Ken Jebsen – arci-villain del giorno?

Un commento di Rainer Rupp.

Ken Jebsen è diventato il bersaglio dell’autoproclamato guardiano del blocco della democrazia.

I politici della CDU/CSU/SPD/Green/FDP e i loro volenterosi rappresentanti dei media statali e privati stanno sparando con armi pesanti da tutti i punti di vista. Non c’è nulla che Ken Jebsen non sia: a partire dal “teorico antisemita della cospirazione” (Neues Deutschland, 07.05.2020) fino all’agitatore, che fa causa comune con cappelli di alluminio, esoterici, populisti e naturalmente con “Destra” per – così per esempio – rendere gli estremisti di destra parte del partito. la NZZ svizzera, ad esempio – “per sfruttare il cambiamento d’umore della popolazione tedesca contro le misure contro la pandemia “per catturare il dibattito pubblico in Germania … e per portare tumulti e fantasie di rivoluzione nella società” (12.05.2020).

In breve: Ken Jebsen è l’arci-villain del giorno. Ma cos’è esattamente che rende l’élite politica e l’autoproclamata “media di qualità” tanto contrari a Jebsen? Il fatto che a volte commetta un errore nel caldo del combattimento verbale – spesso parla più velocemente di una mitragliatrice – non può essere la ragione dell’agitazione mediatica contro Jebsen. Non per niente nei discorsi importanti si dice che non è la parola parlata ma la parola scritta che conta, che viene distribuita come testo dopo il discorso. Perché in un discorso, soprattutto quando è emotivo e veloce come quello di Ken Jebsen, è assurdo o malizioso mettere ogni parola sulla scala dell’oro. Questo è tanto più vero quando il discorso non viene letto o addirittura tenuto senza volantino, come fa di solito Jebsen. Anche con i più grandi luminari, gli errori si insinuano, e poi a volte una percentuale può essere troppo alta o troppo bassa.

Per esempio, se il ministro commette errori in un discorso importante, dopo il discorso il portavoce del ministero invia una correzione con la nota: “Quello che il ministro voleva dire era: punto punto punto punto punto………”. Nessuno si offende per questo. Negli affari di tutti i giorni nessuno si preoccupa di tali errori e li guarda con comprensione. Solo con Ken Jebsen è diverso. Con Jebsen, in realtà banali, gli errori reali e presunti sono esagerati. Perché questo vuole minare la sua credibilità quando parla delle cose veramente importanti, cioè delle verità scomode, dei gravi errori strutturali del nostro sistema sociale, che si aggravano di giorno in giorno, di anno in anno, da parte delle élite irresponsabili della politica, dell’economia e dei media per avidità di denaro e di potere e di interesse personale sulle spalle delle masse della popolazione.

Ecco perché, al momento, interi eserciti di cosiddetti “fact finders”, blogger e giornalisti si stanno rivolgendo a Jebsen per trovargli una scheggia nell’occhio, mentre si affacciano deliberatamente sulle sbarre nell’occhio dei loro clienti. Ed è così che i “fact finders” sono attualmente indignati che in uno dei suoi discorsi Jebsen abbia calcolato la quota dei contributi finanziari della Bill and Melinda Gates Foundation nel bilancio totale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità OMS come significativamente superiore alla cifra effettiva di circa il 10 per cento. Questo è il grande scandalo con cui i “fact finders” e i giornalisti cercano ora di ripulire la Gates Foundation e di far sparire i loro crimini di vaccinazione contro i bambini indiani e africani nel grande buco della memoria del Ministero della Verità.

Il grande entusiasmo per il numero giusto distrae dalla conclusione di Ken Jebsen che la Fondazione Gates ha un’influenza decisiva sulle decisioni dei vertici dell’OMS, anche se rappresenta solo il dieci per cento del budget dell’OMS, soprattutto perché Gates non solo determina per cosa viene utilizzato il suo denaro, ma anche, alla maniera di un lobbista, mantiene intensi contatti personali con il Consiglio di Amministrazione dell’OMS, aprendo così porte che rimangono chiuse ai funzionari pubblici, rappresentanti ufficiali degli stati membri dell’OMS.

I “fact checkers” sono altrettanto miopi quando accusano Jebsen di sostenere che la Gates Foundation ha utilizzato i contributi finanziari per acquistare il suo ingresso nei ricercatori della Charité di Berlino. Un “fact checker” alla Redaktionsnetzwerk Deutschland, per esempio, ha sostenuto il 12.05.2020 che “il finanziamento dei progetti alla Charité di Berlino non va direttamente ai ricercatori partecipanti come Christian Drosten, ma all’istituzione. Inoltre, il finanziamento della Fondazione Gates, pari a soli 250.000 euro nel marzo 2020, rappresentava solo una parte trascurabile del budget annuale del Charité, che, secondo ZDF, ammontava a 1,8 miliardi di euro nel 2018. Formalmente, l’argomentazione del “fact checker” è corretta, ma è miope per stupidità o malafede.

Anche se i 250.000 euro di finanziamento non vanno direttamente ai ricercatori partecipanti come Christian Drosten, ma all’istituzione, il denaro non scompare nel budget di 1,8 miliardi di euro della Charité, ma Gates determina come il denaro viene utilizzato. Questo permette a ricercatori come Drosten, ad esempio, di avviare un nuovo progetto che conferisce loro ulteriore prestigio e reddito personale. E, naturalmente, questo permette anche contatti personali con i rispettivi ricercatori e la loro possibile influenza da parte di Gates e della sua fondazione. In poche parole, si può anche esprimere la situazione come ha fatto Ken Jebsen, ovvero che la Fondazione Gates ha aderito al progetto.

Inoltre, sappiamo dalla nostra esperienza nel mondo degli affari e della politica che si possono ottenere grandi cose con molto meno di 250.000 euro ma con fondi strategicamente ben piazzati. Basti ricordare i 100.000 DM, che sarebbero stati abbandonati, ritrovati nel 1999 nella scrivania del Dr. Schäuble, attualmente presidente del Bundestag tedesco, e di cui all’inizio non sapeva nulla. E con una somma di denaro ancora minore, nel 1972 è stato addirittura possibile impedire a Rainer Barzel (CDU), leader dell’opposizione nel Bundestag, di diventare Cancelliere in un voto costruttivo di sfiducia contro Willy Brandt.

Di seguito, però, non si tratta ora di discutere di tutte e di ognuna delle tante accuse contro Ken Jebsen, spesso difficili da comprendere. Mi sembra più sensato ripercorrere l’ultimo discorso di Jebsen in occasione della grande manifestazione di Stoccarda dello scorso fine settimana e chiedermi se, e se sì, quali passaggi del discorso possano essere assegnati alle rispettive aree della teoria della cospirazione, dell’antisemitismo, del populismo di destra e dell’esoterismo.

Dopo l’introduzione, il discorso recita:

“Nessuno, il cittadino che i mass media chiamano ‘corona denier’, nega che ci sia un nuovo virus corona. Nessuno nega che ci siano persone che, in quanto cosiddetto “gruppo a rischio”, hanno bisogno di una protezione speciale”.

Con queste due sentenze, Jebsen ha segnato la sua posizione di responsabilità in modo piuttosto inattaccabile, per poi dedicarsi alle sue reali preoccupazioni, politicamente scorrette dal punto di vista della classe dirigente:

Citazione: “Ciò che critichiamo sono le misure del tutto eccessive contro l’intera popolazione, in cui gran parte dei diritti fondamentali ancorati nella costituzione sono stati arbitrariamente messi in ghiaccio “all’infinito” dal regime della Merkel. Non solo consideriamo questa azione come una folle reazione eccessiva da parte dello Stato, ma presumiamo anche che abbia poco a che fare con Corona. Corona viene usato come cavallo di Troia per rendere lo Stato più potente e il cittadino più impotente”.

Jebsen non è il solo ad accusare le misure “totalmente eccessive”. Anche molti scienziati di spicco in patria e all’estero hanno fatto dichiarazioni in questo senso. Jebsen è quindi in piena sintonia anche con l’informatore del Ministero federale dell’Interno, che qualche giorno fa ha fatto trapelare al pubblico un documento con una valutazione schiacciante delle misure di quarantena del governo federale.

La prossima affermazione di Jebsen che “lo Stato, le corporazioni e i lobbisti che lo consigliano aveva in mente fin dall’inizio di introdurre un’applicazione di sorveglianza per poter rintracciare i cittadini in modo permanente in futuro” probabilmente non può essere provata in questa forma, ma il presupposto è ovvio che questo sia il caso. Una tale applicazione di tracciamento è stata a lungo nella lista dei desideri delle autorità di sorveglianza, e anche i politici tedeschi hanno la massima che nessuna crisi deve passare inosservata. Non si può negare il fatto che la pandemia di corona viene usata opportunisticamente da molti per cucinare la propria zuppa, il che è particolarmente evidente, ad esempio, nella giustificazione e nella distribuzione di aiuti finanziari corona alle grandi aziende e alle banche in difficoltà.

Si potrebbe anche dire: il Signore lo dà ai suoi nel sonno.

Continua con Jebsen:

  • Citazione: “Lo Stato, le corporazioni e i lobbisti che lo consigliano, fin dall’inizio, hanno cercato di introdurre la cosiddetta “immunità”. Un documento digitale che consente tutti i diritti fondamentali solo se il cittadino è vaccinato. Oggi contro Covid19, domani contro qualsiasi cosa”.
  • Questa carta di immunità è stata effettivamente approvata come disegno di legge in una riunione del gabinetto federale (1). Il parlamento d’emergenza avrebbe probabilmente fatto passare la legge senza problemi se la sua pubblicazione non avesse causato un’ondata di indignazione e se il capitolo sulle carte d’immunità fosse stato cancellato dal disegno di legge (per il momento).
  • Sulla base dell’esperienza passata, Jebsen prosegue dicendo che il governo Merkel “non è più affidabile, perché ha perso da tempo la sua credibilità; al più tardi con la gestione della crisi Corona, ma in realtà molto prima”.
  • Dopo questa espressione di opinione, Jebsen dedica la seconda parte del suo discorso ai fatti che sono scomodi per il governo federale e la classe dirigente, che sono brevemente elencati qui di seguito. E’ sorprendente che questi fatti siano stati semplicemente taciuti dai critici del discorso di Jebsen. Ma guardate voi stessi:  Citazioni:
  • “Questo governo ha deciso di inchinarsi alla NATO e di investire circa il 20% del suo budget in armi in futuro, mentre le nostre scuole, il nostro sistema educativo e il nostro sistema sanitario marciscono.
  • “Questo governo continua a permettere alla NSA di intercettare ognuno di noi”.
  • “Questo governo, attraverso la base aerea di Ramstein, ha permesso al nostro Paese di intraprendere guerre di aggressione contro altre nazioni che non hanno fatto nulla per danneggiarci. È un omicidio, venduto come garanzia, e ci sta macchiando tutti di sangue”.
  • “Questo governo ha contribuito a creare le ondate di rifugiati dal Medio Oriente sostenendo le guerre degli Stati Uniti nella regione e partecipando alle sanzioni statunitensi, per esempio contro la Siria, il tutto sotto la guida di un partito con la “C” nel suo nome”.
  • “Questo governo, nel salvare le banche, ha saccheggiato le casse nazionali. L’altro lato del salvataggio delle banche di importanza sistemica si chiama povertà della vecchiaia per le masse. Cosa c’è di sociale in questo? È una dichiarazione di guerra a chi ha schiavizzato per tutta la vita. La Merkel, infatti, ha saccheggiato noi, i cittadini, e ha passato le nostre sudate tasse a giocatori d’azzardo senza scrupoli”.
  • E ora, con la cosiddetta crisi di Corona, questo governo sta violando la costituzione.
  • Questo governo fa sempre quello che il popolo non vuole. Se la popolazione vuole che i soldati tedeschi siano riportati a casa dalle loro missioni all’estero, il governo fa il contrario e aumenta anche il numero delle truppe.
  • Se la popolazione chiede maggiori informazioni, ad esempio sugli omicidi dell’NSU, il governo chiude i dossier per 120 anni.
  • Con la domanda retorica “È questa la democrazia? Jebsen conclude questa parte del suo discorso, solo per poi chiedersi perché Bill Gates abbia avuto una pausa commerciale di 8 minuti gratuita per i suoi piani di vaccinazione nel Tagesthemen, in prima serata.

Cito: “Gates non è mai stato eletto democraticamente. Non è né medico, né virologo, né specialista in epidemie. È soprattutto un imprenditore americano e multimiliardario. Allora perché quest’uomo riceve questo straordinario trattamento speciale nel bel mezzo di una crisi?

Queste domande, tra l’altro, sono già state prese in considerazione come teorie di cospirazione da Ken Jebsen nei media aziendali e statali.

Ma Jebsen ha ragione quando si chiede, per esempio, perché per mesi solo i professori Wieler dell’RKI o Drosten del Charité hanno potuto spiegare la crisi della Corona alla gente della televisione, mentre fuori dal paese ci sono almeno altrettanti scienziati e professionisti qualificati che non sono d’accordo. Dato che se ne escono con fatti scomodi che non si inseriscono nella narrazione ufficiale, difficilmente riescono a trovare una parola nei media mainstream. Ma quando pubblicano le loro opinioni su media alternativi, vengono immediatamente denunciati come fango mediatico o teorici della cospirazione, e vengono ricoperti di fango mediatico per distruggere la loro reputazione, la loro carriera, il loro lavoro.

Verso la fine del suo discorso a Stoccarda Jebsen conclude:

“La contraddizione è una parte essenziale della ricerca. Senza di essa non ci può essere progresso. Dove non sono più ammesse contraddizioni giustificate e dubbi scientifici, dove la stampa permette una sola opinione, la democrazia è solo una farsa. Penso che ora sia abbastanza”.

Arriviamo ora a una conclusione:

Qual è la quintessenza dell’analisi del discorso di Ken Jebsen a Stoccarda?

  1. Non ci sono indizi per le accuse mosse contro di lui, che lo portano a un misto di esoterismo, cappelli di alluminio, teorici della cospirazione, antisemiti e destra. Chi crede comunque di trovarlo, è pregato di elencarlo nelle lettere all’editore.
  2. I termini esoterista, teorico della cospirazione, antisemita, antisemita, destra o nazista sono sempre più utilizzati dai presenti, o dai difensori dello status quo sociale del dominio delle élite neoliberali in assenza di argomenti tangibili, come omicidio colposo verbale per ostracizzare ed escludere socialmente gli scomodi dissidenti con le loro domande critiche. Questo è esattamente quello che si sta cercando di fare con Ken Jebsen. Grazie alla sua popolarità mediatica in rapida crescita (quasi mezzo milione di abbonati e un numero ancora maggiore di lettori e ascoltatori e spettatori) KenFM non è più una dimensione trascurabile.
  3. Sulla scia del discorso di Jebsen ci sono feroci discussioni tra seguaci e aggressori di Jebsen, e di solito si discute se l’opinione di Jebsen sia giusta o sbagliata, con gli oppositori che vogliono proibirgli di parlare con la motivazione che sta diffondendo menzogne.

Ma che sia giusto o sbagliato non è affatto importante. Non importa quanti professori famosi siano d’accordo o in disaccordo con l’opinione di Ken Jebsen. L’importante è che l’articolo 5 della Costituzione tedesca (GG) garantisca la libertà di opinione e che Jebsen possa esprimere la sua opinione personale senza ostacoli, dove e quando vuole. Ciò significa che ogni cittadino ha la libertà di esprimere liberamente le proprie opinioni (salvo grossolani insulti) e – cosa particolarmente importante – anche di diffonderle liberamente! La libertà di stampa, di trasmissione e di cinema è quindi strettamente legata alla libertà di diffondere le opinioni personali.

In questo contesto è particolarmente importante il significato politico dell’articolo 5 della Legge fondamentale. Come per tutti i diritti di libertà si tratta quindi di un diritto di difesa del cittadino contro lo Stato. Rende quindi possibile la difesa dell’ingerenza sovrana.

La legge sulle epidemie per la protezione contro le pandemie può, in determinate circostanze, e solo per un periodo di tempo strettamente limitato, limitare la libertà di circolazione e di spostamento dei cittadini. Ma nessuna legge, né la legge sulle malattie né le misure contro la pandemia, può annullare o limitare la libertà di espressione e la sua libera diffusione.

Ma cosa fanno i difensori delle attuali strutture statali e sociali? Cercano di mettere la museruola a Ken Jebsen. Poiché il GG non conferisce loro alcuna autorità legale, essi tentano altri metodi collaudati per allontanare persone sgradevoli dalla vita pubblica. In primo luogo viene perseguito sistematicamente l’ostracismo sociale del bersaglio, ad esempio con l’assassinio di personaggi, la diffusione di voci sgradevoli e false accuse. Qualcosa si bloccherà. Contro Ken Jebsen questa fase è già in fase avanzata.

Se si renderà necessaria una seconda fase, si ricorrerà sempre più a metodi di violenza psicologica. In una terza fase diventerà poi davvero pericoloso con le misure informatiche disponibili. Non sarebbe la prima volta che – dopo una soffiata anonima – la polizia si presenta a casa del bersaglio e trova ad esempio contenuti proibiti sul disco rigido del suo computer. Tutto questo era già successo prima, anche in Germania. Alcuni ricordano ad esempio quello che è successo a Sebastian Edathy, membro della SPD del Bundestag, dopo che aveva iniziato a fare domande scomode come capo della commissione d’inchiesta del Bundestag sul gruppo terroristico della NSU e si era rifiutato di mollare.

Ha bisogno di un sostegno pubblico ancora più forte per proteggersi dal crescente fango che i politici e i mezzi di comunicazione di massa stanno ora mettendo in atto contro Ken Jebsen. Certo, non è necessario essere d’accordo con ogni espressione dell’opinione di Jebsen o condividere ogni contributo degli autori freelance. Ma il portale KenFM è oggi più importante che mai. In questo paese è l’unico mezzo rimasto con un gran numero di abbonati, dove anche la libera espressione delle opinioni degli autori freelance è apprezzata e mantenuta, senza alcuna guida o ingerenza della redazione già a corto di personale. Certo, non tutti i contributi sono una perla, ma i contributi non convenzionali e le posizioni opposte spesso scatenano vivaci discussioni. È importante che stimolino la riflessione, perché senza contraddizioni non c’è progresso.

Con l’aumento delle tensioni sociali e delle fratture nel nostro Paese, dobbiamo essere preparati ad attacchi ancora più forti contro Ken, la sua redazione e i suoi autori, ma anche contro i suoi lettori e i suoi abbonati. Per questo dobbiamo avere una pelle spessa. E tutti coloro che apprezzano il KenFM e vogliono mantenerlo sono chiamati a educare l’ambiente circostante e a reclutare più lettori, perché più forte è il sostegno del pubblico, più difficile sarà per gli avversari metterci a tacere.

Fonte:

  1. https://www.heise.de/forum/Telepolis/Kommentare/Coronakrise-Eine-bedrohliche-Entwicklung-fuer-die-Grundrechte/Aktueller-Kabinettsbeschluss-zum-Infektionsschutzgesetz-Immunitaetsnachweis/posting-36599756/show/
  2. https://de.wikipedia.org/wiki/Sebastian_Edathy

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine:  © KenFM0520

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort