Il Grande Reset – Corona come pacemaker della 4° Rivoluzione Industriale

Un commento di Herrmann Ploppa.

“Una delle caratteristiche essenziali della quarta rivoluzione industriale non è che cambia il nostro modo di lavorare. Questa volta siamo noi ad essere cambiati”. (Klaus Schwab, mente del World Economic Forum <1>)

Vi sarete chiesti perché le severe restrizioni alle nostre opportunità di sviluppo imposte dal regime di Corona continuano ad applicarsi anche dopo che la pandemia è finita da tempo. La repressione delle piccole e medie imprese è ancora schiacciante. Due mesi fa, il tanto temuto Creditreform aveva già messo in guardia dall’ondata di insolvenze prevista per l’autunno. I modi di esprimersi politicamente contro di essa sono stati spenti a causa del freddo glaciale. Dobbiamo ancora credere nelle coincidenze? Nella cattiva gestione? Non credo proprio. Tutte le possibilità di sviluppo della classe media della società, cioè: piccole e medie imprese, economia pubblica e cooperativa, vengono ostacolate in modo troppo preciso.

Già a marzo, il capo della società di gestione patrimoniale BlackRock (volume d’affari: 7,4 trilioni di dollari) Lawrence “Larry” Fink aveva scritto ai suoi azionisti che il mondo non sarebbe stato lo stesso dopo Corona come prima, e che ci sarebbero state “enormi opportunità di investimento” <2> nel mondo post-Corona. I trasferimenti di beni nei pochi mesi del regime di Corona sono giganteschi: Jeff Bezos, il proprietario di Amazon, ha potuto aumentare il suo patrimonio privato di ben 25 miliardi di dollari durante il blocco. Il signor Tesla Elon Musk è diventato più ricco di 8 miliardi di dollari, ed Eric Yuan, l’inventore del formato di conferenza online Zoom, è stato in grado di aumentare il suo patrimonio privato di 2,58 miliardi di dollari in un mese. Nel 1990, 66 miliardari insieme avevano 240 miliardi di dollari Oggi, 614 miliardari negli Stati Uniti possiedono un patrimonio di 2.947 trilioni di dollari. Possiedono circa quanto gli ultimi due terzi della popolazione statunitense.

In Germania la disuguaglianza di ricchezza non è così opprimente. Ma questo può ancora accadere se le restrizioni relative alla coronaria continuano ad applicarsi come hanno fatto finora.

Non è esagerato dire che stiamo assistendo a un gigantesco sconvolgimento del mondo così come lo conosciamo, verso un riordino di dimensioni distopiche. Un atto di “distruzione creativa”. In altre parole, la distruzione spietata di strutture perfettamente intatte a favore della creazione di nuove strutture sempre più centralizzate e disumane. Possiamo usare la distruzione delle civiltà avanzate indiane come paragone. O la presa di possesso predatoria dei beni comuni e dei terreni agricoli e la loro trasformazione in pascoli nell’Inghilterra moderna, da cui sono emersi l’industrializzazione e il proletariato. O la distruzione delle forme economiche statalsocialiste nel Terzo Mondo negli anni ’60 e ’70. Non abbiamo idea di cosa stia succedendo in questo momento in paesi come l’India, il Brasile o la Nigeria. La gente lì sta cadendo nell’annientamento esistenziale senza alcun ammortizzamento. Il fallimento è immediatamente seguito dalla fame e dalla morte.

Ci sono esseri umani privilegiati che, negli sconvolgimenti della miseria del regime di Corona, vedono ottime opportunità per ricostruire il mondo da zero. Dall’alto verso il basso, naturalmente. Lontano dalla naturalezza a un’artificiosità finora inimmaginabile. Premere il pulsante di reset e caricare un nuovo software mondiale. Il Grande Reset.

Il World Economic Forum, che si riunisce una volta all’anno come “World Economic Summit” nell’elegante città termale polmonare di Davos, non ha nulla da meno. Tutti i grandi nomi si incontrano lì. Monarchi, politici, imprenditori, scienziati e non dimenticare i media. Ma il WEF lavora tutto l’anno e sviluppa concetti per il giusto capitalismo. Il grande creatore del WEF è un tedesco, Klaus Schwab, un economista di Ravensburg. E gestisce la Fondazione Schwab insieme a sua moglie. E questa fondazione promuove a sua volta i cosiddetti imprenditori sociali, come l’inventore del microcredito, Mohammad Yunus del Bangladesh, o il fondatore di Wikipedia Jimmy Wales. Schwab vuole dimostrare che l’impegno sociale e l’attività economica orientata al profitto sono compatibili tra loro. Tutto in questo mondo può essere gestito con successo con la motivazione del profitto.

Quando Schwab e la sua ostinata guardia pretoriana entrano nell’Auditorium di Davos, tutti i potenti del mondo ascoltano con riverenza il papa del capitalismo di Ravensburg quando proclama dal suo trono: “Una delle caratteristiche essenziali della quarta rivoluzione industriale non è che cambi le nostre attività. Questa volta siamo noi ad essere cambiati”. <3> La quarta rivoluzione industriale è il grande problema di Schwab. Ha scritto un libro a riguardo in cui si legge:

“In primo luogo, ritengo che il livello di leadership e di comprensione dei cambiamenti che sono necessari tra tutti gli attori sia molto basso in relazione alla necessità di ripensare i nostri sistemi economici, sociali e politici per rispondere alla quarta rivoluzione industriale. Di conseguenza, sia a livello nazionale che globale, il quadro istituzionale appropriato per gestire la diffusione dell’innovazione e mitigare le distorsioni è nel migliore dei casi inadeguato e nel peggiore dei casi inesistente.

In secondo luogo, Schwab dice che manca la narrazione per vendere alla gente il nuovo mondo tecnologico nel modo più attraente possibile. Se non si portano con sé le persone, ci sarà una “reazione difensiva della popolazione contro i cambiamenti fondamentali già in atto”. <4>

Klaus Schwab è un uomo intelligente. Vede abbastanza chiaramente che il capitalismo sarà alla fine se le cose andranno avanti così come sono. Per questo Schwab pensa che dopo la fase del capitalismo di stato, che vede nel New Deal di Roosevelt e nell’industrializzazione di alcuni paesi del terzo mondo, e il successivo radicalismo di mercato (che lui chiama semplicemente “liberalismo”), sia ora il turno del suo “capitalismo degli azionisti”, in contrasto con il capitalismo azionario. Questo significa: l’imprenditore capitalista non si impegna solo nei confronti dei suoi azionisti. Deve anche portare con sé l’ambiente. Ma qui non c’è posto per le cooperative e gli affari di diritto pubblico. Il principio del profitto deve permeare ogni fibra della società.

Questi due elementi: la quarta rivoluzione industriale e il capitalismo degli azionisti, Schwab vuole ora fare un gigantesco balzo in avanti all’ombra della paralisi della corona. Ecco perché il prossimo vertice economico mondiale di Davos nel 2021 si terrà all’insegna del motto Il Grande Reset. Questo sarà un evento gemello. Nella stazione di cura polmonare, i grandi non così giovani di questo mondo e i loro protetti un po’ più giovani si incontreranno, come al solito, fisicamente e tatticamente, se Corona permette che ciò accada. Allo stesso tempo, i giovani stakeholder dei senior di Davos si riuniscono al tavolo dei gatti delle videoconferenze. Vengono poi accesi da ogni angolo del globo. Già in aprile, i giovani talenti del nuovo e bellissimo mondo della techno si sono incontrati su Internet all’insegna del motto “Reset Everything” <5>. Euforici discepoli del nuovo mondo della plastica artificiale. Si trattava di 5G, transumanesimo, intelligenza artificiale, cripto-moneta, vaccinazioni di nuovo tipo o estensione della vita.

E ora il Grande Reset. Ma non è caduto dal cielo. Già nel 2015 le Nazioni Unite avevano adottato l’Agenda 2030, che già alludeva agli elementi essenziali dell’attuale ordine mondiale. Ciò è stato ribadito da una partnership strategica tra l’ONU e il World Economic Forum nel giugno 2019 <6>. La partnership tra Bill Gates e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha qui la sua controparte nella modellazione del futuro mondo artificiale.

Ed è estremamente rivelatore chi è coinvolto in The Great Reset <7>. Qui troviamo Jennifer Morgan di Greenpeace. O il Segretario Generale della Federazione Mondiale dei Sindacati, Sharan Burrow. Già il grande video di apertura rende chiaro come è organizzata oggi la gerarchia. Le parole di apertura sono pronunciate dal grande presidente Klaus Schwab dal suo trono, amplificate da un microfono del museo <8>. Lo segue Sua Altezza Reale il Principe Carlo, che, da un teleprompter appeso troppo in alto, mormora le sue parole di legno sulla protezione della natura ora e soprattutto qui e non più tardi. Poi il subordinato di Schwab, il segretario generale dell’ONU António Guterres con il suo flemmatico discorso di saluto. Poi di nuovo il papa capitalista in persona, Klaus Schwab.

Ed è interessante vedere che tipo di ambiente è coinvolto in questo caso. Un sacco di giovani imprenditori start-up, riuniti nel Top Tier Impact <9>, cioè: il potere della prima lega. Qui troviamo Ingmar Rentzhog. Ti dice niente? Rentzhog è la giovane imprenditrice svedese che ha inventato l’icona del pop climatico Greta Thunberg, e poi ha usato il suo nome per raccogliere decine di milioni di euro per la sua start-up “We don’t have Time” <10>. Alex Bates di Neocortex Ventures investe nell’intelligenza artificiale. Anche il Club dei Giovani Imprenditori è coinvolto nel Grande Reset, con 500 startup. Oppure anche Webit <11>. Ne hai mai sentito parlare? Ad eccezione di quest’anno, Webit organizza giganteschi congressi in cui vengono presentate e premiate innovazioni entusiasmanti provenienti dal bellissimo mondo dei computer e di Internet. Vi si incontrano fino a 15.000 fanatici della tecnologia. Un’attrazione, per esempio, era la bambola umanoide parlante Sophia.

In un video del periodo pre-reset, la Klaus-Schwab-Church spiega il bellissimo nuovo mondo dell’assoluta artificialità. Lì la bioeticista Nita Farahany trova affascinante il fatto che ora si possano visualizzare i pensieri delle persone sullo schermo e che sarà presto possibile decifrare la “scatola nera” dei pensieri più intimi delle persone. Il neuroeticista, che ricorda Mefisto nella personificazione di Gustav Gründgens, consiglia anche il governo americano nel comitato BRAIN (Brain Research through advancing innovative neurotechnologies) convocato da Obama. Perché anche il governo degli Stati Uniti e la rete di ricerca del Pentagono DARPA vorrebbero guardare direttamente nel nostro cervello. Naturalmente, ci viene assicurato che si tratta solo di curare l’Alzheimer e malattie simili. Soso. E, naturalmente, il controllo neuronale degli esseri umani è solo altruistico per permettere alle persone su sedia a rotelle di camminare di nuovo felici.

Ci sono molte persone super ricche che vogliono aiutare l’umanità in modo disinteressato. Siamo costretti a lottare con Bill Gates e le sue vaccinazioni che manipolano il gene. Ma Bill Gates vuole anche liberare gli africani dal flagello della malaria. Ecco perché il suo team sta lavorando febbrilmente per cambiare le sequenze genetiche delle zanzare che trasmettono la malaria in modo che non trasmettano più il gene che causa la malattia <12>. E Bill Gates non sarebbe Bill Gates se non stesse salvando anche l’atmosfera terrestre. L’atmosfera deve essere salvata spruzzando con prodotti chimici <13>. E Elon Musk con la sua società spaziale SpaceX è ora leader nei viaggi spaziali, mentre la NASA, a lui legata da contratto, è solo il partner e sponsor junior.

Si nota che la Repubblica Popolare Cinese è sempre coinvolta nel Grande Reset di Schwab. Klaus Schwab è, come ho detto, un uomo intelligente. Egli ha riconosciuto che l’apparato statale non è del tutto dispensabile per il successo del suo riavvio del mondo. La macchina del potere della Cina con i suoi stabilizzatori: l’esercito popolare, il partito comunista e l’apparato statale si armonizza perfettamente con le ambizioni dei multimiliardari come Jack Ma. E quanto questa macchina di potenza abbia introdotto la Cina nella nuova superrete 5G, in modo fluido, rapido ed efficiente, non è solo impressionante per l’Occidente vittorioso, ma anche un po’ spaventoso.

Così, la rigidità di tolleranza forzata della nostra civiltà da parte del regime di Corona può anche essere interpretata come un tentativo di compensare il ritardo di sviluppo percepito nella Quarta Rivoluzione Industriale rispetto alla Cina in un sussulto.

Quanto è realistico questo Grande Reset? È solo la fissazione di una cricca di persone super-ricche? Purtroppo no. Nel mio libro del 2014 “The Doers Behind the Scenes” <14> ho molto attentamente contro un muro di sospetti di una presunta teoria cospirativa empiricamente dimostrato come gli strumenti democratici di co-determinazione per la volontà generale (volonté genérale) e il bene comune, per i quali si era combattuto in un laborioso lavoro nel corso dei secoli e che erano saldamente ancorati negli stati moderni, sono stati gradualmente infiltrati dalle reti e dai think tank dei super-ricchi e fatti leva dall’interno. Già nel 2014, il risultato è stato che i politici stessi sono stati coinvolti nello sventramento dello Stato. Come hanno reso possibile l’evasione fiscale e l’hanno ampliata sempre di più. Come hanno introdotto le fondazioni come mezzo legale di evasione fiscale. Come le fondamenta, con un discorso di incoraggiamento del genere, lasciano che nuovi discorsi sintetici si infiltrino nella politica; prima silenziosamente, poi sempre più rumorosamente.

E dalla pubblicazione del mio libro la situazione non è migliorata, ma è ancora chiaramente peggiorata. Mentre negli anni Settanta la quota di utili imprenditoriali che ha ingannato le autorità fiscali era ancora intorno al 5 per cento, negli anni Duemila più del 50 per cento aveva già superato la comunità di solidarietà dei contribuenti. Oggi il tasso è indiscutibilmente ancora più alto. Lo Stato è impoverito, mentre i miliardari diventano sempre più ricchi. Oggi i capi di Stato, vedi l’esempio attuale di Bill Gates e la sua sacra vaccinazione dei sette miliardi di cittadini della terra, devono inchinarsi ai super-ricchi. Sono stati scelti e formati come leader da fondazioni e reti, non ultimo il World Economic Forum. La visione del mondo di Klaus Schwab è, naturalmente, la loro visione del mondo. Che altro? È la cosa più naturale al mondo servire la ricchezza pubblica ai super ricchi su un piatto d’argento. Solo la ricerca privata del profitto può guidare efficacemente le società, non è vero?

Le fondazioni e le reti di queste élite sono anche in grado, con l’aiuto dei media, di controllare i partiti e i “movimenti di base” pseudo-opposizionali generati sinteticamente; attraverso strumenti di educazione politica finanziati dalle fondazioni e attraverso l’enciclopedia online Wikipedia, per creare una presa a tenaglia autoreferenziale contro gli ultimi movimenti democratici genuini rimasti e per soffocarli sia in modo morbido che, d’altra parte, in modo altamente incestuoso attraverso frasi propagandistiche fuori luogo come “populista di destra” o “teoria della cospirazione”. Inoltre non si illudono di costruire una correlazione significativa tra “mentalità cospirativa” e naturopatia in modo pseudo-scientifico <15>.

Va bene. Così possono far passare quello che vogliono, quei miliardari. Se possano proteggersi anche da realtà scomode è un’altra questione. Hanno creato i fatti distruggendo le istanze democratiche e sconvolgendo la coesione sociale, con la militarizzazione senza fine di questo mondo, con le gated communities. Molte zone di questo mondo non possono più essere controllate. Nessuna intelligenza artificiale, nessuna rete 5G o manipolazione genetica è di alcuna utilità in questo caso.

E come si può creare una sinergia tra uomo e macchina in un mondo in cui le disuguaglianze sociali hanno assunto dimensioni uniche nella storia? Quando bande rivali di persone super-ricche combattono senza scrupoli le loro lotte di potere sulle spalle di un’intera nazione, come avviene attualmente negli Stati Uniti, dove il miliardario George Soros scatena la sua sintetica opposizione alla Black Lives Matter contro lo spregiudicato capitalista di Manchester Trump? Il Grande Reset non sta su piedi di argilla, ma su un mucchio di vetro in frantumi. Tuttavia, il Grande Reset ci viene imposto.

Quindi è un bel po’ di trivellazione. È possibile risvegliare un pubblico completamente paralizzato e completamente ignaro?

Dobbiamo prima capire cosa vogliamo. Da dove siamo venuti in realtà.

Dunque: veniamo da un mondo in cui la democrazia era tenuta alta. Veniamo da un mondo dove c’era giustizia sociale. Nel nostro mondo, il principio del profitto era consentito solo se non poteva causare alcun danno. Il primato della politica applicata. Il bene comune. Così, in passato, tutte le attività economiche importanti erano svolte da cooperative o da enti pubblici. E una forte classe media lavorava vicino alla base, da persone per persone. Tutto questo ha reso la nostra vita così facile e spensierata.

Dobbiamo tornare a questo. Come primo passo. Quindi dobbiamo riparare il nostro stato. e mettere in atto un sistema di riscossione delle imposte forte ed esecutivo. Anche modesti aumenti delle tasse per i super-ricchi ci darebbero i soldi per un’infrastruttura funzionante. Verrebbe introdotta anche la democrazia diretta. In modo che le questioni di fatto non siano legate ai programmi dei partiti, ma possano essere decise caso per caso. Un mandato imperativo garantirebbe che i funzionari eletti possano essere revocati in qualsiasi momento se non svolgono il loro mandato elettorale.

Queste sono solo alcune delle cose da proporre contro il Grande Ripristino. Ci opponiamo fermamente al nuovo e coraggioso mondo tecnologico di Klaus Schwab. In modo che possiamo continuare a controllare e determinare noi stessi e allo stesso tempo essere in grado di risplendere dai nostri occhi senza impulso neurale artificiale.

Fonti e note:

<1> https://www.youtube.com/watch?v=kpW9JcWxKq0
<2> Offener Brief von Blackrock-Chef Larry Fink an seine Anteilseigner vom 29.3.2020
https://www.blackrock.com/corporate/investor-relations/larry-fink-chairmans-letter
“The world will get through this crisis. The economy will recover. And for those investors who keep their eyes not on the shaky ground at our feet, but on the horizon ahead, there are tremendous opportunities to be had in today’s markets.”
<3> https://www.youtube.com/watch?v=kpW9JcWxKq0
<4> Klaus Schwab: „The Fourth Industrial Revolution“. London 2017
<5> Reset Everything, 29.-30.4.2020: https://reseteverything.events/
<6> https://www.weforum.org/press/2019/06/world-economic-forum-and-un-sign-strategic-partnership-framework
<7> https://www.weforum.org/agenda/2020/04/world-vs-virus-podcast/
<8> https://www.weforum.org/great-reset?emailType=Newsletter
<9> https://www.toptierimpact.com/
<10> https://www.thelocal.se/20190209/start-up-used-child-climate-activist-to-raise-millions
<11> http://www.webit.org/about/index.php
<12> https://futurism.com/videos/the-age-of-crispr-why-genetic-engineering-will-change-everything
<13> https://www.theguardian.com/environment/2012/feb/06/bill-gates-climate-scientists-geoengineering
<14> Hermann Ploppa: Die Macher hinter den Kulissen. Wie transatlantische Netzwerke heimlich die Demokratie unterwandern. Frankfurt 2014.
https://www.nomen-verlag.de/produkt/die-macher-hinter-den-kulissen/
<15> Pia Lamberty/ Roland Imhoff: Powerful Pharma and its Marginalized Alternatives? Effects of Individual Differences in Conspiracy Mentality on Attitudes Toward Medical Approaches. Mainz April 2018

https://www.researchgate.net/publication/324210382_Powerful_Pharma_and_its_Marginalized_Alternatives_Effect_of_Individual_Differences_in_Conspiracy_Mentality_on_Attitudes_towards_Medical_Approaches

https://www.researchgate.net/publication/324210382_Powerful_Pharma_and_its_Marginalized_Alternatives_Effect_of_Individual_Differences_in_Conspiracy_Mentality_on_Attitudes_towards_Medical_Approaches

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Goccia di luce/ Persiana

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

 

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort