I sindacati come guida della digitalizzazione forzata di Corona? | Di Hermann Ploppa

Chi conosce la storia del DGB non ne sarà sorpreso.

Un punto di vista da Hermann Ploppa.

Molti sindacalisti non crederanno più ai propri occhi. Perché? Pub, ristoranti e taverne hanno dovuto fare delle liste da diversi mesi, a causa di Corona. Gli ospiti devono registrarsi. Con nome e cognome, numero di telefono, indirizzo e-mail e indirizzo postale. Si dice che le autorità vogliano usarlo per individuare i “superspreader” e tracciare il percorso del virus mortale della SARS-Cov2. Non si sa, tuttavia, se questo striptease di dati di innocenti visitatori di ristoranti sia mai stato utilizzato per tracciare percorsi di viaggio virali. Il risultato è che strisce di carta con dati personali altamente sensibili volano in giro non protette. L’ospite si sente a disagio a causa dei raggi X. Tutto quello che vuole fare è bere una birra o mangiare patatine fritte. Chi può essere biasimato per il fatto che poi si sottomette a questa sciocca e degradante procedura per soddisfare il suo famelico appetito? Ma che poi firma con “Paperino, Ganterweg 14, 88034 Duckburg”?

Ebbene, per tornare ai sindacati, che non devono solo garantire salari corretti, ma devono anche prestare un po’ di attenzione al rispetto dei diritti civili: ora il presidente del sindacato Nahrung-Genuss-Gaststätten (sindacato dei lavoratori del settore alimentare), Guido Zeitler, si è arrabbiato per gli ospiti dei pub che non amano mettere il loro vero nome sulle forme volatili:

“Coloro che non compilano correttamente i loro nomi non sono solo negligenti dal punto di vista della salute. Mette in pericolo anche l’esistenza economica delle imprese e dei loro dipendenti”, ha confidato Zeitler alla Neue Osnabrücker Zeitung (1). Le autorità potrebbero chiudere i ristoranti con la forza se troppe persone si registrano come Donald Duck o James Dean. Sì, sì, le autorità, costituite dalle autorità di vigilanza sul commercio. E Zeitler conosce una soluzione: “Varrebbe la pena di considerare la possibilità di registrare digitalmente i dati di contatto. Una cosa del genere deve essere tecnicamente possibile – naturalmente nel rispetto di tutte le norme sulla protezione dei dati”. Oh sì, sappiamo che le nostre autorità osservano sempre e ovunque coscienziosamente le norme sulla protezione dei dati!

Ora siamo seri: un sindacalista vorrebbe perfezionare digitalmente una sorveglianza totale completamente incostituzionale anche del nostro consumo di bockwurst nel pub all’angolo, in modo che anche il cittadino tedesco umiliato sia privato dell’ultima scappatoia dell’umorismo nero, e i nostri dati siano messi a disposizione dell’autorità di ascolto statunitense NSA in qualsiasi momento? Con chi è effettivamente impegnato Zeitler? Per la forza lavoro? Questo non si può assolutamente dedurre dal suo discorso.

E’ certamente utile guardare alla storia delle origini della Confederazione Sindacale Tedesca dal seno dei servizi segreti americani, la CIA. Capire che l’attuale affermazione di Zeitler non è la sconsideratezza di un sindacalista isolato. Quindi un estratto del mio attuale libro “The Reach for Eurasia – The Background of the Eternal War against Russia”:

I sindacati tedeschi come riflesso dei sindacati americani

Americanizzare la classe media istruita era una cosa. Mettere in riga i lavoratori e i dipendenti è l’altra cosa. Dopo la seconda guerra mondiale, i portuali tedeschi si rifiutarono di svuotare le navi cariche di armi e munizioni. I lavoratori rinnegati potrebbero far balbettare la prevista guerra contro l’Unione Sovietica. E se anche questi lavoratori sono controllati da Mosca e portano a un completo arresto di tutto ciò che è diretto contro i sovietici, cosa ne sarà della guerra pianificata? Il controllo sui sindacati nella Germania Ovest era letteralmente di importanza decisiva per gli americani.

Naturalmente, l’FDGB nella DDR non era anche una vera e propria lobby per i lavoratori, ma uno strumento nell’orchestra del potere sovietico. Di conseguenza, il DGB in Occidente doveva essere portato sotto il controllo degli Stati Uniti anche come strumento geopolitico. Nella Repubblica di Weimar c’era l’organizzazione ombrello ADGB. Non è un’arma particolarmente affilata nella lotta per il lavoro. Il 1° maggio 1933 l’ADGB chiede la partecipazione alla prima Festa del Lavoro di Adolf Hitler. Hitler espresse il suo ringraziamento facendo portare i leader sindacali nei campi di concentramento il 2 maggio 1933. Fece trasferire i beni del sindacato al nuovo Fronte del lavoro tedesco. Questa è stata la fine vergognosa dell’ADGB.

Dopo la seconda guerra mondiale, dopo il completo sterminio dei sindacati liberi in Germania da parte di Hitler, gli strateghi statunitensi hanno avuto l’opportunità unica di costruire i sindacati da zero sul tavolo vuoto tedesco, seguendo il modello americano. Il modello americano significava: definire i sindacalisti come “primi ufficiali dei capitani d’industria”, per dirla con le parole di un compagno d’armi del presidente Theodore Roosevelt. I sindacati liberi come l’International Workers of the World (IWW) sono sempre stati soppressi con la violenza più dura degli Stati Uniti.

La National Civic Federation, un’organizzazione dei più potenti gruppi economici degli Stati Uniti, ha invece fondato una sua pseudo-sindacale, l’American Federation of Labor (AFL), il cui primo presidente a vita, Samuel Gompers, ha sempre dato priorità al modo in cui poteva indirizzare al meglio i lavoratori verso gli obiettivi dei cartelli che lo pagavano. All’AFL aveva aderito una pseudo-sindacale un po’ più progressista, il Congresso delle organizzazioni industriali (CIO) per i lavoratori non qualificati, che era vicino alla politica del New Deal del presidente Roosevelt. Entrambi si sono scatenati sui lavoratori tedeschi dopo la seconda guerra mondiale quasi come operatori dell’aiuto allo sviluppo. Durante la guerra, l’AFL e il CIO furono profondamente coinvolti nello sforzo bellico del governo degli Stati Uniti, tra gli altri nel War Production Board. Entrambi i gruppi erano già in contatto con l’ufficio del lavoro dell’agenzia di intelligence statunitense OSS. E di conseguenza, entrambi erano molto attivi anche nella divisione Clandestine Service della CIA, guidata da Allen Dulles.

Ma prima di tutto era necessario dividere la Confederazione Mondiale dei Sindacati, fondata nel 1945. Lì, tutti i sindacati importanti, compresi il CIO e il TUC britannico, sono stati organizzati sotto lo stesso tetto insieme ai rappresentanti dei lavoratori comunisti. Il personale dell’AFL ha utilizzato il denaro dei servizi segreti americani e dell’Ufficio di Coordinamento delle Politiche per fondare nuovi sindacati di scissione sintetica: La Force Ouvriére in Francia, in concorrenza con la CGT comunista. Oppure in Italia la Confederazione Italiana Sindicata Lavoratori (CISL).

Queste truppe d’assalto si sono dimostrate valide per spezzare il boicottaggio dei trasporti di armi nei porti francesi e italiani. Quando i sindacati anticomunisti riuscirono a stare in piedi da soli, i funzionari dell’AFL furono i prossimi a formare una nuova organizzazione mantello mondiale concorrente, la Confederazione internazionale dei sindacati liberi (CISL) nel 1949. Ora i tempi erano maturi per istituire anche in Germania un’organizzazione sindacale ombrello anticomunista: la Confederazione tedesca dei sindacati (DGB). La catena di comando è passata da Allen Dulles della CIA, attraverso il segretario esecutivo dell’AFL Jay Lovestone, al direttore europeo dell’AFL, Irving Joseph Brown, e al segretario dell’AFL Germania, Henry Rutz, un nativo tedesco emigrato negli Stati Uniti, che ora si è presentato ai raduni di massa del DGB per la sua conoscenza della lingua tedesca.

All’estremità tedesca di questa catena di comando transatlantica c’era il presidente del DGB Hans Böckler. Gli amici americani dell’AFL sono stati in grado di ottenere il loro primo punto a favore quando hanno impedito con successo lo smantellamento delle fabbriche in Germania intercedendo presso il governo americano. Neanche le iniezioni di denaro dall’estero sono state sgradite: “Sia l’AFL che il CIO hanno avuto contatti con la CIA e hanno distribuito denaro, proveniente dall’immenso budget, alle organizzazioni sindacali e ai partiti in Occidente.

Il governo americano aveva ormai il controllo quasi totale della forza lavoro della Germania occidentale. Dal consiglio di amministrazione del DGB al capo officina della fabbrica, c’è stato un controllo e un monitoraggio completo dei lavoratori: “Si trattava di inserire i filo-occidentali in posizioni chiave del sindacato e di assicurarseli, ottenendo allo stesso tempo analisi dettagliate dei sindacati e degli sviluppi politici nei paesi europei”. Di conseguenza, solo pochi anni dopo la creazione del DGB, tutti i comunisti sono stati allontanati dall’organizzazione. L’obbedienza dei sindacalisti tedeschi ai loro sponsor d’oltreoceano è durata per molti anni. Fu solo alla fine degli anni ’60 che l’allora capo del DGB, Ludwig Rosenberg, osò opporsi al divieto di parlare con i comunisti imposto dal presidente dell’AFL George Meany – dopodiché Meany ritirò l’AFL dalla Confederazione Internazionale dei Sindacati Liberi. Tuttavia, è ancora una delle leggi non scritte che i rappresentanti sindacali tedeschi sono sempre ospiti nei consigli di amministrazione elitari della Commissione Bilderberg e Trilaterale. In quest’ultimo, il rispettivo capo del sindacato dei lavoratori chimici è tradizionalmente rappresentato. La formula del “social partnership” è un risultato diretto di questa influenza americana sul DGB. Per molti anni, il sindacato unificato ha goduto di un’alta reputazione tra la popolazione perché ha imposto la co-determinazione sul posto di lavoro e salari relativamente alti. Il rapporto prezzo-prestazioni in questo rapporto di dipendenza unilaterale era inizialmente giusto.

Estratto dal libro Hermann Ploppa: Der Griff nach Eurasien – Die Hintergründe des ewigen Krieges gegen Russland. Marburg 2019.

Fonte:

  1. https://www.noz.de/deutschland-welt/wirtschaft/artikel/2131616/gewerkschaft-ngg-falsche-kontaktdaten-gefaehrden-gesundheit-und-jobs

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Heiko Kueverling /shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort