I servizi segreti europei sono lo “stato profondo” del “Club di Berna”.

Un punto di vista di Karl Bernd Esser.

Recentemente, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha chiesto più trasparenza alla Cina per quanto riguarda l’Istituto Wuhan, ma ha evitato le accuse pubbliche di corona. Egli ottiene alcune delle sue informazioni attraverso il “Club di Berna”, l’alleanza segreta di tutti i servizi segreti nazionali europei.

Il “Club di Berna”, in cui sono organizzati i direttori dei servizi segreti nazionali degli Stati membri dell’UE, della Norvegia e della Svizzera, è diventato una rete mondiale. Di conseguenza, il “Berne Club” è coinvolto in uno scambio internazionale di informazioni con i servizi segreti dell’altro club, chiamato “Five Eyes” e da Israele. Il sostegno europeo alla “Five Eyes – Intelligence Cooperation” è in una zona grigia, perché secondo i suoi trattati l’Unione Europea non ha il mandato di coordinare i suoi servizi di intelligence.

Sebbene il Trattato di Lisbona escluda la cooperazione in materia di intelligence, i servizi interni europei, come l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, collaborano con Europol e con un centro di situazione comune all’Aia chiamato “INTCEN”. Il servizio segreto olandese AIVD, responsabile del centro di situazione operativa, fa ostruzionismo. “Non commentiamo mai il Club de Berne”.

I punti di contatto nazionali del gruppo di intelligence comunicano attraverso una rete informatica chiamata “Poseidon”. Oltre all’invio di messaggi, consente di effettuare telefonate e videoconferenze. Il “Club de Berne” mette a disposizione altri servizi Internet in una rete chiamata “Neptune” e condivide una banca dati chiamata “Phoenix”.

I collaboratori del Club Berner di diversi servizi di intelligence sono riuniti per svolgere i loro compiti. Ciò solleva ulteriori questioni, come ad esempio quante risorse la Germania mette a disposizione del Club di Berna – e se le infrastrutture di Berlino vengono utilizzate per i compiti del Club. Anche a queste domande non ci sono state risposte.

Il WOZ svizzero descrive le attività dei servizi segreti del Club di Berna come una “stanza senza sorveglianza” – questo probabilmente vale anche per il suo omologo tedesco. “Non vi è alcuna legittimazione legale per le attività del Club di Berna, né gli organi di controllo degli Stati membri hanno la possibilità di controllare l’uso dei dati”, dice un insider.

Già a metà degli anni ’90, nell’Unione europea è stata sviluppata in segreto una sorveglianza completa delle reti di comunicazione con il titolo ENFOPOL. I documenti dell’ENFOPOL si basano sul lavoro di un gruppo di lavoro dell’FBI e sono prodotti dal gruppo di lavoro K4 “Cooperazione di polizia”. Sono stati adottati dal Parlamento europeo il 3 maggio 1999. Il documento programmatico ENFOPOL corrisponde in larga misura all’ordinanza tedesca sulla sorveglianza delle telecomunicazioni (TKÜV) e prevede l’intercettazione di comunicazioni via satellite, Internet, servizi di cercapersone, telefoni cellulari e fissi e schede di telefonia mobile. Un semplice ordine del tribunale nello stato dell’ufficio di intercettazione dovrebbe essere sufficiente per intercettare in tutto il territorio degli Stati contraenti dell’ENFOPOL – senza la NSA statunitense. Ulteriori accordi bilaterali consentirebbero di effettuare richiami automatici in pochi secondi.

L’informale “Berne Club” è stato fondato nel 1969 da nove capi dei servizi segreti. Già allora i servizi europei collaboravano con i partner israeliani Shin Bet e Mossad e con l’FBI statunitense. All’epoca il collegamento in rete avveniva tramite un sistema di telegrammi chiamato “Kilowatt”.

Attualmente partecipano alla cooperazione 30 servizi, dalla Germania ad esempio l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione (BfV), dalla Svizzera il Servizio federale di informazione (NDB), dall’Austria l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione e la lotta al terrorismo (BVT). Numerosi servizi di intelligence non europei sono collegati alle reti del “Club di Berna”.

In ogni caso, quasi dieci anni fa, la lista di distribuzione della rete di comunicazione del “Club di Berna” chiamata “Capriccio” per lo scambio sull’estremismo islamico comprendeva 27 servizi dell’UE, oltre ai servizi della Svizzera (elencati come numero di codice 10) e della Norvegia, e diversi servizi segreti non europei nel seguente ordine di numero di codice 06 Mossad (Tel Aviv), 12 CSIS (Ottawa), 19 FBI (Washington), 22 ASIO (Canberra), 25 NZSIS (Wellington), 28 CIA (Bruxelles) e 94 ISA (Tel Aviv). La grande domanda è se le informazioni immesse nella banca dati da Parigi o da Berlino, ad esempio, siano state utilizzate per operazioni illegali di intelligence da parte degli USA o di Israele – ad esempio per attacchi con i droni. In effetti, ci sono indicazioni che gli Stati Uniti amano accedere ai dati del “Berne Club” per la sua base tedesca di Ramstein.

Insieme alla Gran Bretagna, che con lo stesso MI5 partecipa al “Berne Club”, altri quattro stati come gli USA, il Canada, la Nuova Zelanda e l’Australia formano l’altra ben nota alleanza di intelligence “Five Eyes”, che dispone di ampie strutture di spionaggio. Il “Club di Berna” europeo è apparentemente molto più di un “organismo informale” dei servizi segreti europei – per gli Stati Uniti e Israele hanno anche un accesso incontrollato ai dati.

In un documentario della BBC del 1992 sulle operazioni della NATO in Italia, Federico D’Amato, membro di alto livello dei servizi segreti italiani, afferma che il “Club di Berna” è stato fondato in risposta alla “Rivoluzione del 68” in Francia. Lo confermano le ricerche della giornalista tedesca Regine Igel nel libro “Terrorjahre – Die dunkle Seite der CIA in Italien”. Secondo le informazioni di cui dispone dal verbale di una riunione del “Club Berner” a Colonia nel 1973, “è necessario un nuovo tipo di confidenti [cioè informatori] nelle organizzazioni di insorti, che diventeranno anche attivi, che dovranno diventare il motore della violenza, per raggiungere la leadership delle organizzazioni, per esempio l’estrema sinistra o la destra”.

Nel novembre 2018 Hans-Georg Maassen ha tenuto il suo discorso d’addio al “Club di Berna” a Varsavia. Poco prima, il governo aveva deciso di destituirlo dalla carica di capo dei servizi segreti tedeschi. Maassen aveva pubblicamente descritto le cacce estremiste di destra a Chemnitz nell’agosto 2018 come “disinformazione mirata”. Ha ripetuto questa affermazione nel suo discorso. Ancora di più: ha criticato il fatto che “le forze radicali di sinistra nella SPD” hanno strumentalizzato le sue dichiarazioni per “provocare una rottura in questa coalizione di governo”.

L’organizzazione segreta bernese è cresciuta costantemente, con una piattaforma operativa all’Aia, squadre operative congiunte e uno scambio di informazioni che comprende ancora servizi non europei. Il fondatore e capo del servizio segreto americano OSS nella seconda guerra mondiale (precursore della CIA negli USA), l’avvocato di WALL-STREET Alan Dulles, operò anche lui dalla tranquilla Berna fino al 1946 e avrebbe avuto un vero piacere nel “Bern Club” di oggi.

Qualche settimana fa si è saputo che la Crypto AG di Zugo era di proprietà dei servizi segreti degli USA e della Germania e che la CIA e la BND avevano manipolato le macchine cifrate vendute in tutto il mondo. La maggioranza borghese in seno al Consiglio nazionale svizzero si è ora pronunciata contro un’indagine su questo caso da parte di una commissione d’inchiesta parlamentare (PUK).

ZDF ha trasmesso in esclusiva i documenti della CIA intitolati “MINERVA. Una storia” e l’elaborazione BND su “Operazione Thesaurus/Rubicon”. Ci si stupisce che i dipendenti dell’emittente televisiva ZDF ricevano documenti esplosivi dalla CIA e la BND dalla rivista FRONTAL 21 semplicemente ed esclusivamente per la pubblicazione. “Inoltre, per il suo documentario “Secret Operation Rubicon”, ZDF ha potuto visionare i documenti di MfS e i documenti svizzeri che confermano i documenti Rubicon il 18 marzo 2020″, ha dichiarato un collaboratore di ZDF. Tuttavia, le tesi di fondo di questa “rivelazione” si sono susseguite nel mondo dei media per tre decenni e non sono una novità. Quello su cui la CIA e la BND contano dal 1993, dopo che il ritiro di CRYPTO è stato lasciato senza risposta dalla ZDF e dagli “esperti dei servizi segreti” intervistati. In ogni caso, nella loro trasmissione non hanno detto una parola sulle operazioni del “Club di Berna”.

Il “Deep State” è chiaramente visibile in Europa attraverso la fusione illegale di tutti i servizi segreti nazionali in questo incontrollabile “Club di Berna”. Questa non è una teoria di cospirazione, è purtroppo una realtà amara. Il Club di Berna è la grande scatola nera della politica di sicurezza europea.

Fonti:

  1. https://de.wikipedia.org/wiki/Berner_Club
  2. https://de.m.wikipedia.org/wiki/ENFOPOL
  3. http://data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-9113-2017-INIT/de/pdf
  4. https://www.youtube.com/watch?v=AUvrPvV-KQo
  5. https://www.wz.de/politik/inland/linksradikale-kraefte-in-der-spd-die-maassen-rede_aid-34287703
  6. https://www.saechsdsb.de/datenschutzkonferenzen-oeb/83-datenschutzkonferenzen/dsk-57/259-entwurf-einer-ratsentschliessung-zur-ueberwachung-der-telekommunikation-enfopol-98
  7. https://www.fedpol.admin.ch/fedpol/de/home/aktuell/news/2004/2004-04-28.html
  8. http://dip21.bundestag.de/dip21/btd/19/164/1916497.pdf
  9. https://www.andrej-hunko.de/presse/pressemitteilungen/4772-bundesinnenministerium-nennt-europaeische-geheimdienste-herren-der-information-das-ist-genauso-richtig-wie-problematisch
  10. https://digit.site36.net/tag/club-de-berne/

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: nitpicker/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort