Il profitto invece della salute | Di Tilo Grasses

Un commento di Tilo Gräser.

Il 18 novembre 2020, decine di migliaia di persone provenienti da tutte le regioni della Repubblica Federale Tedesca hanno manifestato a Berlino contro la nuova “Legge sulla protezione della popolazione”. Tra loro c’era il fisico di 88 anni Horst Aden. Durante la manifestazione sul ponte Marshall di Berlino, ha spiegato perché non teme per la sua salute, nonostante la campagna della corona politica e la sua vecchiaia. Si sentiva “nonostante tutti i segni di usura” più sano di 50 anni prima, perché aveva detto addio alla medicina farmaceutica molti anni fa e aveva trovato un modo naturale di vivere e di guarire. Il nuovo coronavirus viene sfruttato “per realizzare il grande modello di business della vaccinazione di sette miliardi di persone”. In una conversazione con Rubikon, il fisico ha spiegato il suo punto di vista sulla crisi della corona e gli interessi in background.

Horst Aden è nato nel 1932, ha studiato fisica e ha lavorato come specialista di computer nel centro di calcolo della commissione di pianificazione della RDT. Ancora oggi è socialmente attivo, si occupa di politica della pace e partecipa alle proteste contro la politica della corona. In un’intervista, ha detto di non aver paura del virus Sars-Cov-2, con il quale i politici al potere giustificano il fatto che da mesi limitano in modo massiccio i diritti fondamentali e la vita sociale. “Perché mi occupo del problema da anni”, ha spiegato, “in realtà da quando ero giovane, quando ancora mi occupavo della cosiddetta medicina ortodossa”.

Nel bel mezzo della sua vita non era stato in buona salute, dopo che non si era sentito molto bene nei primi anni. Già negli anni Sessanta, dopo quattro anni di studi a Leningrado in Unione Sovietica, aveva avuto problemi.

“Come so oggi, ciò è dovuto anche al fatto che non c’è abbastanza luce nella metà dell’inverno al nord e quindi la produzione di vitamina D del corpo è bassa. Non ho quasi mangiato pesce, quindi avevo una carenza di vitamina D”.

“A quel tempo pensavo che non avrei mai raggiunto i 60 anni”. In seguito l’assistente sociale del centro di calcolo lo mandò ad una cura Kneipp a Bad Berggiesshübel. Lì il primario gli spiegò che era il tipo di persona che inizia a perdere peso a 55 anni. “Ma se volessi ritardare, dovrei muovermi”, ha ricordato Horst Aden il parere medico. La sua dieta era stata abbastanza buona, ha detto, ma c’era stata una mancanza di esercizio fisico, in parte dovuta al suo lavoro. Aden ha accettato il consiglio e da allora ha preso tutti i percorsi possibili a piedi, salendo le scale invece di prendere l’ascensore per il settimo piano del suo posto di lavoro.

Vita senza farmaci

Decenni dopo, osservò come i medici curavano sua moglie per il cancro con la medicina convenzionale e la “curavano fino alla morte”. Le avevano sempre dato speranza con nuove chemioterapie. Ma sua moglie era morta nel 2003, anche se c’erano state cure di successo fin dagli anni Sessanta. “In seguito, ho ascoltato una conferenza del Dr. Matthias Rath sull’importante ruolo delle sostanze vitali cellulari e mi sono unito alla sua alleanza per la salute”. Ha ascoltato molte lezioni informative di Rath e dei suoi colleghi e ha iniziato a seguirle.

“In questo modo mi sono avvicinato ancora di più alla naturopatia e al mantenimento della salute naturale. Ora, all’età di 88 anni, vivo senza medicine. Se la medicina convenzionale avesse avuto la sua strada, dovrei prenderne sempre almeno tre”.

Gli alimenti trasformati prodotti industrialmente non contengono tutto ciò che è necessario per i processi vitali, ha sottolineato il fisico. Per questo motivo e perché non mangia più carne, come ha detto, prende integratori alimentari come vitamine e minerali di cui il corpo ha bisogno.

Mettere tutto in discussione

Il fisico non crede a ciò che il governo e i media stabiliti dichiarano essere il nuovo coronavirus e Covid-19 su una base presumibilmente scientifica. “Non credo affatto”, ha detto in risposta alla domanda. “Non sono mai stato battezzato e non ho mai professato alcuna religione. Anche io non ho niente a che fare con l’esoterismo, anche se probabilmente sono messo in quest’angolo – perché non credo a quello che dicono sui mass media”.

Ci ha ricordato un principio fondamentale:

“Come scienziato devi mettere tutto in discussione finché non sai che è vero. Se così non fosse, supporremmo ancora oggi che la terra sia un disco e che l’Etiopia sia ai confini della terra e che dal nord, dai confini della terra, un popolo venga a distruggere tutto. Così dice la Bibbia. Ha significato una grande lotta e ha anche costato vite umane fino a quando la conoscenza non ha guadagnato l’accettazione di come l’universo è costruito.

Aveva già dubitato delle prime informazioni su Sars-Cov-2 e sul pericolo della malattia di Covid-19, che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è causata dal virus.

“Questo sembrava già molto sospetto perché le informazioni non erano precise e non erano scientifiche: Non è scientifico parlare solo di infezioni e non di quanti infetti si ammalano e quanti muoiono, e vietare gli esami patologici del defunto per non distinguere se uno di loro aveva malattie secondarie da cui sarebbe comunque morto presto. Questo è quello che sono.

Un virus come scusa

In primavera si era occupato delle cifre pubblicate dall’OMS, dall’Istituto Robert Koch (RKI) e dall’Ufficio federale di statistica. Questi sono sempre stati dati in cifre assolute e non in proporzione. “Non sono significative”, ha commentato Aden, “muoiono più persone in un paese grande che in uno piccolo. Le condizioni di vita sono cruciali per la salute della popolazione”. Solo quando i numeri sono messi in relazione con gli altri si possono trarre conclusioni che possono poi essere attuate politicamente con successo, il fisico ha chiarito.

Der 88-jährige Physiker Horst Aden am 18. November 2020 in Berlin

Il fisico Horst Aden, 88 anni, il 18 novembre 2020 a Berlino

Le misure in primavera e ora anche in autunno sarebbero state un disastro per molte persone perché minacciavano e stanno minacciando la loro esistenza. “Alle banche piace, naturalmente”, ha sottolineato Aden i vincitori della situazione. “Le piccole e medie imprese interessate dalle misure devono prendere in prestito denaro dalle banche e ne ricevono un buon prezzo”.

Per l’ex specialista informatico, il virus è solo il pretesto per gestire la nuova crisi finanziaria ed economica da tempo minacciosa. La speculazione sul mercato finanziario ha creato una bolla, ha confermato le valutazioni di numerosi esperti finanziari. Questi fondi sono privi di qualsiasi equivalente materiale. L’inflazione viene rallentata solo perché chi ha soldi non è interessato a gettare il proprio denaro sul mercato attraverso un consumo eccessivo. “Ma in qualche modo devono essere eliminati”, ha chiarito Aden. “E chi paga? Coloro che creano il valore, naturalmente, le piccole persone, come vengono chiamate: “La guarigione mette a repentaglio il business

A suo avviso, la politica attuale, che mette sotto controllo intere società con la paura di un virus, è applicata principalmente dall’industria farmaceutica.

“Gli investimenti dell’industria farmaceutica forniscono i maggiori profitti. Pertanto, sono disponibili grandi somme di denaro per ogni tipo di corruzione”.

Le case farmaceutiche avevano già iniziato a cambiare rotta all’inizio del XX secolo: dalla cura delle malattie alla vendita di farmaci per uso permanente, che curano solo i sintomi. Aden ha fatto riferimento a uno studio pubblicato qualche anno fa dalla società finanziaria Goldman Sachs sulle opportunità economiche dei farmaci di successo per l’epatite C e altre malattie.

“Goldman Sachs ha concluso che non si possono fare affari con questi farmaci. Dopo il primo anno, non ci sono quasi più persone che potrebbero essere infettate. Così si ottiene un buon affare il primo anno, ma dopo di che non si vende nulla o si vende molto poco. Può essere un bene per le persone interessate, ma non per gli affari”.

Da molti anni è a conoscenza di questo modo di pensare in certi ambienti dell’industria farmaceutica, perché anche la “Health Alliance” di Matthias Rath fornisce informazioni in merito. Quando ha sentito, tra le altre cose, che secondo il multimiliardario Bill Gates tutti i sette miliardi di persone devono essere vaccinati, Aden ha pensato: “Nightingale, ti sento intrappolare …

Scienza maltrattata

Molte istituzioni scientifiche sono ora finanziate privatamente e lavorano nell’interesse di chi le paga. Lo scenario peggiore, secondo Aden, è quello in cui i controlli di qualità in vari settori vengono privatizzati. “Allora le paratoie sono aperte per i rapporti di cortesia.”

Una visione che differisce dall’opinione prevalente porta anche a problemi professionali ed esistenziali per gli scienziati, ha detto il fisico di 88 anni. “Chi perde un lavoro e non lo trova altrove perché ha già un “timbro”, ha grossi problemi. Questa è purtroppo la pratica”. Aden ha nominato il microbiologo ed epidemiologo delle infezioni Sucharit Bhakdi dell’iniziativa “Medici e scienziati per la salute, la libertà e la democrazia” come un esempio affidabile. (MWGFD). Ha detto che molti altri medici e scienziati sono usciti dal corsetto medico e accademico imposto dalla loro formazione come fornitori di clienti per l’industria farmaceutica.

Per quanto riguarda il virologo Christian Drosten e il suo ruolo, Aden ha detto che ci sono sempre scienziati che preparano rapporti di cortesia per i loro clienti. Sospetta che il governo cercherà un “capro espiatorio” nel possibile tentativo di uscire dalla situazione che ha causato. “Presumo che il signor Drosten sia un candidato per questo, così come il presidente della RKI, Lothar Wieler”. Il fisico è sicuro: “Alla fine verrà fuori che le sequenze di Corona non sono come previsto”.

La scienza può sempre essere usata male, ha risposto a una domanda. “Lo scienziato non ha alcuna responsabilità in questo senso”, Aden ha contraddetto il corrispondente riferimento ad esso. “Deve fare ricerca, deve anche conoscere i lati negativi, per esempio di un veleno – ma senza questi esperimenti umani. Deve anche fare delle ricerche per trarne le conclusioni e sviluppare le contromisure. Altrimenti staremmo brancolando alla cieca”.

“La responsabilità di utilizzare i risultati scientifici è dei politici e di coloro che controllano i politici”.

Dichiarazioni mendaci dei politici

Politici governativi come la cancelliera Angela Merkel (CDU) o il sindaco di Berlino Michael Müller (SPD) hanno ripetutamente dichiarato che si tratta solo di proteggere le persone dal virus. “Lo so già dall’epoca nazista”, ha commentato l’88enne.

“Le leggi dei nazisti avevano tutte una pretesa molto premurosa nel titolo, che dava l’impressione che ciò fosse solo nell’interesse del popolo. Se il governo federale avesse davvero un interesse per la salute delle persone, obbligherebbe almeno l’industria alimentare a mettere un semaforo nutrizionale sui loro prodotti”.

Secondo i risultati scientifici, circa il 70 per cento delle malattie sono causate da un’alimentazione scorretta – malnutrizione o sovra-nutrizione. Aden ha fatto riferimento all’esempio dello zucchero, che viene “gettato in molti alimenti come agente aromatizzante” dalle aziende “per essere in vantaggio sulla concorrenza”. Molti dei prodotti finiti sono di qualità inferiore e risparmiano il lavoro ai loro acquirenti, “ma non la strada per il medico”, ha avvertito il fisico.

“Se i governanti volessero fare qualcosa per la gente, non impedirebbero che le informazioni che servono a mantenere le persone sane siano nascoste e soppresse, e che le persone che cercano di diffondere tali informazioni non siano sottoposte a repressione.

L’educazione può aiutare

È anche importante educare le persone alla nutrizione per rafforzare il sistema immunitario: “Il virus corona non sarebbe quindi un problema, proprio come gli altri virus influenzali”. Quando gli è stato chiesto perché ne è sicuro, Aden ha risposto che si basa su dichiarazioni di scienziati “che non sono dipendenti” e sulla sua esperienza.

“Un raffreddore è particolarmente spiacevole all’estero. Dopo avermi dato in Francia compresse di vitamina C da 500 mg per compressa, il farmacista mi ha avvertito che avrei dovuto prendere al massimo una sola compressa al giorno. Quando gli ho risposto che ne prendevo diversi grammi al giorno, è scoppiato a ridere. Era ben consapevole del fatto che l’obbligo impostogli dall’industria farmaceutica non aveva alcun motivo di promuovere la salute. In Inghilterra e in Russia non si ricevono avvertimenti del genere”.

Aden ha fatto riferimento alle dichiarazioni del farmacista Uwe Gröber sulla necessità e l’effetto di cellule vitali o micronutrienti nel suo libro “Mikronährstoffe”. Sul sito web di Matthias Rath ci sono molte informazioni scientifiche generalmente comprensibili sul mantenimento della salute naturale e la guarigione.

La società è divisa

Secondo lui ci sono “molte conseguenze negative” della politica di Corona. Tra questi conta “la divisione della società in credenti e critici, per cui purtroppo i credenti hanno il sopravvento”. Attraverso la paura deliberatamente generata dal presunto “virus killer”, il pensiero razionale viene spento. La paura era uno strumento di dominio collaudato, in uso da migliaia di anni. Questo divide anche le famiglie e le generazioni. La società è divisa secondo il principio “divide et impera”.

Per Aden, la limitata libertà di movimento fa parte delle conseguenze nefaste tanto quanto la recrudescenza della denuncia, “che la gente per strada dica agli altri come comportarsi”. Ha anche menzionato l’obbligo sempre maggiore di indossare maschere come ulteriore conseguenza:

“La maschera rende la respirazione più difficile, soprattutto per gli anziani, che ne sono ulteriormente handicappati”.

L’88enne trova incomprensibile che anche le misure di tutela della salute, come lo sport e la sauna, siano state vietate. L’esercizio fisico all’aria aperta non è ancora proibito in Germania, come in altri paesi dove vige il coprifuoco. “Per gli ospedali: tenendo a disposizione dei pazienti affetti da corona letti che non esistono, non esistevano e probabilmente non esisteranno, sono state impedite o posticipate importanti misure mediche. In considerazione dei numerosi effetti collaterali, egli non ritiene giustificate le misure politicamente prescritte.

No GDR 2.0

Gli osservatori critici vedono gli eventi attuali come un precursore di un nuovo fascismo. Altri parlano di una “DDR 2.0”. Aden, nato nell’ultimo anno della Repubblica di Weimar, ha vissuto ancora il vero fascismo ed è cresciuto in una casa di genitori critici. Il periodo fino al 1945 è stato un “affare terribile”, diceva in conversazione e ricordava anche il continuo giocherellare con i bambini.

“Ma come è arrivato al potere questo fascismo? Adolf Hitler da solo con i suoi pochi non ci sarebbe riuscito. Era finanziato dal grande capitale e quindi aveva in mano mezzi, tra gli altri media come il *Völkischer Beobachter. I fascisti erano necessari ai circoli dominanti del capitale per evitare che altre forze li privassero del loro potere”.

“GDR 2.0′ non è vero”, ha detto il fisico a proposito del confronto spesso sentito con la situazione attuale.

“Il tentativo socialista era di prevenire i mali causati dall’ordine sociale capitalista, come la miseria e le guerre predatorie. Ha creato un eccellente sistema educativo, un sistema sanitario ben funzionante e migliorato le relazioni tra i cittadini. Purtroppo, troppi funzionari politici non sono stati istruiti. Gli antifascisti uccisi dai nazisti e, purtroppo, dal georgiano soprannominato Stalin, erano assenti durante la ricostruzione. Durante il mio soggiorno in Unione Sovietica dal 1960 al 1964, mi era finalmente chiaro che l’imballaggio non conteneva ciò che vi era scritto e che il contenuto non poteva funzionare in questo modo. Il problema dei leader non qualificati non dipende dalla società. È anche descritto, per esempio, nel libro del premio Nobel americano per la Fisica, Richard P. Feynman ‘Lei sta scherzando, signor Feynman!

Aden dubita che i circoli dirigenti ritornino al fascismo così com’era. “Bruciava. Usano Corona. Questa è la cura. Abusando di questo virus, si creano leggi che sono poi proprio come le leggi dei nazisti. Non useranno l’antisemitismo – ma i campi non sono fuori discussione”.

Risultati chiari

Quando gli è stato chiesto perché le persone del XXI secolo non sembrano essere diventate più sagge nonostante l’enorme aumento delle conoscenze, il fisico ha risposto:

“Sono giunto alla conclusione che ogni generazione deve fare le proprie stupidaggini invece di imparare dalle precedenti. C’è chi impara dai precedenti. Ma questi sono troppo pochi. La maggior parte di loro deve fare le proprie stupidaggini.

È anche interessato alla questione del perché la paura funziona:

“La scienza è immagazzinata e in relativamente poche menti. In ogni campo ci sono specialisti che sono necessari nella società per svolgere determinate funzioni. Ma la maggioranza non è interessata da questo. A scuola imparano varie cose. Ma se lo imparano solo per gli esami o per il futuro, è un’altra questione”.

Horst Aden è certo, di fronte alla crisi di Corona, “che oggi siamo all’apice della lotta di classe”. Parti delle grandi imprese vogliono intensificare lo sfruttamento e milioni di persone scendono in strada contro di esso. Purtroppo troppe persone di “sinistra” non lo capiscono, stanno dalla parte sbagliata della barricata e pugnalano alle spalle chi non vuole accettare l’oppressione.

In questo contesto si consigliano i libri “Kindheit 6.7” di Michael Hüter, “Lückenpresse” di Ulrich Teusch e “Das Zeitalter des Überwachungskapitalismus” di Shoshana Zuboff.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Nota sull’articolo: Il testo attuale è apparso per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Fonte dell’immagine: Novikov Aleksey/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort