arrugginivano. Il direttore del porto Hassan Kuraitim ha informato l’autorità investigativa che il nitrato di ammonio era stato scaricato in conformità con la decisione del tribunale e che non vi era libero accesso al carico sequestrato nella sala dei metalli leggeri. Gli impianti di stoccaggio del nitrato d’ammonio apparentemente necessitavano di riparazioni e quindi gli operai a basso costo e incompetenti o i lavoratori clandestini, ora chiamati saldatori, venivano utilizzati dall’autorità portuale.

Si può presumere che durante i lavori di saldatura non professionali i vecchi sacchi non fissati abbiano preso fuoco a causa di scintille volanti e che questo si sia poi diffuso in modo estremamente rapido in tutto il magazzino. Quasi tutto il distretto dei magazzini aveva finalmente preso fuoco e così 2.750 tonnellate di nitrato sono esplose in modo devastante e hanno distrutto gran parte di Beirut.

16 dipendenti dell’autorità portuale sono stati arrestati giovedì 6 agosto 2020, secondo un rapporto dell’agenzia di stampa statale libanese NNA, il giudice militare in carica Fady Rakiki ha detto – secondo la versione ufficiale del rapporto …

Gli abitanti hanno chiamato il porto di Beirut “la grotta di Ali Baba e dei 40 rapinatori” perché, secondo quanto riferito, negli ultimi decenni vi è stata rubata una grande quantità di denaro del governo.

Le accuse includono richieste di miliardi di dollari di entrate fiscali, che sottovalutano le importazioni dovute a sistemi criminali diffusi (mafia e Hezbollah) e di conseguenza non sono mai entrate nelle casse dello Stato, così come accuse di corruzione sistematica sotto forma di corruzione per ridurre o evitare completamente di pagare i dazi doganali.

Il confronto tra la distruzione di Beirut e lo sganciamento della prima bomba atomica il 6 agosto 1945 sulla Hiroshima giapponese e i suoi edifici allora prevalentemente in legno con una “detonazione ad aria” è in qualche modo fuorviante. Le bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki durante la Seconda Guerra Mondiale avevano un’energia esplosiva di 15 kt (Little Boy) e 21 kt (Fat Man) rispettivamente e detonavano ad altezze di 580 e 503 metri. A Beirut, l’esplosione nel Magazzino 12 ha innescato una cosiddetta “detonazione a terra” e quindi un’onda d’urto della forza comparabile di circa tre chilotoni (3.000 kg) di TNT, che è un quinto della dimensione dell’esplosione nucleare di Hiroshima. Questo valore equivale al danno causato dalla detonazione.

La semplice forma di detonazione a terra, ovvero far detonare le armi nucleari direttamente sul bersaglio, non è la più efficace. Le esplosioni nucleari sviluppano il loro massimo potere distruttivo quando si incendiano nell’aria, come a Hiroshima e Nagasaki. Da un punto di vista tattico, una tale applicazione è di solito più efficace. Le esplosioni a terra e sotterranee sono più efficaci solo in pochi casi particolari, ad esempio come sfondabarili.

A Beirut, tuttavia, l’evento mostra la forza che l’onda di pressione può sviluppare nel punto di detonazione (punto zero) di una detonazione esplosiva così potente. Inoltre, Beirut è stata fortunata che il massiccio silo per il grano nel porto abbia trattenuto parte dell’onda d’urto. Anche a 20 km di distanza, i vetri delle finestre sono stati distrutti dall’onda d’urto. Schegge di vetro e detriti volanti hanno colpito la popolazione impreparata di Beirut nelle loro strutture permanenti come le case di cemento e mattoni e sulle strade.  I magazzini del porto sono stati completamente distrutti, ad eccezione di alcuni edifici in cemento armato e scheletro d’acciaio a “Ground Zero”.

Gli esperti militari affermano che i danni maggiori di un’esplosione sono causati nelle aree edificate dall’onda d’urto. Provoca forti fluttuazioni improvvise di pressione (sovrapressione e sottopressione statica) e venti simili a uragani (pressione dinamica). La sovrapressione statica distrugge principalmente edifici chiusi con grandi cavità, cioè soprattutto case, mentre il vento simile a un uragano “soffia su” persone, animali, alberi ed edifici leggeri. La pressione negativa statica, che segue la fase di sovrapressione ed è accompagnata da venti più deboli in direzione del centro di esplosione, è solitamente trascurabile in termini di danni. In questo caso la pressione massima gioca un ruolo particolarmente importante: se si supera il limite di carico, ad esempio per le pareti in calcestruzzo di un edificio, la rottura avviene in un tempo molto breve. Tuttavia, anche la durata dell’onda di pressione ha un certo significato. Secondo A. Bühl (1972), una sovrapressione di 0,3 atü (circa 30 kPa) di un’esplosione nel range dei megatoni ha un effetto paragonabile sulle case civili come un’onda di pressione di 0,5 atü (circa 50 kPa) di un’esplosione nel range dei kilotoni.

Sul luogo dell’esplosione si è formato un inspiegabile cratere largo 150 m, che si è riempito di acqua di mare dopo la detonazione. Esperti rompicapo, perché ad una sovrapressione statica di circa 10 GPa si forma un cratere più grande. Secondo la tabella di Wikipedia, una forza esplosiva di 500 kt determina un diametro del cratere di 118 m. Come è possibile che il grande cratere di Beirut si sia formato solo con le quantità di nitrato di ammonio specificate?

Robert Baer, un ex agente della CIA di alto livello che ha lavorato in Medio Oriente per anni, ha commentato – l’esplosione sembra essere stata un incidente, ma non è convinto che il nitrato di ammonio sia stata l’unica causa. Ha indicato i video di presunti fuochi d’artificio che esplodono in una nuvola bianca di fumo poco prima dell’esplosione vera e propria, quando una colonna di fumo di colore arancione si alza in cielo dopo. Baer ha detto alla CNN che questi “fuochi d’artificio” erano probabilmente più simili a munizioni, che erano state immagazzinate come parte del deposito di salnitro insieme agli esplosivi militari. “Dal colore del fumo, era chiaramente un esplosivo militare”, ha detto. “Per lo più non era un fertilizzante come il nitrato di ammonio. Sono abbastanza sicuro che non lo fosse”. Inoltre, non è possibile utilizzare i fuochi d’artificio per accendere il nitrato di ammonio (NH4NO3), è necessario un detonatore ad alto potenziale esplosivo come le munizioni. “Sembra quasi un incidente”, ha detto. “È stata incompetenza e forse corruzione, ma la questione è se si trattava anche di esplosivi militari, a chi andava o perché vi era conservato”.

Robert Baer ha aggiunto che probabilmente ci vorranno anni per scoprire la verità sulla causa dell’esplosione, se mai sarà rivelata, perché “nessuno vorrà ammettere che anche l’autorità portuale ha tenuto esplosivi militari nel porto per oltre 6 anni”.

Infatti, il produttore ORICA MINING SERVICES in Australia, (che si può vedere nelle foto dei sacchi da 1 tonnellata) afferma che NITROPRIL HD è usato solo come esplosivo commerciale nelle miniere e nelle cave. Le istruzioni di sicurezza del prodotto originale recitano: “Può esplodere in condizioni di confinamento e ad alta temperatura, ma non esploderà facilmente. Può esplodere a causa delle vicine detonazioni”. Un avviso di sicurezza ORICA fissa l’equivalente TNT (esplosivo militare) per un’esplosione di NITROPRIL in grandi sacchi al 15%. 2.750 tonnellate di NITROPRIL corrispondono quindi a 412,5 tonnellate di TNT equivalente.

La tradizionale negligenza non ha voluto prestare attenzione agli avvertimenti di ORICA che in un magazzino riscaldato con alta umidità, gli esplosivi sudano nuda nitroglicerina in un tempo molto breve, specialmente in queste condizioni, e a parte questo, la sola radiazione solare può portare ad un’esplosione.

In un certo senso, l’esplosione a Beirut è stata molto più forte di 412,5 tonnellate equivalenti di TNT. Questo valore fisico non corrisponde al grande cratere, alla potente onda di pressione e alla sua devastazione e al colore della nube di detonazione arancio-marrone. Quindi nella detonazione deve essere stato coinvolto un altro esplosivo o munizioni.

Un incidente simile a quello di Beirut si è verificato a Cipro l’11 luglio 2011, quando una massiccia esplosione ha colpito un deposito di munizioni della base navale di Evangelos Florakis a Cipro. Il disastro è stato probabilmente causato da un incendio in un cespuglio. Sono stati uccisi sia il comandante della flotta cipriota che il comandante della base, nonché altri militari e vigili del fuoco. Anche la centrale elettrica principale dell’isola accanto ad essa è stata distrutta (vedi foto satellitari HELLAS SAT prima/dopo. Linkato nell’articolo).

La detonazione è stata causata da 98 contenitori di munizioni e casse di esplosivi iraniani contenenti più di 2.000 tonnellate di esplosivo, che Cipro ha sequestrato nel gennaio 2009. I 98 container sono rimasti senza protezione nella base navale. Gli esperti e anche il comandante che più tardi morì nell’esplosione affrontarono il pericolo di esplosione, soprattutto perché le casse di munizioni in legno del container si trovavano a soli 300 m dalla centrale elettrica di Vassiliko. Non protetti, i contenitori sono stati esposti alle intemperie, soprattutto al calore. Il danno totale sull’isola all’epoca era di 992 milioni di dollari.

Interessanti sono le informazioni contenute nell’elenco di Wikipedia delle più grandi esplosioni non nucleari del mondo. L’esplosione a Beirut è già elencata. Fino ad oggi, ci sono stati circa 170 morti e 5.200 feriti e circa 300.000 abitanti senza tetto, di cui 50.000 bambini. Circa 100 persone sono ancora disperse. L’esplosione ha causato un danno materiale stimato di circa 4-6 miliardi di euro, dice il sindaco.

Il nitrato di ammonio è stato acquistato dalla Banca Internazionale del Mozambico per la Fábrica de Explosivos de Moçambique (FEM), una società che produce esplosivi commerciali, secondo Baroudi and Partners – lo studio legale libanese che rappresenta l’equipaggio della nave in una dichiarazione del 5 agosto 2020. CORNELDER, la società che gestisce il porto di Beira, non è mai stata informata dell’arrivo in Mozambico di una nave che trasportava 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio.

“Normalmente ci viene notificato prima dell’arrivo di una nave. In questo caso, non abbiamo mai ricevuto alcuna notifica da una nave arrivata nel porto di Beira con questi nomi e questo carico”, ha detto António Libombo, vice direttore generale della CORNELDER. Gestisce il porto di Beira dal 1998, e anche il Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni del Mozambico ha dichiarato di non essere stato informato di una nave con questo carico quest’anno.

La Fabbrica di esplosivi del Mozambico (FEM) ha confermato questa domenica (09.08) di aver ordinato le 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio e ha notato che il carico sequestrato dalle autorità libanesi è stato sostituito da un’altra spedizione come NITROPRIL HD, come dimostra l’impronta dei sacchetti di esplosivi della ORICA MINING SERVICES sulle fotografie. L’ordine è stato effettuato nel 2013 da FEM con la società georgiana SAVORA, e il luogo di scarico previsto era il porto di Beira in Mozambico, secondo la fonte ufficiale della società mozambicana LUSA.

Tuttavia, il carico del produttore di esplosivi Rustavi Azot LLC è stato “mai consegnato”, poiché la nave MV RHOSUS è stata fermata a Beirut per ordine delle autorità locali. In vista della detenzione della nave a Beirut, SAVORO ha infine inviato un nuovo carico di nitrato di ammonio da un’altra nave. Tuttavia, FEM ha abbandonato questo fornitore a causa del “mancato rispetto” dei tempi di consegna. FEM è di proprietà di Moura, Silva & Filhos, con sede a Póvoa de Lanhoso, distretto di Braga.

Se nessuno in Mozambico aspettava il nitrato di ammonio dalla Georgia, fermare la nave a Beirut “a causa di un difetto tecnico” era solo un trucco per consegnare il carico lì?

Chi ha scaricato o ritirato il carico di 2.750 tonnellate di esplosivi georgiani dalla MV RHOSUS? Ad un certo punto, l’Hangar 12 è stato nuovamente riempito fino all’orlo con 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, questa volta con esplosivi NITROPRIL HD della società australiana ORICA MINING SERVICES, come si può vedere dalle foto delle borse che hanno portato alla devastante esplosione.

Molte domande sono ancora aperte: È stato davvero un tragico incidente o è stato un attacco segreto?

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Hiba Al Kallas / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort