Guerra a un Joker

L’industria farmaceutica e i suoi virologi stanno attualmente cercando di definire l’agente patogeno SARS-CoV-2 come un nemico stabile. Per la “guerra contro il virus”, il pericolo è necessario sotto forma di un proiettile a punta. Un “mondo senza corona” è l’obiettivo dichiarato di Bill Gates e dei suoi amici politici. Anche per quanto riguarda una possibile vaccinazione, si cerca di persuadere l’opinione pubblica a credere che nel mondo dei virus ci sia un nemico chiaramente definibile. Da un punto di vista scientifico, tutti questi sforzi sono – per usare un eufemismo – aberrazioni pericolose.

Un punto di vista di Wolfgang Wodarg.

È assolutamente certo che anche il virus della SARS cambia costantemente e a grande velocità. E a cosa serve una vaccinazione contro qualcosa che da tempo è cambiato in modo incalcolabile? Anche il nostro sistema immunitario reagisce in modo imprevedibile. Le comunità trasversali? Memoria immune? La specificità e l’importanza dei test sta rapidamente svanendo, così come l’effetto di un vaccino. Pertanto, la prova dell’immunità è una farsa e, se dovesse diventare legge, una molestia che non può essere giustificata per motivi di salute.

Per lo stesso motivo, le vaccinazioni di massa contro i virus respiratori sono una sciocchezza rischiosa e possono causare lesioni fisiche. Con gli agenti patogeni in rapida evoluzione – come per la vaccinazione contro l’influenza – il successo della vaccinazione è una questione di fortuna. Solo in seguito si può stabilire se le persone vaccinate sono state meglio di quelle non vaccinate. Questo rimane un buon affare, poiché una valutazione preventiva delle prestazioni basata su prove non sarà ovviamente mai possibile. Inoltre, fino ad oggi si sono diffusi altri virus quando un tipo di virus è stato reso più difficile da vivere attraverso la vaccinazione.

I virus di Wuhan sono una cosa del passato

Un fattore decisivo è l’altissimo tasso di mutazione dei virus RNA, che comprendono anche la SARS-CoV-2. Questo tasso è dimostrato in modo impressionante dai ricercatori dell’Università di Glasgow, che descrivono le seguenti mutazioni del virus in un periodo molto breve di circa 4 mesi:

  • 7237 non sinonimi, cioè mutazioni che cambiano gli aminoacidi (sostituzioni)
  • 6 inserimenti di basi aggiuntive (inserimenti)
  • 87 Perdita di basi nella sequenza genica (delezioni)

Per un genoma che a sua volta consiste solo di circa 30.000 basi, si tratta di un numero enorme di mutazioni, inserimenti ed eliminazioni in un tempo molto breve. E questi sono solo i dati di alcune migliaia di virus della SARS-CoV-2 che sono stati sequenziati. La natura ne conosce molti, molti di più.

Mutazioni non sinonime causano l’inserimento di altri amminoacidi nelle proteine del virus. Queste modificano così le proprietà chimiche di queste proteine. Queste mutazioni si accumulano già in poche settimane (!), come dimostrano i dati.

Gli inserimenti e le cancellazioni sono di particolare importanza, perché possono portare ad un “frameshift”, dove tutta la catena successiva viene letta in modo diverso. Inoltre, esistono mutazioni sinonimi che, pur non modificando la struttura primaria delle proteine della SARS-CoV-2, possono comunque svolgere un ruolo nella diagnostica. Inoltre, ci sono ancora molte domande aperte su ulteriori effetti di mutazioni sinonimi. I dubbi sul test PCR esistevano fin dall’inizio.

Istantanee di una storia senza fine

Un altro punto importante è che i virus della SARS-CoV-2 finora sequenziati mostrano una sezione estremamente piccola della natura. In relazione al genoma totale di tutti i virus corona in tutti gli esseri umani, questa sezione è poco significativa. Non va inoltre dimenticato che accanto alla SARS-CoV-2 continuano ad esistere altri coronavirus umani – e anche questi mutano. Altrimenti, a un certo punto, non si sarebbe arrivati al virus SARS-CoV-2.

Le analisi al computer, ad esempio dell’albero genealogico della SARS-CoV-2 (analisi filogenetiche) sono molto problematiche sulla base di questa piccolissima parte della natura così come esiste oggi. Negli ultimi 15 anni, i virus corona sono stati a malapena studiati, né nell’uomo né negli animali. La stragrande maggioranza delle sequenze del gene del coronavirus nei database ha origine negli ultimi 4 mesi o ha 15 anni.

Le critiche non sono nuove, soprattutto per quanto riguarda la distribuzione geografica molto disomogenea delle sequenze geniche trovate, come sottolineato dai ricercatori dell’Università della Florida, ad esempio:

“In un nuovo albero derivato solo una settimana dopo, quando più di 135 nuove sequenze complete del genoma sono state rese disponibili su [il database dei virus] GISAID, il collegamento diretto tra Germania e Italia è scomparso a causa dell’ulteriore raggruppamento di sequenze precedentemente non campionate provenienti da Portogallo, Brasile, Galles e Paesi Bassi.

Alcune pubblicazioni dicono che gli aplotipi (cioè i modelli genetici) della SARS-CoV-2 sono già scomparsi di nuovo, cioè non si trovano più nelle sequenze di base appena sequenziate. Anche la SARS 1 è scomparsa da tempo. Che senso ha allora una distanza genetica tra due sequenze di geni?

Zoonosi? Un termine di lotta superfluo, perché l’uomo è anche uno zoon (essere vivente)

Ma la virologia sta facendo quello che fa da 30 anni. Trova una sequenza di geni virali che non conosceva ancora e dichiara il virus appena scoperto un virus mortale. Perché questo funzioni, ha bisogno dell’ipotesi della zoonosi. [Zoonosi: Trasferimento di malattie infettive tra esseri umani e animali] Non si può fare a meno di questo!

Perché solo grazie all’ipotesi che un agente patogeno alla fine del 2019 al mercato del pesce di Wuhan sia stato recentemente trasferito da un ospite animale all’uomo, si può generalmente ipotizzare un aumento della patogenicità (= un aumento del potenziale di ammalarsi). L’agente patogeno è nuovo per gli esseri umani, ed è per questo che, a differenza degli ospiti originali, gli esseri umani non hanno avuto la possibilità di adattarsi al nuovo agente patogeno.

Questa argomentazione funziona così bene anche perché si presume sempre che i pazienti siano gravemente malati, che poi di solito soffrono di diverse malattie, e le persone con sintomi deboli o assenti non vengono quasi mai testate. Così, l’apparente prova che test positivi e morte vanno di pari passo.

Per provarlo, Drosten, Wieler & Co. tengono in mano due sequenze genetiche, una da un virus corona animale e una da un virus corona umano, e sottolineano la grande distanza genetica. Questa affermazione può essere fatta così facilmente perché non ci sono dati per qualsiasi cosa in mezzo. Nessuno ha misurato i coronavirus animali e umani nella densità necessaria negli ultimi 15 anni.

Un numero molto elevato di persone positive alla SARS-CoV-2 non mostra alcun sintomo o solo sintomi lievi. La percentuale di persone asintomatiche che non mostrano sintomi è del 50-70 %. Ciò non è possibile senza che il sistema immunitario sia stato preparato per il virus. Questa correlazione suggerisce un continuo sviluppo fino alla SARS-CoV-2 (e alle sue numerose varianti).

Parlare di origine mostra solo dove hai iniziato a pensare

Sempre più spesso, ci sono anche analisi filogenetiche che tentano di costruire un albero genealogico diverso dalle numerose sequenze di geni diversi – contro l’ipotesi che la SARS-CoV-2 sia stata creata di recente dalla zoonosi alla fine del 2019.

Analisi di questo tipo sono problematiche a causa del periodo di campionamento molto breve. Tuttavia, questo è tutto ciò che è attualmente disponibile. Inoltre, il punto zero, cioè la sequenza di riferimento rispetto alla quale vengono valutate le mutazioni, viene scelto arbitrariamente. Il nuovo test PCR è stato utilizzato solo in Cina, dove sono state generate le prime sequenze di geni. Solo allora questo accadde in altre parti del mondo. Ciò che è una mutazione avanti e indietro è un’affermazione relativa in relazione alla sequenza di riferimento. La presunta diffusione riflette solo la sequenza geografica dei test. Ciononostante, gli allarmisti della Johns Hopkins University e di altre università continuano ad usare questo metodo.

Si dovrebbe finalmente rinunciare all’immagine di un “albero genealogico” – l’immagine delle reti ricorsive sembra più appropriata

La diversità della SARS-CoV-2 è così grande che i cluster si formano anche in piccoli campioni. Non è più possibile assegnare chiaramente come il virus sia arrivato a New York. In un recente studio, i ricercatori di New York spiegano

“L’analisi filogenetica di 84 diversi genomi di SARS-CoV-2 indica introduzioni multiple, indipendenti, ma isolate, principalmente dall’Europa e da altre parti degli Stati Uniti. Troviamo anche prove di trasmissione all’interno della comunità, suggerendo cluster di virus correlati che si trovano in pazienti provenienti da diverse parti della città”.

Questi cluster devono essersi formati negli Stati Uniti negli ultimi tre mesi. A meno che la SARS-CoV-2 e tutto ciò che l’ha portata ad essa non sia molto più vecchia. Interpretazioni alternative degli stessi dati (!) da banche dati genetiche suggeriscono che la SARS-CoV-2 si è diffusa negli esseri umani per più di 40 anni. Quindi scrivete ai ricercatori di Taiwan:

“Dal momento che il primo genoma disponibile è stato registrato quasi un mese dopo l’epidemia del 24 dicembre 2019, l’origine effettiva dell’attuale epidemia potrebbe effettivamente essere anteriore alla nostra stima. Ipotizzando un tasso di sostituzione sinonimo (…) è stato stimato che la ricombinazione è avvenuta circa 40 anni fa (…). “Se questo è vero, la SARS-CoV-2 avrebbe potuto circolare tra gli esseri umani nascosta per anni prima che fosse notata di recente.

Si tratta di scoperte molto recenti e resta da vedere se questa prestampa riuscirà a superare il tanto decantato processo di peer review con cui la scienza “regola” se stessa e lo stato della conoscenza.

Cosa è il glifosato per i campi, gli antivirali per gli esseri umani

I virus sono probabilmente vecchi come i batteri. Il sistema immunitario dei vertebrati è l’unico in grado di armonizzare l’organismo con le sempre nuove varianti virali. Questo è esattamente ciò per cui è stato creato nel corso dell’evoluzione. Il gruppo di vertebrati ha avuto origine circa 500 milioni di anni fa e il concetto di sistema immunitario è forse ancora più vecchio. 500 milioni di anni fa, il sistema immunitario dei vertebrati, al cui termine preliminare è l’uomo, si è sviluppato a stretto contatto con i virus. Tuttavia, la medicina moderna utilizza i corticosteroidi per sopprimere la risposta immunitaria, come dimostrato da molti protocolli di trattamento COVID-19, in particolare dagli Stati Uniti.

Nel frattempo, l’industria continua a pubblicizzare nuovi farmaci. Dove vengono utilizzati? Il 98% dei positivi al test non mostra alcun sintomo o solo sintomi lievi. Ma i media mescolano acriticamente test e infezione, infezione e malattia sintomatica, malattia sintomatica e morte. Le persone gravemente colpite hanno in media più di 80 anni e soffrono nella stragrande maggioranza dei casi di gravi patologie preesistenti. Nessuno può dire quanti di loro siano morti a causa di una ventilazione prematura. Nel frattempo, i pazienti in terapia intensiva vengono svezzati dalla respirazione con il fentanil, tra le altre cose, altrimenti la respirazione artificiale non funzionerà. Questi pazienti si svegliano, se mai, come drogati.

La paura viene dai reparti di terapia intensiva, ma cosa succede lì?

La terapia intensiva sta facendo del suo meglio. Inoltre, ci sono farmaci come il Remdesivir, che era troppo tossico per la terapia con l’Ebola e non riesce in ulteriori test. Tuttavia, tutti i dubbi non hanno impedito a Remdesivir di essere rilasciato per l’uso negli USA con la procedura del fulmine.

Un altro esempio sono le terapie di combinazione di clorochina e azitromicina, che possono portare all’arresto cardiaco in persone con precedenti malattie cardiovascolari. O la monoterapia con clorochina, che causa danni ai globuli rossi nelle persone con deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. La carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi è il difetto genetico ereditario più comune in tutto il mondo, con una frequenza fino al 20-30% in Africa. Sono particolarmente colpiti anche i Paesi con un’alta percentuale di persone di origine africana.

False priorità e cifre ingannevoli

Tutto questo è stato innescato da un test malato, da misure affrettate e dalla fiducia in un minimo stralcio della natura di macchina evolutiva, che è memorizzata nei database dei geni, che non può essere giustificato da nulla.

La scienza e la politica che consiglia dovranno continuare a funzionare anche dopo la sua crisi autoprodotta. Anche se è molto dubbio che un virus che non provoca (!) sintomi nel 50-70% degli infetti sia arrivato in Europa nel momento esatto in cui i test sono stati avviati – come alcuni ora vogliono farci credere con l’aiuto delle curve per l’eccesso di mortalità. E questo in una popolazione di pazienti in cui il 40% dei pazienti in terapia intensiva arrivava direttamente dalla casa di cura all’unità di terapia intensiva più bisognosa. Così Matthias Thöns, specialista in medicina d’urgenza e palliativa, descrive la situazione:

“Dobbiamo tenere presente che i pazienti gravemente malati di COVID-19 sono persone molto anziane che sono spesso malate. Il 40% di essi proviene da case di cura che necessitano delle cure più severe, e in Italia, su 2.003 decessi, solo tre pazienti sono stati privi di gravi patologie preesistenti. Si tratta quindi di un gruppo che di solito e fino ad ora ha sempre ricevuto più cure palliative che non la terapia intensiva, e ora viene diagnosticata una nuova malattia e tutti questi pazienti diventano pazienti in terapia intensiva.

Falsi allarmi – una malattia autoimmune sociale

Nell’attuale clima mediatico e sotto l’immensa pressione politica per giustificare le misure draconiane e le loro conseguenze, anche a posteriori, è molto dubbio che ci sarà ancora una discussione scientifica indipendente sull’ipotesi della zoonosi e una prudente valutazione del rischio. Per quali applicazioni di ricerca saranno concessi dei fondi?

L’evoluzione va avanti da milioni di anni, ma negli ultimi 20 anni ogni 3-5 anni vengono scoperti dai virologi nuovi “virus della morte”, che si dice costituiscano una grave minaccia per l’umanità: MERS, SARS 1, SARS 2, influenza suina, influenza aviaria e così via. Siamo davvero così ciechi? O vediamo che l’imperatore è nudo?

L’autore: Dr. med. Wolfgang Wodarg, nato nel 1947, è internista e pneumologo, specializzato in igiene e medicina ambientale, nonché in sanità pubblica e medicina sociale. Dopo l’attività clinica come internista, è stato, tra l’altro, per 13 anni, funzionario della sanità pubblica nello Schleswig-Holstein, allo stesso tempo docente presso università e istituti tecnici e presidente del comitato di esperti per la tutela dell’ambiente legato alla salute presso la Schleswig-Holstein Medical Association; nel 1991 ha ricevuto una borsa di studio per la Johns Hopkins University, Baltimora, USA (epidemiologia).

In qualità di membro del Bundestag tedesco dal 1994 al 2009, è stato promotore e relatore della commissione Enquête “Etica e diritto della medicina moderna”, membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, dove è stato presidente della sottocommissione per la salute e vicepresidente della commissione per la cultura, l’istruzione e la scienza. Nel 2009 ha avviato la commissione d’inchiesta sul ruolo dell’OMS nel H1N1 (influenza suina) a Strasburgo, dove è rimasto come esperto scientifico dopo aver lasciato il Parlamento. Dal 2011 lavora come docente universitario freelance, medico e scienziato sanitario ed è stato membro volontario del consiglio di amministrazione e responsabile del gruppo di lavoro sulla salute presso Transparency International Germania fino al 2020.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 10 maggio 2020 sul Medien-Portal Multipolar

+++

Fonte dell’immagine: CrispyPork/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort