I negatori della cospirazione

Nell’acceso dibattito di Corona, gli interessi materiali e il trattamento rispettoso rischiano di andare completamente persi.

Un commento di Sascha Pahl.

Nota sull’articolo: Il seguente testo è apparso per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse”, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

Il paese è diviso, la cultura della discussione è una cultura che fa rizzare i capelli in testa. I campi – chiamiamoli “apostoli della salute” e “combattenti per la libertà” si incontrano con crescente disgusto. La diffamazione è all’ordine del giorno. I tempi sembrano così incerti che è in pieno boom una nuova paura del dissenso, come se si dovesse difendere fino alla morte la propria piccola visione del mondo. Un termine della psicologia dell’abuso emotivo potrebbe essere utile per capire cosa sta succedendo: il cosiddetto gaslighting.

In psicologia, il processo di far impazzire qualcuno negando la sua percezione della realtà si chiama gaslighting: un maltrattatore manipola la sua vittima dandogli “false informazioni, il cui scopo è quello di far sì che la vittima diffidi della propria percezione, mettendo in discussione la propria sanità mentale e la propria salute mentale”. L’intenzione di queste azioni è di confondere, intimidire e sconvolgere profondamente la vittima” (1).

Un esempio: il padre torna a casa completamente ubriaco e picchia il figlio. La madre guarda in modo inattivo, perché non vuole affrontarlo. Fa anche finta al bambino che non sia successo niente. Convince il bambino che piange che il padre non è né ubriaco né violento, che non deve fare storie e non deve diffondere menzogne. Dopotutto, vuole essere ben educato. Intimidito, il bambino comincia a diffidare delle proprie percezioni ed emozioni. D’ora in poi pensa che essere un bravo bambino significhi non credere a se stesso.

Teorie e fatti di cospirazione

L’onnipresente discussione a corona riguarda anche la percezione della realtà. Si parla spesso di teorie di cospirazione. Non bisogna farsi ingannare e rimanere fedeli alla realtà, dicono. Ma cos’è una teoria del complotto e cos’è la realtà?

In linea di principio, il termine “teoria della cospirazione” è molto adatto per illuminare gli altri: Può essere usato semplicemente ogni volta che qualcuno comunica una realtà che non si adatta all’altro. Non lo ascolti e con questa semplice designazione lo metti sotto pressione per giustificarti e intimidirlo.

Attualmente è considerata una pericolosa teoria di cospirazione che Covid-19 è pericolosa quanto la comune influenza. I video YouTube corrispondenti vengono cancellati in massa (2). Gli esperti che fanno tali affermazioni, tuttavia, di solito le sostengono con fatti, cifre e collegamenti – e non con storie di cospirazione. Ma per tenere queste realtà inappropriate fuori dalla percezione pubblica e per mantenere la narrazione prevalente del virus assassino, la confusione e l’incertezza sembrano essere il mezzo appropriato.

Mentre la gente veniva bombardata per settimane con numeri sempre nuovi e costantemente ricontestualizzati – numeri che raddoppiano, valore R, nuove infezioni, ecc. I numeri assoluti erano in costante aumento, come per uccidere i destinatari con loro e per dare loro la percezione politicamente desiderata della realtà “È tutto così pericoloso! Chiunque abbia osato fare un confronto con altre stagioni influenzali o contestualizzare i numeri in modo diverso è stato rapidamente gasato come un rozzo teorico della cospirazione e quindi messo a tacere.

Carsten Forberger, per esempio, analizzò che il termine “cospiratore” aveva ora uno status paragonabile a quello di eretico o di eretico di tempi non illuminati (3). Eretiche sono opinioni che “non vanno affatto”, per le quali bisogna vergognarsi. E chi vuole finire in questo cassetto, che equivale a una scomunica dal discorso pubblico? Nelle discussioni con le persone che seguono la percezione maggioritaria del potenziale di pericolo virale, mi sono sempre stupito al basso: i miei riferimenti a fatti e figure esistenti, che parlano un linguaggio completamente diverso da quello della narrazione prevalente (4), sono caduti nel vuoto. Nessuno voleva seriamente avere una discussione sostanziale e obiettiva. Apparentemente è un peso troppo grande per dubitare della visione del mondo trasmessa dai media. – Così come la madre non voleva dubitare della sua immagine dell’uomo e preferiva sconvolgere il bambino.

Alcuni hanno ammesso che era troppo faticoso per loro affrontare la questione in modo davvero intenso e che sarebbe stato più facile per loro fidarsi della visione trasmessa dai media. Altri hanno ripetutamente sottolineato che una tale affermazione li metterebbe in un angolo di radicali di destra e di teorici della cospirazione. – Questo ricorda il consiglio della madre di educare bene il bambino.

La mia obiezione disperata che deve riguardare la questione in questione e non le affiliazioni politiche è sempre rimasta inascoltata. Una volta che l’argomento relativistico e, nella sua astrattezza, assolutamente cinico fosse sufficiente: non importa quali siano i numeri che ho citato, ci sarebbe certamente qualcosa su Internet che lo confuterebbe. “Non importa quello che dici, cara bambina, possiamo rigirarti in bocca ogni parola”.

Così ho dovuto concludere, se non una negazione della realtà, almeno un deciso disinteresse per la realtà. La discrepanza tra ideale e realtà era apparentemente troppo difficile da sopportare: così come non è stato possibile conciliare l’immagine ideale della madre di un buon marito con la realtà del padre ubriaco e violento, è apparentemente troppo doloroso conciliare l’immagine ideale dei media e della politica, in cui ci si può fidare, con la realtà. Questa autodifesa irrealistica è arrivata al punto che sono stato accusato di essere in un atteggiamento negativo e lamentoso da vittima con la mia insistenza sui fatti e le mie critiche alla rappresentazione mediatica della situazione. – Il bambino non deve fare tante storie e non deve convincersi di essere la vittima del padre, in modo che la madre non debba sentirsi complice del suo distogliere lo sguardo.

Pura illuminazione a gas, mi sembra, ma a che scopo? Negare il suo stesso tradimento? Immaginate la madre che dice al bambino, che non vuole rinunciare alla sua percezione della realtà, di fermare queste teorie cospirative. Un argomento assassino che ucciderà qualsiasi autostima nel bambino.

Negazione della cospirazione e dell’Illuminismo

Naturalmente c’è la paranoia e naturalmente ci sono false teorie cospirative e delusioni critico-immuni. Ci sono anche bambini che immaginano solo abusi da parte dei genitori. Ma per distinguere le false teorie cospirative da quelle corrette e dalle mere affermazioni di fatto senza alcuna pretesa cospirativa, bisogna aprire gli occhi, guardare la realtà delle cose e smettere di gettare a capofitto questi termini abusivi e irrispettosi.

Considerata la resistenza della discussione attuale a guardare le cose in modo oggettivo, dovremmo in realtà introdurre un nuovo termine – nello stile della negazione della corona, il termine offensivo dell’altra parte: Negatori di cospirazioni. Dopo tutto, nel nostro esempio, chi ha davvero cospirato è la madre e il padre contro il bambino. Se c’è qualcuno che è pazzo qui, sono questi due. Chi nega questo si è lasciato rendere stupido e ora deve illuminare tutti gli altri per non entrare in conflitto con la realtà.

Se siamo interessati alla democrazia, dobbiamo opporci alla luce del sole nel dibattito politico, dobbiamo opporci alla diffamazione e all’esclusione delle opinioni dissenzienti. Solo se abbiamo un interesse comune per la realtà possiamo avere una discussione significativa. Se invece preferiamo fare i piccioni viaggiatori, non possiamo che essere ostili l’uno con l’altro. Il mio timore è che le fratture siano ora così profonde che tutto si riduce a questo.

Ma la speranza muore per ultima:

Cari negatori della cospirazione, diventate teorici! Non lasciatevi ingannare dallo Stato Padre, dalla Medicina Madre e dalle parentele riunite dei mass media in una realtà che corrisponda al loro interesse per la vostra obbedienza. La cieca fedeltà a questi casi è stata denunciata da un adulto allo stesso modo dei genitori. Questo può essere doloroso, si deve passare attraverso un potenziale ostracismo sociale – un’illuminazione a gas da parte dei fedeli – ma ne vale la pena. Da bambino questo era impossibile, abbiamo dovuto fare i salti mortali. Ma non siamo più bambini.

Anche il famoso scritto dell’Illuminismo di Immanuel Kant del 1784 è un invito a crescere. Egli si oppone con forza al conforto della fiducia cieca nelle autorità esterne prevalenti – a suo tempo apparentemente medicina, chiesa e media:

“La pigrizia e la viltà sono le ragioni per cui molte persone, essendo state da tempo liberate dalla natura dalla guida esterna, amano comunque rimanere minorenni per il resto della loro vita; e per cui è così facile per gli altri diventare i loro guardiani. E’ così comodo essere minorenni. Se ho un libro che ha comprensione per me, un pastore che ha coscienza per me, un medico che giudica la dieta per me, e così via, allora non ho bisogno di preoccuparmi. Non ho bisogno di pensare se posso solo pagare; altri si occuperanno per me degli affari scontrosi” (5).

Un adulto sano, invece, uno che, secondo Kant, “ha il coraggio di usare il proprio intelletto senza la guida di un altro”, non avrebbe bisogno di diffamare e scomunicare gli altri come eretici, come ai tempi dell’Illuminismo, perché non dovrebbe avere paura di chi la pensa diversamente (6).

+++

Potete ordinare il libro qui: in formato cartaceo o e-book https://www.buchkomplizen.de/Alle-Buecher/Nur-Mut-oxid.html.

Fonti e note:

(1) https://lexikon.stangl.eu/16150/gaslighting/ (https://lexikon.stangl.eu/16150/gaslighting/

(2) “Qualsiasi contenuto che contesti le affermazioni dell’OMS in merito all’esistenza e alla diffusione di Covid-19 violerebbe le linee guida di Youtube”;https://www.rnd.de/digital/fake-news-zu-corona-youtube-loscht-videos-mit-verschworungstheorien-U2LKL4DQZ5A23LWE25T7LDTSRM.html

(3) “Il termine ‘teoria della cospirazione’ (…) svolge nel frattempo la funzione che è stata attribuita a parole come ‘eretico’ o ‘eretico’ in tempi inspiegabili. Attualmente, qualsiasi contraddizione contro la narrazione secondo cui la SARS-CoV-2 è un virus pericoloso che deve essere combattuto fino all’imminente salvataggio sotto forma di vaccino è bollata come teoria della cospirazione. Non si tratta più solo di stigmatizzare chi la pensa diversamente, ma anche di evitare la necessaria discussione sostanziale sulla veridicità dei presupposti che stanno alla base della narrazione prevalente. Si finge di parlare con tutti, purché non siano teorici della cospirazione. Un cospiratore, invece, è chiunque non voglia impegnarsi in discussioni sostanziali. Per mezzo di questa perfetta circolarità, la libertà di opinione, che è costitutiva della democrazia, degenera in una farsa”; https://multipolar-magazin.de/artikel/wenn-fakten-zu-verschworungstheorien-werden

(4 ) Ad esempio: https://swprs.org/covid-19-hinweis-ii/

(5 ) https://www.gutenberg.org/files/30821/30821-h/30821h.htm

(6) Questo richiamo all’illuminazione in quanto crescita è qui diretto non solo al campo degli apostoli della salute, ma anche a quello dei combattenti per la libertà: l’illuminazione a gas inversa consisterebbe nel sollevare indiscriminatamente l’accusa di illuminazione a gas contro tutto e tutti, per proteggersi dal dibattito argomentativo e dalle realtà spiacevoli. Anche questo sarebbe notevolmente inopportuno.

+++

Questo articolo è stato pubblicato il 15.6.2020 da Rubikon – Magazin für die kritische Masse

+++

Fonte dell’immagine: frankie's / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort