Il testimone di Washington al Ministero degli Esteri | Di Norbert Häring

Due anni di “partenariato equilibrato

Un punto di vista di Norbert Häring.

Tra pochi giorni, il 22 agosto, sarà il secondo anniversario della prima proclamazione di una “strategia per trattare con gli USA” tedesca da parte di Heiko Maas, chiamata “balanced partnership”. In esso si parlava di “linee rosse”. Le minacce e le sanzioni statunitensi contro le persone e le imprese tedesche, ancora oggi in vigore, invitano alla domanda: Come ha riempito di vita questa strategia il politico e ministro degli Esteri della SPD?

Sulla base del mio articolo dell’agosto 2018: Le granate stordenti transatlantiche di Heiko Maas e le esperienze dei primi sei mesi, avevo definito la strategia di Maas di “partenariato equilibrato” una dichiarazione di sottomissione abilmente camuffata da un discorso non serio di linee rosse. Due anni dopo, vorrei rivedere questo duro giudizio alla luce degli sviluppi che si sono verificati da allora.

Hard su Nordstream 2

Vediamo la situazione attuale. Al momento, la minaccia di tre senatori statunitensi di “distruggere finanziariamente” la città portuale di Sassnitz nel Mar Baltico sta causando un trambusto. In precedenza, il sindaco e altri responsabili erano già stati minacciati con misure punitive statunitensi in violazione del diritto internazionale. Essi devono essere costretti ad impedire alla nave posatubi russa di completare il gasdotto Nordstream 2. La nave era stata portata lì perché le società specializzate internazionali che fino ad allora vi avevano lavorato avevano interrotto il loro lavoro a causa delle sanzioni statunitensi, che erano in violazione del diritto internazionale. I rappresentanti delle imprese e delle associazioni economiche tedesche e i politici hanno chiesto quasi all’unanimità che questo attacco da parte degli USA sia contrastato con decisione.

Questo ha anche costretto il ministro degli Esteri Heiko Maas, in visita a Mosca, a fare una dichiarazione critica. Ha detto alla stampa: “Nessuno Stato ha il diritto di dettare la propria politica energetica all’UE. E neanche quello avrà successo”. Ha detto “UE”, non “Germania”. In linea con questo, ha spiegato che il governo tedesco utilizzerà la sua presidenza del Consiglio fino alla fine dell’anno per spingere la questione della sovranità europea. Ha detto di nuovo “europeo”, non “tedesco”. Crede che consideri la sovranità tedesca come un caso senza speranza? Lui stesso non osa difendersi, ma perché è così imbarazzante, vuole nasconderlo al pubblico. E così si solleva semplicemente la questione a livello europeo, sapendo che lì non succederà nulla.

Un portavoce del commissario UE per l’energia ha detto all’Handelsblatt: “L’applicazione extraterritoriale delle sanzioni viola il diritto internazionale”, il che ha certamente provocato a Washington ululato e digrignamento dei denti. “Questo fa parte di una tendenza più ampia e preoccupante – compresi i casi dell’Iran, di Cuba, della Corte Penale Internazionale e del progetto Turkstream, dove gli Stati Uniti stanno applicando o minacciano di applicare sanzioni contro le aziende europee”, ha detto anche una portavoce della Commissione.

Le contromisure della Commissione UE si limitano a sostenere la Presidenza tedesca del Consiglio dell’UE nell’ulteriore sviluppo di misure UE contro le sanzioni extraterritoriali statunitensi.

Protesta solo per la galleria

Maas ha anche detto di aver spiegato al suo omologo statunitense Pompeo che non era questa la strada da percorrere. Non è verificabile se e come glielo abbia detto. Nella prassi diplomatica, esiste una procedura per lamentarsi inequivocabilmente con il governo di un altro Paese del suo comportamento, che viene percepito come ostile o dannoso: si nomina pubblicamente l’ambasciatore per parlare con lui.

Che io sappia, Maas non lo fa una sola volta da quando due anni fa, quando ha presentato la sua strategia per l’America, quando ha scritto delle “linee rosse”, che il governo Trump avrebbe dovuto far intervenire l’Europa se fossero state oltrepassate. L’ex ambasciatore statunitense Grenell, che comunica quasi esclusivamente con il tono burbero del comando di un viceré, gli aveva offerto molte opportunità.

Nel presentare la sua strategia statunitense, Maas ha menzionato esplicitamente la rescissione dell’accordo con l’Iran da parte degli Stati Uniti e la reimposizione di sanzioni unilaterali. L’Europa aveva reagito nel modo giusto, proteggendo legalmente le proprie aziende dalle sanzioni statunitensi. Ha aggiunto: “È quindi essenziale rafforzare l’autonomia europea istituendo canali di pagamento indipendenti dagli Stati Uniti, creando un Fondo monetario europeo e creando un sistema Swift indipendente dagli Stati Uniti”. Ha anche detto che si dovrebbe discutere di una tassa digitale per i giganti americani di internet.

Tutto ciò ha dato l’impressione che la partnership equilibrata si basava su una maggiore autonomia e fiducia in se stessi nei confronti degli Stati Uniti. Ma sempre e solo in relazione all’Europa. In realtà ci si aspetterebbe una strategia tedesca da parte del ministro degli esteri tedesco e una strategia europea da parte della Commissione europea. Dopo tutto, è il governo federale ad essere responsabile della salvaguardia della sovranità tedesca, non Bruxelles.

Un ministro degli Esteri Heiko Maas, che si ribellava alla pretesa di Washington di una fedeltà incondizionata, sarebbe stata una sorpresa, dato che il Consiglio Atlantico, un precursore della NATO a Washington, aveva ripetutamente fatto capire quanto questo politico fosse apprezzato in quella sede.

Mi riferisco all’articolo collegato all’articolo: Un supplemento al Ministro degli Esteri Heiko Maas e al Consiglio Atlantico

Nella seconda pagina – metaforicamente parlando – della partnership equilibrata, quella presumibilmente più importante, c’era l’impegno ad assumere una maggiore responsabilità militare nei solidi legami transatlantici, cioè sotto la sovranità degli Stati Uniti. Per poter assumere i compiti di polizia mondiale da cui gli Stati Uniti si sono ritirati, l’asse militare franco-tedesco e la politica militare dell’UE dovevano essere rafforzati, “come componente dell’ordine di sicurezza transatlantico”. Questo può essere letto come “sotto il comando supremo americano”.

Che ne è stato delle misure di sovranità?

Le misure contro la politica sanzionatoria statunitense, che la Mosa e l’Ue vogliono “sviluppare ulteriormente”, sono ormai da tempo, senza eccezione alcuna, prive di un serio impegno. Per proteggere le imprese europee dalle sanzioni, l’Handelsblatt ha già pubblicato il titolo del gennaio 2019: “Gli aiuti dell’UE all’Iran sono falliti”, e così via:

Il governo tedesco ammette che il meccanismo adottato dagli Stati dell’UE per proteggere le imprese europee che fanno affari in Iran è in gran parte inefficace.

Non che questo non fosse prevedibile. Era ampiamente atteso e commentato quando è stato annunciato. Sarà stato chiaro anche a Heiko Maas.

Quando nel gennaio 2019 gli Stati Uniti hanno minacciato sanzioni contro le società coinvolte nel gasdotto Nordstream 2 in una lettera completamente non diplomatica del suo ambasciatore, il governo tedesco ha persino rifiutato espressamente di appoggiare le società minacciate quando gli è stato chiesto dai giornalisti.

Anche il sistema Swift, indipendente dagli Stati Uniti, si è rapidamente rivelato una bolla del discorso. I pagamenti internazionali vengono elaborati attraverso questo sistema, gestito dalle banche su base cooperativa. In termini puramente legali, la cooperativa belga Swift è indipendente dagli Stati Uniti e soggetta al diritto europeo. Il fatto che i dati di Swift siano “volontariamente” messi a disposizione delle autorità statunitensi in diretta si basa sulla presentazione da parte dell’UE alla rivendicazione del potere finanziario degli Stati Uniti, che si basa principalmente sul suo controllo sulla valuta internazionale, il dollaro. Se l’Europa avesse il coraggio e il potere di creare un sistema Swift indipendente dagli Stati Uniti, non avrebbe bisogno di un nuovo Swift.

Lo stesso vale per i canali di pagamento indipendenti dagli USA. Il governo tedesco ha dimostrato in modo impressionante, anche prima della nuova strategia di Maas, di non avere questa fiducia e questo potere. Quando una banca statale iraniana di Amburgo voleva ritirare parte del suo saldo a credito dalla Bundesbank in contanti, la Bundesbank si è rifiutata di farlo con il pretesto di un’indagine per riciclaggio di denaro sporco da parte dell’autorità federale Bafin. La Bundesbank ha addirittura modificato le sue condizioni di business in risposta, giustificando apertamente questo fatto con il timore di diventare il bersaglio delle sanzioni statunitensi e di essere disaccoppiata dagli affari internazionali. Un governo federale che si è piegato alle pressioni americane per non utilizzare il sistema di pagamento in contanti in euro, che è indipendente dagli USA, per gli affari con l’Iran ha annunciato l’intenzione di istituire un sistema di pagamento indipendente dagli USA.

Per quanto riguarda la società veicolo franco-tedesco-britannica Instex (strumento di supporto alle attività commerciali), fondata a fine gennaio 2019 per garantire, attraverso la reciproca compensazione dei crediti verso l’Iran, che le banche passibili di sanzioni siano in gran parte eliminate, i dubbi espressi dagli esperti fin dall’inizio sono stati pienamente confermati, secondo un rapporto del Tagesspiegel di febbraio:

Gli Stati Uniti hanno minacciato pubblicamente e dietro le quinte gli europei in diverse occasioni di imporre sanzioni all’Instex e ai suoi dipendenti se il meccanismo dovesse essere utilizzato per aggirare le sanzioni statunitensi. La ricerca di personale si è quindi protratta nel tempo. Il fatto che la pressione degli Stati Uniti stia funzionando lo si vede anche dal primo accordo che sarà concluso nei prossimi giorni. Del grande gesto di Maas è rimasto ben poco. La consegna di medicinali in Iran da parte di una società tedesca è in corso di elaborazione. Stiamo parlando di un “test”. Il valore è “inferiore al milione di euro”. Nulla viene importato in cambio. I politici europei sottolineano che il tutto è assolutamente legale.

Dopo più di un anno, la prima attività di test (pianificata) con un volume inferiore al milione. C’è ancora molta strada da fare finché questo strumento non porterà qualcosa.

Per quanto riguarda la questione della tassa digitale, sollevata all’epoca dalla Mosa, la Francia ha fatto pressione contro la resistenza della Germania e poi è stata lasciata fuori al freddo dall’UE e dalla Germania quando Washington ha reagito con dure sanzioni commerciali contro la Francia. Né c’è stato alcun segno di un Fondo monetario europeo dopo il corposo annuncio di Maas, nemmeno, e soprattutto, da parte sua.

Cosa è successo in termini di militari e di “sicurezza”?

A differenza dei melodiosi ma inconsistenti annunci sulla garanzia della sovranità europea (non tedesca), molto è accaduto molto rapidamente nel caso degli annunci, formulati con cautela, sulla cooperazione militare.

Quando il governo americano ha annullato il trattato INF, importante per la sicurezza europea e ha vietato i missili terrestri a medio raggio, il governo tedesco ha immediatamente appoggiato Trump. Anche nel tentativo di colpo di Stato in Venezuela, Maas ha sostenuto incondizionatamente gli Stati Uniti e l’autoproclamato capo del governo, Guaidó. Né il governo americano poteva lamentarsi della mancanza di sostegno da parte della Germania per le sue attività geopolitiche, forse con l’eccezione di Huawei, dove la dipendenza dal fornitore cinese era troppo grande per soddisfare il desiderio degli americani di farlo bandire dalla rete 5G tedesca.

Già il 5 febbraio 2019, Spiegel Online ha riferito sulla forte richiesta del governo Trump di aumentare la spesa militare tedesca: “Dopo le critiche di Trump Germania, la Nato promette una maggiore spesa per gli armamenti. Il budget della difesa tedesca dovrà salire all’1,5% del prodotto interno lordo entro il 2024. Secondo le informazioni di SPIEGEL, il governo tedesco lo ha promesso alla NATO”. Secondo il rapporto, l’ambasciatore tedesco ha presentato al segretario generale della NATO Jens Stoltenberg un documento chiamato “Strategic Level Report”, in cui il governo tedesco si impegna in modo vincolante ad aumentare le spese militari all’1,5% del prodotto interno lordo entro il 2024 e a continuare tale aumento anche dopo il 2024. Secondo una stima di maggio dell’Istituto dell’economia tedesca, la spesa militare tedesca dovrebbe salire all’1,58% del prodotto interno lordo nel 2020.

Un fondo di difesa dell’UE è stato progettato in un tempo record di sei mesi. Inizialmente sarà dotato di 13 miliardi di euro e sarà operativo dal 2021.

Il rafforzamento dell’asse militare franco-tedesco promesso da Maas è stato portato avanti con il trattato di Aquisgrana tra Germania e Francia del gennaio 2019. In questo trattato, Germania e Francia promettono alla NATO, tra l’altro, di allineare i loro obiettivi e strategie di politica militare con l’obiettivo di rafforzare la NATO. Sono state concordate più azioni militari congiunte e una maggiore cooperazione tra le industrie degli armamenti dei due paesi. Secondo quanto riportato dalla stampa, in un accordo segreto supplementare sono stati concordati standard comuni e meno rigidi per le esportazioni di armi. Qualche mese dopo si decise di non applicare le spesso più severe regole tedesche sulle esportazioni ai progetti di armamenti franco-tedeschi.

Conclusione

La mia conclusione, che avevo tratto dopo la prima revisione del “partenariato equilibrato” dopo sei mesi, può rimanere invariata: La strategia americana, che Heiko Maas ha annunciato con la parola chiave “balanced partnership”, può essere meglio intesa come un tentativo di pacificare un governo statunitense sempre più spietato, facendo promesse e concessioni in materia di militarizzazione della Germania e dell’Europa e di persuaderlo ad adottare un’apparenza pubblica più contenuta (per il governo tedesco meno degradante). Presumibilmente perché questo tentativo è fallito in modo piuttosto grandioso, questa strategia e il partenariato equilibrato non sono stati sentiti per molto tempo. Sarebbe rivelatore se si chiedesse a Heiko Maas in Parlamento o al Ministero degli Esteri nella Conferenza stampa federale come si è dimostrata la strategia americana di una partnership equilibrata.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 13.08.2020 su norberthaering.de

+++

Fonte dell’immagine: Alexandros Michailidis / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort