Il futuro appartiene a Bitcoin? | Di Ernst Wolff

Un commento di Ernst Wolff.

Molte persone sono attualmente alla ricerca di un modo per proteggere i loro beni o risparmi contro le tempeste in arrivo nel sistema finanziario. Oltre alla fuga verso i beni materiali o i metalli preziosi, le valute crittografiche, in particolare il Bitcoin, stanno diventando sempre più importanti. Ecco quindi una manciata di consigli per aiutarvi a valutare i pro e i contro dell’ingresso in Bitcoin and Co.

1 Il Bitcoin è la prima valuta ad essere lanciata come valuta fiat. Ciò significa che, a differenza di tutte le precedenti valute storicamente legate ai metalli preziosi, il Bitcoin non è mai stato legato ad un valore fisico fisso. Il Bitcoin creato nel 2009 non è quindi fondamentalmente nient’altro che un disco che vive unicamente della fiducia che la gente vi ripone.

2. I bitcoin non possono essere prodotti all’infinito. Il Bitcoin ha quindi una proprietà che anche i metalli preziosi possiedono: È disponibile solo in quantità limitate e non può essere gonfiato illimitatamente dalle banche centrali come il resto del denaro fiat.

3 Come dimostrano le enormi fluttuazioni dei prezzi, il Bitcoin è diventato molto rapidamente oggetto di speculazioni. Nel frattempo, c’è un fiorente commercio di derivati con Bitcoin, che mira a trarre profitto dalle fluttuazioni dei prezzi. Ciò significa che ci si possono aspettare elevate fluttuazioni dei prezzi anche in futuro.

4 Circa il venti per cento degli utenti Bitcoin possiede circa l’ottanta per cento di tutti i Bitcoin. Questa alta concentrazione in poche mani rende il Bitcoin suscettibile ai cosiddetti flash crash. I proprietari di grandi quantità di Bitcoin possono vendere grandi stock allo stesso tempo, causando il crollo del prezzo e quindi accedere di nuovo ai minimi dopo la vendita. L’utente Bitcoin più piccolo non vede il flash crash in arrivo e non può sapere quando il fondo è stato raggiunto.

5 Bitcoin è scambiato al di fuori del sistema bancario. Questa è certamente la più grande carta vincente della moneta criptata, perché in caso di crollo totale, il temuto effetto domino nel sistema bancario non trascinerebbe Bitcoin verso il basso, ma molto probabilmente farebbe addirittura salire il prezzo.

6 Proprio perché il Bitcoin viene scambiato al di fuori del sistema bancario, è una spina nel fianco delle banche centrali. Non si può quindi escludere un divieto generale di Bitcoin e di altre valute criptate. È in vigore in Cina dall’autunno 2017 e nell’UE è stata discussa solo di recente. Negli Stati Uniti, il Bitcoin è classificato dai servizi segreti come “minaccia alla sicurezza nazionale”.

7 Un divieto generale di Bitcoin non è facile da attuare a causa della sua struttura decentralizzata. Invece, invece, potrebbe essere imposto, ad esempio, il divieto di scambiare Bitcoin con altre valute o una tassa elevata su tale scambio, che renderebbe il Bitcoin meno interessante per molti utenti.

08. gli attacchi degli hacker, un attacco cibernetico grave o un’interruzione deliberata di corrente potrebbero mettere nei guai Bitcoin e altre valute crittografiche.

09. i fornitori di servizi di pagamento come PayPal e Square stanno cercando da tempo di integrare completamente Bitcoin nell’attuale ambiente finanziario. La bassa capitalizzazione di mercato della Bitcoin, che attualmente si situa tra i 200 e i 230 miliardi di dollari ed è prevista per l’intero sistema finanziario, parla a favore del successo di questo piano. Il fatto che l’anonimato dei depositi e dei prelievi, e quindi una delle più importanti caratteristiche di base del Bitcoin, sarà rimosso in questo modo è un argomento contro questo.

10 Anche l’effetto che l’imminente introduzione delle monete digitali della banca centrale avrebbe potuto avere parla a sfavore di questo. Dal momento che sottopongono le persone al controllo totale dello Stato, ci potrebbe essere un esodo di massa verso le cripto valute. Non ci si può aspettare che gli Stati, i governi e le banche centrali accettino un tale sviluppo senza intraprendere azioni dure contro di esso.

11) Al contrario, se ci dovesse essere una fuga di massa da Bitcoin e dalle altre valute crittografiche a seguito di attacchi informatici, attacchi di hacker o divieti legali, si dovrebbe comprendere che non esiste un limite inferiore per le possibili perdite, vale a dire che il valore potrebbe scendere a zero e significare una perdita totale per gli investitori.

In questo contesto sono consigliati i libri “Ernst Wolff erklärt das globale Finanzsystem” e “Weltmacht IWF” di Ernst Wolff.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Alexander Kirch / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort