La Bielorussia in preda a una rivoluzione di colore? | Di Rainer Rupp

Un commento di Rainer Rupp.

Nei giorni scorsi la Bielorussia è diventata teatro di un nuovo cambio di regime sul territorio dell’ex URSS. C’è un popolo qui che cerca di liberarsi di un tiranno? O è un altro “Maidan” che viene fomentato qui da forze potenti in Occidente, dove, come nel 2014 in Ucraina, estremisti nazionalisti e fascisti nazionalisti, con il sostegno attivo dei governi occidentali, soprattutto a Washington e Berlino, cacciano via il presidente legittimamente eletto in un sanguinoso colpo di stato e detengono ancora oggi il potere di fatto nel Paese.

C’è infatti molto che fa pensare che i disordini nella capitale bielorussa Minsk non riguardino principalmente i diritti umani e la libertà di espressione, per i quali i manifestanti, la maggior parte dei quali sono giovani, stanno scendendo in piazza. In realtà, i veri tiratori di corda in Occidente sembrano preoccupati di ottenere un altro vantaggio geopolitico e geostrategico sulla Russia, per il quale bruciano i giovani dimostranti, mobilitati nelle loro decine di migliaia, come utili idioti durante i disordini.

La Bielorussia è infatti uno Stato dell’Europa orientale e confina con la Polonia, l’Ucraina, la Lituania, la Lettonia e un confine particolarmente lungo con la Russia. Dal valico di frontiera russo-belorusso a Buda, si trova a soli 465 km da Mosca attraverso l’autostrada E30. L’esercito bielorusso, in particolare la difesa aerea contro la NATO, è saldamente integrato con la difesa russa. Questo da solo rende un colpo di successo a Minsk particolarmente attraente agli occhi dei guerrafondai occidentali.

Già nelle passate elezioni presidenziali c’erano stati tentativi corrispondenti di mettere in moto ogni volta una rivoluzione di colore, ma in passato la scintilla non si era accesa, perché i bielorussi avevano in mente gli esempi deterrenti dell’Ucraina, prima le conseguenze della cosiddetta “rivoluzione arancione” e poi la Maidan.  Inoltre, la maggior parte dei bielorussi se la cavava bene nei piccoli villaggi, a seconda delle circostanze. Gli anni di condizioni miserabili che almeno i russi hanno dovuto attraversare negli anni del governo del grande democratico Boris Eltsin, tanto amato dall’Occidente, sono stati risparmiati ai bielorussi sotto il loro presidente Lukashenko.

Dal 2008 al 2013, l’autore di queste linee ha viaggiato più volte in tutta la Bielorussia. Non c’era abbondanza, ma anche fame, tutti avevano lavoro o potevano studiare e tutti avevano un tetto sopra la testa. Anche i villaggi più piccoli affascinati dalla bellezza, dalla pulizia e dall’ordine. Ma anche allora c’era malcontento e malcontento. Ma la gente non ha quasi mai desiderato l’Occidente dorato. Mi è stato spesso detto che se Putin potesse candidarsi anche in Bielorussia alle elezioni presidenziali, Lukashenko non avrebbe alcuna possibilità. La vita come in Russia era il modello, non l’Occidente. Solo nelle università c’erano sempre giovani che si aspettavano che l’Occidente realizzasse tutti i loro desideri irrealizzabili.

Da allora è passato molto tempo in campagna. Anche i media amici della Bielorussia riferiscono un’insoddisfazione generale e diffusa di una parte della popolazione, a causa dell’incompetenza e/o della corruzione. Inoltre, le élite politiche – rappresentate dal presidente Alexander Lukashenko, che è in carica da sei mandati – e le istituzioni e le procedure statali sono molto incrostate.

Lukashenko è un ex direttore di fabbrica collettiva e non ha mai permesso la riforma economica. Quasi tutti i beni del paese sono di proprietà dello Stato. Il Paese è una capsula del tempo dell’Unione Sovietica di 30 anni fa. L’opposizione di Lukashenko alla privatizzazione si basa in gran parte sul desiderio di impedire agli oligarchi russi di accedere all’industria e all’agricoltura del paese. La Bielorussia, tuttavia, è entrata a far parte dell’Unione economica euro-asiatica istituita dal Cremlino ed è anche ampiamente integrata nell’economia russa.

Il Paese è particolarmente dipendente dall’energia russa, in quanto la Bielorussia non dispone di risorse proprie di idrocarburi. Naturalmente, ci sono sempre inefficienze nella cooperazione tra l’economia pianificata della Bielorussia e l’economia di mercato controllata della Russia, che causano anche malcontento tra la popolazione. Ma in mezzo ai timori della corona che hanno attanagliato anche la popolazione bielorussa, è chiaro che nonostante tutta la rabbia per il governo Lukashenko, la maggioranza della popolazione non ha voluto cambiare governo nel bel mezzo della crisi economica e sanitaria.

Ciononostante, la Bielorussia è nel bel mezzo di un tentativo su larga scala di usare una rivoluzione di colore per portare un cambio di regime a Minsk e costringere il paese su un percorso occidentale indesiderato.

Per tutti coloro che non hanno familiarità con il termine “rivoluzione dei colori”, va detto che si tratta di una tecnica standardizzata basata sulle scoperte scientifiche della psicologia per conquistare i gruppi sociali insoddisfatti con temi accattivanti e promesse di consumo occidentale e libertà illimitata in uno Stato destinato al rovesciamento. Inoltre, per radicalizzare la gente fino al punto di usare brutalmente la forza contro le forze dell’ordine della rispettiva dittatura, per spingere all’estremo il caos sociale e politico nel paese di destinazione e, in ultima analisi, per far passare il “cambio di regime” filo-occidentale.

Queste tecniche di rovesciamento si basano sulle opere dello scienziato sociale statunitense Prof. Dr. Gene Sharp, nato nel 1929, che nei suoi anni giovanili da antimilitarista trascorse due anni nella prigione militare statunitense per obiezione di coscienza e fu persino sostenuto da Albert Einstein all’epoca. Nei suoi studi ha sviluppato diversi libri sul rovesciamento attraverso la resistenza non violenta, citando tra l’altro i successi della rivoluzione pacifica del Mahatma Gandhi per liberare l’India dal giogo del colonialismo britannico. Il coronamento della sua opera è stato però il libro “Dalla dittatura alla democrazia: un quadro concettuale per la liberazione”, pubblicato nel 1993, che porta il seguente titolo in traduzione tedesca: “Von der Diktatur zur Demokratie: Ein Leitfaden für die Befreiung.

Quest’ultima opera e l’applicazione delle istruzioni in essa contenute differisce molto dal suo pensiero precedente, che era ancora caratterizzato dal pacifismo e dall’idealismo di sinistra. Nel frattempo, infatti, le “agenzie di cambio di regime” professionali dell’oligarchia statunitense a Washington e i loro vassalli di lavoro nella autodichiarata “società dei valori occidentali” avevano da tempo acquisito le tecniche di Gene Sharp e le avevano arricchite con le più moderne scoperte della psicologia del consumo, del marketing e della psicologia di massa.

Allo stesso tempo, però, si è prestata attenzione a preservare l’attitudine popolare di sinistra a liberare le masse dalla dittatura parassitaria, perché le promesse sociali progressiste che conteneva garantivano l’accesso alle menti delle giovani generazioni, a prescindere da quale Stato fosse attualmente nella hit list dei burattinai di Washington.

La responsabilità della preparazione dei colpi di Stato spettava sempre alle autorità governative statunitensi, come il Dipartimento di Stato o i servizi segreti della CIA, che poi – insieme ai finanziamenti privati e sotto l’apparente guida di ONG “umanitarie”, cioè di organizzazioni non governative con la mobilitazione dei gruppi target e la destabilizzazione dello Stato target – hanno dato il via alla prevista “rivoluzione di colore”. L’ennesimo miliardario, speculatore di borsa e presunto benefattore umanitario George Soros e la sua ONG “Open Society” ne sono un esempio ben noto.

Oggi, l’obiettivo non è quello di confondere o annoiare i giovani insoddisfatti con troppe teorie politiche, ma di motivare i rivoluzionari in erba con la cultura pop utilizzando slogan, loghi e colori di squadra accattivanti e privi di contenuti.

La più nota organizzazione statunitense di questo tipo è il “National Endowment for Democracy” (NED), una strana istituzione cofinanziata dal governo statunitense attraverso l’USAID, che opera come “organizzazione di aiuti umanitari”, e da donazioni di grandi fondazioni private di élite neoliberali. Il NED ha due sotto-organizzazioni che distribuiscono fondi a vari progetti di cambiamento di regime: una è l’Istituto Repubblicano Internazionale, affiliato al Partito Repubblicano, e l’altra è l’Istituto Nazionale Democratico per gli Affari Internazionali, affiliato al Partito Democratico.

Entrambe le organizzazioni svolgono le stesse attività con lievi differenze di sfumature. Dopo tutto, i Democratici e i Repubblicani sono solo la mano destra o sinistra del partito unico delle grandi imprese statunitensi, ed è per questo che negli Stati Uniti c’è molta più apartheid in politica estera di quanto si pensi comunemente qui in Europa.

Nelle ultime settimane prima delle elezioni presidenziali del 9 agosto in Bielorussia e nei giorni successivi, è diventato sempre più chiaro che il territorio bielorusso dell’ex URSS è tornato ad essere teatro di un tentativo di cambio di regime. Questa volta, però, l’ingerenza diretta dell’Occidente non-valore occidentale – da Washington a Berlino all’UE a Bruxelles – nell’elezione dello Stato sovrano della Bielorussia è stata molto più intensa e organizzata in modo più approfondito che in ogni altro tentativo analogo compiuto nel Paese negli ultimi vent’anni.

Nei mesi precedenti le elezioni, l’attività delle cosiddette “forze dell’opposizione” promosse dall’Occidente era già aumentata in modo drammatico. In una campagna ad ampio raggio, queste false “forze di opposizione” hanno sfruttato i media internazionali e locali per mettere in evidenza i problemi economici e sociali esistenti nel paese e l’insoddisfazione generale di una parte della popolazione, e per mettere i gruppi di popolazione l’uno contro l’altro.

Nonostante questo enorme sforzo, i risultati delle elezioni hanno mostrato una vittoria per Lukashenko con l’80 per cento dei voti espressi. Il candidato dell’opposizione e burattino occidentale Svetlana Tikhanovskaya ha ricevuto solo il 10 per cento circa dei voti. Oltre il 4% degli elettori ha fatto la sua croce nell’opzione “Contro tutti i candidati”. L’affluenza alle urne è stata dell’84,23%.

Tuttavia, i risultati effettivi delle elezioni non sono stati importanti per la cosiddetta opposizione. Quest’ultimo infatti ha seguito uno a uno la sceneggiatura delle fortunate rivoluzioni cromatiche. Per questo motivo, settimane prima delle elezioni, aveva opportunamente dichiarato che una vittoria di Lukashenko non poteva che significare che i risultati elettorali erano stati falsificati. I media occidentali devono solo ripetere i loro sospetti per diversi giorni 24 ore su 24, e già ogni bambino sa e crede che Lukashenko sia un falsario.

Argomenti razionali contro tale scenario non hanno posto in questa narrazione. Né il fatto che un aumento artificiale dei voti per Lukashenko del 15-20 per cento avrebbe presupposto una massiccia falsificazione di massa durante il processo elettorale. La falsificazione avrebbe dovuto avvenire sotto gli occhi di molti osservatori di diverse affiliazioni politiche, che difficilmente sarebbero passati inosservati.

Ma, a parte l’accusa di brogli elettorali, la cosiddetta opposizione e i suoi sostenitori finanziari non hanno presentato prove o testimoni dai seggi elettorali. Anche in questo caso le prove non sono rilevanti.  Le accuse sono sufficienti. E anche se dovessimo supporre che l’opposizione filo-occidentale in Bielorussia abbia vinto il 20% dei voti, il risultato sarebbe stato comunque un enorme fallimento per loro, perché Lukashenko avrebbe comunque vinto con il 60%.

Tuttavia, la storia di vari colpi di stato in tutto il mondo dimostra che una minoranza aggressiva consolidata e ben coordinata può prendere il potere nello Stato. Tale situazione si è verificata durante il cosiddetto colpo di stato “Maidan” in Ucraina nel 2014, quando un gruppo aggressivo di nazionalisti radicali sostenuti da forze straniere ha approfittato dell’inazione senza testa del governo Yanukovych. La stragrande maggioranza della popolazione non ha appoggiato il colpo di Stato e le ulteriori violenze che si sono diffuse in Ucraina. Ciononostante, la maggioranza silenziosa è diventata vittima della minoranza aggressiva e vocale.

Già mesi prima delle elezioni in Bielorussia era stata creata, con l’aiuto dell’Occidente, una rete di account nei cosiddetti “social media”, con gli operatori dei siti registrati in stati al di fuori della Bielorussia, come la Polonia e gli Stati Baltici. Con il sostegno dei media tradizionali, tutti hanno cercato di dipingere un quadro del crollo totale del governo di Minsk. Essi diffondono ulteriormente, ad esempio, istruzioni per i rivoltosi, i dati personali degli agenti di polizia e le false notizie su Lukashenko, secondo le quali sarebbe fuggito dalla Bielorussia.

Un tema speciale trattato da questi media è l’uso della violenza contro i presunti manifestanti pacifici. Perché i manifestanti radicali saranno ritratti come manifestanti pacifici nei media occidentali e nei social media, anche se provocano i poliziotti e li attaccano brutalmente con bastoni, bastoni di ciottoli e bastoni di legno e alcuni di loro ci passano sopra anche deliberatamente con le loro auto private, accettando lesioni mortali?

Tuttavia, i media pro-coup di Minsk e dell’Occidente sono stati stufi delle loro richieste di uno sciopero a livello nazionale a partire dall’11 agosto.

Nel frattempo, secondo fonti locali e prove locali, le forze dell’ordine bielorusse hanno dimostrato una forte motivazione e un’azione decisa negli scontri con i rivoluzionari del colore per fermare il diffondersi del caos. E il presidente Lukashenko, a prescindere dalle critiche alle sue strategie economiche o politiche, ha ovviamente imparato la lezione della storia e ha fatto tutto il possibile per evitare il colpo di Stato.

Come ci si potrebbe aspettare, il regime statunitense a Washington e l’Unione Europea a Bruxelles hanno già condannato le elezioni in Bielorussia come “ingiuste” e “non indipendenti”. Un altro segno del fallimento del colpo di Stato è il fatto che l’11 agosto il principale candidato bielorusso all’opposizione, Tianovskaya, e diversi membri di spicco della sua campagna hanno attraversato il confine con la Lituania, da dove stanno ancora facendo forti dichiarazioni che invocano la “rivoluzione”.

Anche la parte filo-occidentale e neoliberale della cosiddetta opposizione in Russia ha tenuto un comizio davanti all’ambasciata bielorussa a Mosca pochi giorni fa, a sostegno del tentato colpo di Stato in Bielorussia.

E’ particolarmente interessante che solo poche settimane fa il presidente Lukashenko abbia flirtato pubblicamente con Washington & Co con dichiarazioni anti-russe e importazioni di gas liquefatto statunitense. Molto probabilmente lo ha fatto per ottenere prezzi migliori nei negoziati sulle forniture energetiche russe. Con l’inizio delle elezioni presidenziali, i Paesi occidentali hanno subito tradito il loro nuovo amico Lukashenko e sostenuto il tentativo di golpe in corso. Questo dimostra ancora una volta che gli accordi con l’establishment di Washington e i burocrati europei non valgono niente.

Qui sotto, il lettore inclinato troverà due link ad articoli con opinioni contrastanti sulla situazione attuale in Bielorussia. Nel primo, intitolato “Slipper Revolution: Regime Change in Belarus has begun”, Wladislaw Sankin esamina la questione se questo sia un esempio modello di movimento democratico o una rivoluzione di colore basata su un classico copione. Nel secondo articolo, “Proteste in Bielorussia: nuovo ordine di grandezza della repressione”, Olga Dryndova, esperta della Bielorussia dal vicino “Centro di ricerca per l’Europa dell’Est” di George Soros all’Università di Brema, dà la sua opinione e chiarisce come sostiene un tipico propagandista della rivoluzione dei colori.

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine:  Svetlana Turchenick/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort