Israele, la Palestina e la soluzione dello Stato unico | Di Jochen Mitschka

Se il racconto dei due stati si rivela assurdo attraverso piani di annessione.

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Questo PodCast è più lungo del solito, perché mostra l’assurdità e l’illegalità di una “ragione di Stato” tedesca. Questo principio, proclamato soprattutto da Machiavelli durante il Rinascimento italiano, afferma che un’azione per preservare lo Stato sarebbe giustificata trascurando qualsiasi altra massima, cioè anche contraria al diritto internazionale e ai diritti umani.

Il 17 maggio 2019, la maggioranza dei parlamentari tedeschi ha deciso di calunniare l’unico movimento internazionale per i diritti umani contro l’occupazione illegale della Palestina da parte di Israele come “antisemita”. E i parlamentari hanno sostenuto che l’obiettivo era una soluzione a due Stati. Questo non era solo irrealistico, ma anche ipocrita e mendace, poiché già allora gli ex sostenitori ebrei della soluzione dei due Stati sottolineavano che quasi 700.000 coloni ebrei avevano reso impossibile una tale soluzione (1). Ora che il governo israeliano di estrema destra, tra i soliti bombardamenti sui paesi vicini, ha annunciato che avrebbe annesso anche un’altra parte della Palestina de jure, la Germania politica è stata “sorpresa” e naturalmente ufficialmente contraria al piano. Anche se la loro decisione e la politica della Germania e dei più importanti Stati dell’Unione Europea avevano appena aperto la strada. Nel mio libro (20), nel quale confutavo i discorsi e le argomentazioni dei membri del Bundestag, dichiaravo anche, alla fine, che l’unica prospettiva possibile per la pace sarebbe stata quella di un solo Stato. E ora qualcosa si sta muovendo in questa direzione anche tra i sionisti liberali.

Nasim Ahmed nel Middle East Monitor ha scritto sui “sionisti liberali”, che si potrebbe dire altrettanto dei parlamentari tedeschi:

“Loro [i sionisti liberali] si aggrappano alla possibilità di una possibile soluzione a due Stati. Tuttavia, in vista del continuo e pianificato land grab israeliano, è improbabile che una tale prospettiva possa mai essere realizzata. (2)

E uno dei principali intellettuali sionisti degli Stati Uniti conferma che la soluzione dei due Stati è fuori discussione. Peter Beinart (21 anni) è noto per libri e articoli che hanno ripetutamente confermato la speranza degli ebrei liberali che uno Stato ebraico accanto a uno Stato palestinese sarebbe stato possibile. Ma Beinart aveva ora dichiarato in un articolo del New York Times (3): “Non credo più in uno Stato ebraico”. Poi ha continuato dicendo che aveva fatto una campagna per decenni per la separazione di israeliani e palestinesi, ma che ora aveva perso questa convinzione. “Ora posso immaginare una casa ebrea in condizioni di parità”. Con questo sarebbe stato condannato al silenzio in Germania con l’argomentazione omicida “Tu neghi il diritto di Israele ad esistere”.

Nasim Ahmed spiega che, come molti ebrei liberali, Beinart era pronto a dare a Israele il “beneficio del dubbio”; comprensibile, egli crede, vista la tragica storia degli ebrei in Europa. Beinart aveva spiegato che la sua visione del mondo si basava sulle sue esperienze. La sua famiglia era saltata di continente in continente e Israele sarebbe sempre stato una “fonte di conforto” per la sua famiglia.

Beinart aveva scritto molto sulle “crisi del sionismo” (4) e descritto la tensione tra il suo sostegno a Israele e i tragici effetti che la sua fondazione ha avuto sui palestinesi. E ora arriva la dichiarazione decisiva, che anche i membri tedeschi del Bundestag dovrebbero finalmente adottare: “Sapevo che era sbagliato negare ai palestinesi la cittadinanza in Cisgiordania, il giusto processo di legge, la libertà di movimento e il diritto di voto nel paese in cui vivevano, ma il sogno di una soluzione a due Stati che avrebbe dato ai palestinesi il loro paese mi ha dato la speranza di poter rimanere un liberale e un sostenitore della statualità ebraica allo stesso tempo. (3)

Beinart ha spiegato che “gli eventi” hanno spento questa speranza. Il che va inteso come un’allusione all’annessione della Cisgiordania occupata prevista da Benjamin Netanyahu. Non si sofferma sul fatto che la politica di insediamento permanente non ci ha permesso di aspettarci altro. Ma ora chiede ai sionisti liberali di essere onesti con Israele. “Israele ha praticamente preso la sua decisione: un paese che comprende milioni di palestinesi che non godono dei diritti fondamentali. Ora anche i sionisti liberali devono fare la loro scelta”. (3)

Quella stessa settimana Beinart aveva anche pubblicato un importante saggio su Jewish Currents (5) in cui dichiarava morta la soluzione dei due stati. “La dura verità è che il progetto che i sionisti liberali come me si sono impegnati a realizzare per decenni – uno Stato per i palestinesi separato da uno Stato per gli ebrei – è fallito”. E per quanto riguarda questa affermazione, rivoluzionaria per i sionisti, ha dichiarato che “nella maggior parte delle comunità ebraiche sulla terra, il rifiuto di Israele è un’eresia più grande del rifiuto di Dio”. (5)

Beinart propone quindi UNO Stato che comprende Israele, la Cisgiordania, la Striscia di Gaza e Gerusalemme Est. In alternativa, una confederazione che permetta la libertà di movimento tra due Paesi profondamente integrati.

Ahmed indica poi una risposta di Jonathan Freeland, un sionista liberale autoproclamatosi liberale: “Cosa verrà dopo quando il sogno di due stati sarà morto? In riferimento a Beinart, l’editorialista del Guardian ha concluso che la speranza di una soluzione a due Stati avrebbe permesso a molti ebrei di “nascondersi” dalla realtà che “gli ebrei israeliani e i palestinesi ora abitano un unico spazio politico”. Ora che questa speranza sta “svanendo”, ha esortato Freedlandia, “non possiamo più nasconderci”.

Questo per far capire finalmente all’ultimo membro del Bundestag che la resistenza al colonialismo israeliano, espressa attraverso l’argomentazione omicida del “diritto di esistere”, non aveva nulla a che fare con l’antipatia verso uno Stato ebraico. La motivazione è stata piuttosto quella che Ahmed ha giustamente formulato nel suo articolo sul Middle East Monitor:
“Essa [la critica] nasce piuttosto dalla convinzione che l’espulsione di centinaia di migliaia di persone e il trattamento preferenziale di una maggioranza ebraica per soddisfare le fantasie dei sionisti europei era moralmente e giuridicamente ingiustificabile fin dall’inizio. (3)

Beinart, ancora sionista, pensava che il problema non fosse il sionismo in sé, ma Israele a causa della sua appropriazione di un tipo di sionismo che aspira al dominio etnico. “Uno Stato ebraico è diventato la forma dominante del sionismo”, mentre “l’essenza del sionismo è una casa ebraica nella terra d’Israele, una società ebraica fiorente che può offrire rifugio e ringiovanimento agli ebrei di tutto il mondo”. (3)

Nasim Ahmed spiega poi che si può sostenere che le aspirazioni dei nazionalisti palestinesi all’inizio del XX secolo non erano lontane da ciò che Beinart ora immagina: un nazionalismo egualitario che abbraccia tutte le fedi e le comunità per raggiungere l’autodeterminazione per tutti coloro che vivono nella zona. La fonte dei disordini civili durante il mandato britannico per la Palestina (1923-48) sarebbe stata l’immigrazione incontrollata di ebrei europei e americani che cercavano di minare le aspirazioni politiche della comunità indigena separandosi con la forza dalla popolazione maggioritaria che lottava per uno Stato indipendente della Palestina come casa per ebrei, cristiani e musulmani.

Peter Beinart non si spinge abbastanza lontano

Jeff Halper entra poi in un articolo di Haaretz su cosa succederà se gli ebrei israeliani non accettano la soluzione dello Stato unico, se non vogliono rinunciare ai loro privilegi?

Halper spiega nell’articolo (6) che l’idea del “trasferimento”, come veniva chiamata la pulizia etnica al momento della fondazione dello Stato di Israele, sarebbe stata una politica di governo molto prima del sionista di estrema destra Meir Kahane. E che dal 1967 la cosiddetta soluzione dei due Stati avrebbe avuto un ruolo chiave nel mascherare la vera politica.

Chiunque avrebbe saputo, ha detto Halper, che la soluzione dei due Stati non è mai stata la soluzione voluta, ma che sarebbe stato facile sedersi dietro la pretesa di “occupazione”. Con questo intendeva in particolare i politici occidentali. Perché Israele stesso aveva sempre negato di aver occupato la Palestina per non violare la Quarta Convenzione di Ginevra, per esempio attraverso insediamenti, espropriazioni, ecc. Israele parlava quindi sempre di “territori contesi”. Poi Halper ha spiegato che ora non si parla più di “annessione”, ma piuttosto, come ha percepito anche la comunità dei servizi segreti tedeschi, di “estensione della sovranità di Israele”.

Tutto questo ora sarebbe crollato, rivelato, dal piano di annessione del presidente Trump e dal cosiddetto piano di pace.

Poi Halper spiega cosa significa questa soluzione a stato unico per i sionisti: “Un unico stato è l’unica alternativa a ciò che esiste oggi e a ciò che l’annessione offre chiaramente per il futuro: l’apartheid. Alcuni hanno proposto una confederazione, ma che fallisce per lo stesso motivo per cui fallisce la soluzione dei due Stati: Israele semplicemente non è disposto a fornire ai palestinesi uno spazio politico o economico significativo.
(…) La campagna “One Democratic State” ha formulato un programma politico che chiede una democrazia unificata ed equa, il ritorno dei rifugiati alle loro case e la nascita di una società civile comune. Va ancora oltre e riconosce che il sionismo e il nazionalismo palestinese possono coesistere in una democrazia pluralistica – ed entrambi possono alla fine trasformarsi in qualcosa di nuovo, comune e vivo. (6)

Poi Halper spiega che la maggior parte dei bianchi in Sudafrica non erano disposti a rinunciare all’apartheid volontariamente, né lo sarebbero stati gli israeliani ebrei. Pertanto, secondo l’autore, i responsabili dovrebbero prendere una piega diversa dalla politica dell’ANC (African National Congress). Egli spera nei movimenti di base e nei giovani ebrei. “In questo modo, stiamo rendendo l’apartheid israeliano insostenibile, come ha fatto l’ANC in Sudafrica, e portando finalmente gli israeliani nel processo di transizione quando non hanno altra scelta se non quella di cooperare”.

Halper scrive che i sudafricani, gli irlandesi del Nord, gli americani bianchi e neri del Mississippi e molti altri popoli un tempo intrappolati in conflitti apparentemente infiniti hanno scoperto che le loro differenze “insolubili” diventano gestibili quando le questioni della disuguaglianza e della giustizia vengono finalmente affrontate.

Peter Beinart manca il problema di base

Lana Tatour ha scritto il 15 luglio perché Peter Beinart ha perso il problema di fondo con la sua richiesta di una soluzione monostatica. Pensa che il sionismo sia il problema in sé, con il quale una soluzione monostatale rimarrebbe sempre una soluzione dell’apartheid. Scrive: “La prognosi di Beinart non riesce a riconoscere quale sia il vero problema: non il 1967, ma il 1948 e il sionismo stesso come progetto razziale coloniale”. (9)

Fa notare che Beinart non fa che ripetere quello che decine di intellettuali palestinesi ripetono da decenni. L’autore spiega poi che Beinart deve soffrire di amnesia perché ha dimenticato che era proprio la sua richiesta che il movimento nazionale palestinese aveva proposto in un discorso all’Onu del 1974. Cita l’allora Presidente Arafat dal discorso con le parole: “Stiamo lottando perché gli ebrei, i cristiani e i musulmani vivano in condizioni di uguaglianza, godano degli stessi diritti e assumano gli stessi obblighi, liberi da discriminazioni razziali o religiose.

Poi si interroga sulla motivazione di Beinart, sul perché egli propaghi improvvisamente la soluzione dello stato unico senza rinunciare al sionismo in quanto tale. Poi continua a scrivere:

“Sta cercando di prendere una posizione progressista a favore dell’uguaglianza, cancellando la Nakba e mantenendo la legittimità del sionismo. Beinart rimane fedele alla classica posizione liberale sionista, che considera legittime la colonizzazione della Palestina nel 1948 e la Nakba”. (9)

Beinart si sente chiaramente più a suo agio con il linguaggio dell’uguaglianza liberale che con il vocabolario anticoloniale. Che egli formulasse la soluzione dello Stato unico come una questione di uguaglianza non sarebbe solo una questione di pragmatismo o un tentativo di parlare a un vasto pubblico internazionale in Occidente. Secondo loro, si tratta di un profondo rifiuto ideologico di rompere con il sionismo come ideologia razziale e coloniale.

Razzismo esposto

Miko Peled ha poi scritto su Mintpressnews (11) come due eventi apparentemente non collegati tra loro abbiano rivelato il problema del razzismo israeliano. Un video virale (12) che mostrava una famiglia israeliana che si prendeva gioco dei bambini palestinesi poveri e l’editoriale del New York Times del famoso commentatore sionista Peter Beinart avrebbe messo in luce le basi razziste del cosiddetto Stato ebraico. Interpreta l’articolo di Beinart in modo diverso dagli altri commentatori ben intenzionati.

“Beinart dice ai lettori: ‘Sapevo che Israele era una fonte di conforto e di orgoglio per milioni di altri ebrei. Spiega che questo è il motivo per cui crede nello Stato ebraico. Si potrebbe sostenere che la schiavitù è stata una fonte di conforto e di orgoglio per milioni di bianchi americani, anche se sostenere la schiavitù sarebbe comunque ripugnante.

Continua descrivendo un sentimento sentito da molti sionisti liberali. Un giorno, all’inizio dell’età adulta, stavo camminando per Gerusalemme, leggendo i nomi delle strade che catalogavano la storia ebraica, e ho sentito quel conforto e quell’orgoglio. Quello che è successo in realtà:] Gerusalemme è stata una città araba per oltre mille anni. Nel 1948, i palestinesi di Gerusalemme subirono una totale e completa pulizia etnica, e non un solo palestinese poté rimanere in città. Gerusalemme divenne allora la capitale dello Stato di Israele, e i nomi delle strade che catalogavano la lunga e grande storia araba della città furono cambiati. (11)

L’autore entra poi in ulteriori dichiarazioni nell’articolo e descrive il loro significato dal punto di vista palestinese. E così conclude: “Il riconoscimento dei diritti dei palestinesi all’interno di un costrutto sionista è un sintomo della dominazione razzista sionista. È questo razzismo che permette a una famiglia di passare davanti ai bambini palestinesi e di trattarli come animali in un safari. In questo modo, lo Stato di Israele è in grado di continuare la Nakba, la distruzione sistemica e catastrofica della Palestina e del suo popolo per quasi cento anni”.

La reazione del sionismo al tipo di gamba

Quando i sionisti si rendono conto di essere stati seduti su una falsa ideologia e cominciano a cambiare idea, inizialmente rimangono gli oppositori dei rappresentanti dei diritti dei palestinesi, ma sono anche maledetti dal mainstream politico in Israele e in Germania come “ebrei che si odiano da soli”. Anche Beinart, è ora trattato come tale. Così il console generale israeliano a New York ha accusato Beinart di volere che Israele “crepi” (13).

Aaron David Miller, ex inviato americano in Medio Oriente, ha avvertito che la ricetta di Beinart era “un’illusione legata a una fantasia avvolta in un’impossibilità” (14). L’amico di Beinart, Jeremy Ben Ami, capo del gruppo di lobby dei due stati J Street, ha cercato di salvare la comoda narrazione dell'”occupazione” o di ciò che ne è rimasto, sostenendo che alla fine i colloqui di pace sarebbero ripresi.

Il giornale Haaretz, liberale e spesso molto critico, ha naturalmente tra le sue fila anche un duro rappresentante del sionismo, Anshel Pfeffer. Afferma la stessa cosa che i politici tedeschi dicono sempre, che non c’è approvazione per la soluzione dello Stato unico, né da parte degli israeliani né da parte dei palestinesi. Così facendo, egli, come i politici tedeschi, trascura il fatto che la soluzione dello Stato unico esiste già. Le leggi passate nella Knesset sono state da tempo applicate ai territori occupati. E la Palestina è stata da tempo amministrata come se fosse Israele, e secondo decisioni arbitrarie dell’amministrazione civile, che dovrebbe essere l’unica responsabile di alcune aree, è stata minata o distrutta dalle leggi israeliane. Come nel caso delle licenze edilizie, ad esempio.

Tuttavia, le affermazioni di Pfeffer e della MdB sono completamente errate quando sostengono che l’opinione pubblica impedirebbe fondamentalmente la soluzione dello Stato unico. Naturalmente ci sarebbe stata una resistenza da parte dei coloni estremisti. Ma i palestinesi gradirebbero la parità di diritti e di doveri con gli ebrei israeliani. Il sostegno alla soluzione dei due stati, che i politici tedeschi ancora… bisogna dire che è scomparso da tempo.

Naturalmente, la maggioranza dei palestinesi in un sondaggio ha dichiarato di preferire l’intera Palestina storica. (16) Ma chiunque parli con loro vedrà che si tratta di un atto di sfida, e che in realtà accetterebbe qualsiasi soluzione che dia loro gli stessi diritti che hanno i cittadini ebrei israeliani di uno Stato.
Pfeffer si fa beffe di Beinart, che ha sottolineato che una “casa ebraica” sarebbe radicata nella moralità, che è esattamente ciò che molti ebrei ortodossi chiedono. Pfeffer ride di questo e lo chiama utopia. L’esistenza di Israele sarebbe sempre dipesa da quello che lui chiamava “pragmatismo”. Israele deve fare affidamento sul suo potere.

Dimentica di menzionare che Israele esiste solo nella sua forma attuale grazie al sostegno degli Stati coloniali e degli Stati Uniti. Senza la schermatura, sia militare che diplomatica nel Consiglio di sicurezza dell’Onu, non ci sarebbe più uno Stato dell’apartheid, Israele. Ma questo sostegno si basava sulla falsa immagine che Israele fosse un attore morale. E questa narrazione si sta sempre più disintegrando.

Jonathan Tobin, direttore del Jewish News Syndicate, ha sostenuto (17) che le opinioni di Beinart erano “indicative della crisi di fede all’interno di gran parte dell’ebraismo americano”. Weinberg ha descritto i due saggi come “spaventosi” perché rappresentavano il “viaggio intellettuale degli ebrei liberali verso l’antisionismo e l’auto-immolazione” (18). Entrambi ritengono che il sostegno a uno Stato dell’apartheid stia diminuendo negli Stati Uniti.

Cosa significa questo per la Germania

Jonathan Cook ha scritto nell’Occhio del Medio Oriente il 17 luglio: “Il punto di vista degli ebrei israeliani cambierà, così come quello dei sudafricani bianchi, se soffrono di un ambiente internazionale più duro e il calcolo costi-benefici che ne risulta deve essere corretto. (19)

Prima di tutto, i parlamentari tedeschi devono finalmente smettere di sostenere che parlare di colonialismo è antisemitismo. Anche uno dei padri fondatori sionisti, Theodor Herzl, aveva dichiarato che Israele era un progetto coloniale.

“Herzl si è rivolto alla Gran Bretagna perché, come ha detto, è stato ‘il primo paese a riconoscere la necessità di un’espansione coloniale’. Secondo lui “l’idea del sionismo, che è un’idea coloniale, dovrebbe essere facilmente e rapidamente compresa in Inghilterra”. (10)

Poiché non ci si può aspettare che la politica tedesca prenda le distanze dalla linea del governo di destra di Israele, vorrei riferirmi alla dichiarazione di un precedente articolo: “Così come il movimento BDS è stato calunniato come ‘antisemita’ dai membri del Bundestag, i principali protagonisti del movimento per la libertà del Sudafrica, la ANC, sono stati elencati come terroristi nei paesi occidentali dell’epoca, tra cui Nelson Mandela (…) La resistenza deve venire dal basso fino a quando l’establishment non potrà più fare altrimenti. (7)

La Germania ha in effetti una responsabilità particolare in questo senso a causa della sua storia. La responsabilità di non sostenere guerre prevedibili e di prevenire la persecuzione di persone che, come le minoranze nella Germania nazista, un tempo erano considerate parti indesiderate della società. La Germania dovrebbe quindi assumere un ruolo guida in un processo che sostenga il popolo ebraico critico nei confronti delle politiche sioniste e aggressive dell’attuale sistema dell’apartheid e che cerchi di promuovere un Israele che viva in pace con i suoi vicini come membro laico, liberale e democratico della comunità mondiale. Queste persone esistono, come dimostra il discorso di Gideon Levy sulla soluzione dello Stato unico (8).

Fonti:

  1. https://youtu.be/c4W1IWNAPgk Siehe auch http://www.alitheia-verlag.de/product_info.php?products_id=18
  2. https://www.middleeastmonitor.com/20200713-the-fact-that-peter-beinart-no-longer-believes-in-a-jewish-state-tells-us-a-lot/
  3. https://www.nytimes.com/2020/07/08/opinion/israel-annexation-two-state-solution.html
  4. https://www.middleeastmonitor.com/20140601-the-crisis-of-zionism/
  5. https://unjppi.org/blog-posts/yavne-a-jewish-case-for-equality-in-israel-palestine
  6. https://www.haaretz.com/middle-east-news/.premium-peter-beinart-doesn-t-go-far-enough-1.8990426
  7. https://kenfm.de/standpunkte-%E2%80%A2-das-existenzrecht-israels-und-die-corona-krise/
  8. https://youtu.be/c4W1IWNAPgk Gideon Levys Rede zur Einstaatenlösung (und zur Behandlung der Menschenrechtsgruppen in Deutschland, die sich gegen die Apartheidpolitik einsetzen)
  9. https://www.middleeasteye.net/opinion/why-peter-beinarts-call-one-state-solution-misses-mark
  10. https://books.google.de/books?id=VaUvqHNd6m0C&pg=PA7&dq=%22the+idea+of+Zionism,+which+is+a+colonial+idea,%22&hl=en&sa=X&ei=OurfU9LHINiqyASDhILABQ&redir_esc=y#v=onepage&q=%22the%20idea%20of%20Zionism%2C%20which%20is%20a%20colonial%20idea%2C%22&f=false Aus John Quigley, “The Case for Palestine -An International Law Perspective”, 2005 Duke University Press, Seite 7, Im Detail: Herzl approached Britain because, he said, it was “the first to recognize the need for colonial expansion.” According to him “the idea of Zionism, which is a colonial idea, should be easily and quickly understood in England.” In 1902 Herzl approached Cicil Rhodes, who had recently colonized the territory of the Shona people als Rhodesia. “You are being invited to help make history,” he said in a letter to Rhodes. “It doesn’t involve Africa, but a piece of Asia Minor; not Englishmen but Jews. How, then, do I happen to turn to you since this is an out-of-the-way matter for yout? How Indeed? Because it is something colonial.”
    Oder bzw. Theodor Herzl: A Biography, 1946 Ararat Publishing Society Limited, Seite 126.
  11. https://www.mintpressnews.com/two-seemingly-unrelated-events-laid-israel-racism-bare/269431/
  12. https://qudsnen.co/video-who-wants-to-feed-a-bedouin-zionist-family-treating-palestinian-children-as-zoo-animals/
  13. https://www.youtube.com/watch?v=JEH8eWsaxe4
  14. https://twitter.com/aarondmiller2/status/1280992302773809156
  15. https://www.haaretz.com/us-news/.premium-peter-beinart-s-one-state-solution-sounds-so-perfect-it-s-practically-utopian-1.8983601
  16. https://www.washingtoninstitute.org/fikraforum/view/palestinian-majority-rejects-two-state-solution-but-backs-tactical-compromi
  17. https://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/283266
  18. https://www.jpost.com/opinion/peter-beinharts-betrayal-of-liberal-zionism-and-israel-634553
  19. https://www.middleeasteye.net/news/israel-peter-beinart-jewish-state-renounced-liberal-zionists
  20. http://www.alitheia-verlag.de/product_info.php?products_id=18
  21. https://de.wikipedia.org/wiki/Peter_Beinart

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Steve Mann / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort