Corona: Imparare a surfare l’onda | Di Christiane Borowy

Un commento di Christiane Borowy.

7 consigli per affrontare ondate di infezioni, vento contrario e altri ostacoli.

“Non possiamo controllare il mare, ma possiamo imparare a surfare sulle onde”, mi ha risposto un mio buon amico qualche giorno fa dopo che gli ho chiesto cosa ne pensava della probabilità di una seconda ondata di infezione e di un ritorno a una sorta di normalità. L’ho trovato eccitante, perché normalmente ottengo solo risposte polarizzanti a questa domanda.

Con questo approccio mentale completamente diverso, mi è venuto subito in mente il ricordo della mia giovinezza nella Germania del nord e delle vacanze in surf insieme a Sylt. Tuttavia, le onde su Sylt non sono per i surfisti per hobby. Prima di poter planare sulle onde con il vento, di solito mi sdraiavo in acqua accanto alla mia tavola e navigavo. Ma ricordo ancora molto bene la sensazione di libertà, l’essere in armonia con gli elementi e la potenza sfrenata.

Mi colpisce che il surf e un sano approccio alla crisi di Corona abbiano molto in comune. Come nel surf, ci sono persone nella crisi della Corona che, in senso figurato, non osano affatto salire sulla tavola per paura del vento, dell’acqua e delle rocce. Usciranno solo digitalmente e hanno paura della morte, della perdita di posti di lavoro, della crisi economica globale e della guerra (di opinione), nonché della violenza da parte dei cosiddetti “mungitori del pericolo”. In questo isolamento cresce il desiderio di pace e di tranquillità e di far tornare tutto com’era prima. La prospettiva che la vita com’era prima non possa mai più essere la stessa, fa soffrire e disperare queste persone, forse anche diventare irritabili e arrabbiate. Tuttavia, ci sono altre persone che trovano più facile affrontare la crisi, e questo mi porta al mio primo suggerimento:

Lasciatevi ispirare da modelli di comportamento.

Se vuoi imparare a fare surf, prima di tutto guarda a chi lo sa già fare. Non solo vedrete che è davvero possibile affrontare il vento, l’acqua e gli ostacoli, ma sarete ispirati dalla libertà e dalla vitalità che l’abile surfista incarna. Si va agli eventi di surf che sono frequentati dai “grandi”, che fanno surf anche alle Hawaii, dove si vincono le onde più grandi e pericolose e le gare più dure. Quali tecniche utilizzano? Come vivono i modelli di ruolo? Quali pensieri li portano al loro obiettivo?

Si può fare la stessa cosa nella crisi di Corona, perché anche qui ci sono dei modelli di comportamento. Per esempio, ci sono persone come l’eminente chef Sarah Wiener, che qualche giorno fa ha dovuto chiudere i suoi ristoranti a causa della crisi della Corona e dice su Internet: “Una porta si chiude, un’altra si apre”. Vediamo la crisi come un’opportunità per qualcosa di nuovo, forse anche migliore”? (3) Avrebbe tutte le ragioni per essere disperata, e non ignora il fatto che è difficile per lei e per i suoi dipendenti dichiarare fallimento, ma invece della disperazione trova un pensiero ispiratore da perseguire in futuro. Nella sua immaginazione non rinuncia all’idea di una vita migliore e forse anche di un futuro migliore. Dalla biografia di Sarah Wiener sappiamo che questo atteggiamento non è una coincidenza e si basa sull’esperienza, perché è un esempio di come si possa emergere dalle crisi più forti e diventare uno chef di spicco dal nulla, per così dire.

Un altro esempio può essere l’imprenditore di Stoccarda Michael Ballweg. È diventato famoso perché ha co-fondato l’iniziativa “Pensiero Laterale” e ha organizzato proteste, alle quali migliaia di persone sono venute a manifestare contro le norme che limitano i diritti fondamentali a causa della crisi di Corona. Sebbene le proteste di Stoccarda siano state finora le più grandi manifestazioni di questo tipo, sono state del tutto pacifiche dalla parte dei manifestanti. La rivolta era più probabile contro gli organizzatori, perché da un lato, persone sconosciute hanno dato fuoco a diversi veicoli con l’attrezzatura tecnica per le manifestazioni e li hanno completamente distrutti, e dall’altro, c’è stato un tentativo di attacco contro uno degli oratori in uno degli eventi. Ma Ballweg non si è ritirato. Invece, come ha affrontato la crisi? Il 1° agosto 2020, invita la gente a un altro grande evento di protesta, la “Giornata della Libertà” a Berlino, e si batte costantemente contro le regole della corona che interferiscono o scavalcano le libertà fondamentali.

Iniziate con un vento piatto e imparate l’equilibrio

L’equilibrio è importante quando si naviga. Questo vale anche nelle crisi. Prima di cercare di sconfiggere la paura dell’acqua attraverso l’azionismo selvaggio, è necessario mantenere la calma e cercare prima di tutto di mantenere l’equilibrio quando si è sulla tavola. Ecco perché di solito si parte da terra o con vento piatto. Potete anche testare quale strategia funziona meglio per voi personalmente, per rialzare una vela caduta in acqua. Se qualcosa cade a terra, il primo riflesso è quello di piegarsi in seguito. Quando si naviga, tuttavia, potrebbe non essere l’idea giusta.

Trasferito alla crisi della corona, si potrebbe prima cercare di fare un respiro profondo e cercare le sfide che si presentano nella vita di tutti i giorni e che, rispetto alla crisi finanziaria o alla crisi sanitaria, tendono a far sentire la paura o l’eccitazione a bassa soglia. Chiunque sia mai rimasto bloccato in un ingorgo stradale mentre si recava di corsa a una riunione ha qui un possibile campo di allenamento. Se riuscite a fare un respiro profondo a questo primo livello e non vi spaventate, avete già fatto pratica per rimanere in equilibrio. Ci sono altre domande da porsi in caso di crisi. Cos’altro faccio quando sono eccitato? Cadere nell’azionismo? Faccio rumore? Attacco? Perché una crisi è caratterizzata proprio dal fatto che qualcosa che ha funzionato fino ad ora e quello che normalmente si fa non funziona. Cosa posso fare in alternativa? Il respiro, il silenzio, l’ascolto della musica, la chiamata a un amico e la richiesta di consigli su come scendere di nuovo se si infastidisce durante la guida, e così via, sono solo alcune delle possibilità che vengono messe in discussione.

Non ignorare il dolore 

Muscoli doloranti e mal di schiena sono i primi segnali per il surfista principiante che sta imparando qualcosa di nuovo. Improvvisamente, attraverso il dolore, viene a conoscenza di gruppi muscolari che prima non sapeva esistessero. Un classico errore del principiante sarebbe quindi la strategia “Un indiano non conosce il dolore”.

Un proverbio dice: “Il dolore vuole essere percepito prima di scomparire”. Questo detto indica che dietro il dolore c’è un bisogno che vuole essere soddisfatto. Il corpo ha bisogno di sostegno e lo annuncia attraverso il dolore. Se lo ignoro, potrei essere in grado di cancellare la mia carriera di surfista prima ancora che inizi. Così comincio a cercare le possibilità di supporto adeguate e scopro quali sono le cause e le soluzioni per il mio dolore. Forse aggiungendo magnesio o una certa dieta posso aiutare il mio corpo ad affrontare più facilmente le nuove circostanze. Forse ripenserò anche alla posizione che assumerò nel consiglio di amministrazione o mi concederò solo un po’ di tempo?

Così, nella crisi di Corona, non è di aiuto chiudere semplicemente gli occhi di fronte al fatto che si potrebbe avere ansia e preoccupazioni, o che un episodio depressivo potrebbe essere incombente. È anche bene ricordare quando si è irritabili e arrabbiati. La riflessione sui propri sentimenti, pensieri e azioni è enormemente importante per superare bene una crisi. Ho paura? Ho un atteggiamento vivace “non lamentatevi, litigate” e come mi sento a riguardo? Spesso aiuta chiedere agli altri nel proprio ambiente come si è percepiti al momento. Forse pensi di essere resistente alle crisi, ma il mio ambiente si accorge che ultimamente mi ci vuole sempre più tempo per alzarmi dal letto la mattina, o che passo più tempo del solito seduto al PC in cantina, o che urlo contro i bambini dei vicini che giocano a calcio per strada.

Le intuizioni acquisite possono essere scomode all’inizio, ma alla fine possono portarmi a cambiare il mio comportamento e, metaforicamente parlando, a non piegarmi di riflesso dopo la vela e quindi a non affaticare la schiena. Forse prendo letteralmente una posizione diversa. L’atteggiamento di Sarah Wiener, per esempio, è ovviamente che la vita consiste principalmente nell’abbondanza e non nella mancanza. I nostri pensieri e le nostre idee controllano i nostri sentimenti. Come mi sento quando penso a qualcosa di diverso da “La mia vita non sarà mai più (buona) come prima? Come mi sento quando prendo l’atteggiamento interiore “Le crisi passano, e passano sempre”? Potete provarlo e magari rompere alcune abitudini (di pensiero) negative in questo modo. Se vi è difficile farlo, potete prima di tutto adottare fisicamente un atteggiamento diverso. Per esempio, spesso si guarda in basso, verso il proprio smartphone o perché si vuole evitare l’aspetto delle altre persone, forse perché ci si sente a disagio con una maschera sul viso. Poi ci si può esercitare solo guardando il cielo un paio di volte al giorno. Si possono contare le nuvole e guardare l’azzurro del cielo. Non ci vuole molto sforzo, perché il cielo è sempre lì. Se lo facessi un paio di volte, potresti vedere dei cambiamenti. Quando si guarda il proprio smartphone, si prova qualcosa di diverso rispetto a quando si guarda il cielo. Nel momento in cui si decide di rompere un’abitudine, si è liberi. Anche se la Legge Fondamentale viene modificata. Puoi guardare il cielo e decidere liberamente che in questo momento almeno non vuoi avere a che fare con qualcosa che provoca dolore o ti rende depresso.

Ad esempio, se vi sentite molto impotenti e stranieri determinati, potete anche mettere in discussione le vostre abitudini. Un’idea tra le tante sarebbe quella di comprare un vaso di fiori e piantare fiori o erbe aromatiche. Potete prendervi cura delle piante e anche se pensate di non avere il pollice verde, la luce, l’acqua e qualche sostanza nutritiva vi assicureranno che sono circondato dalla vita e dalla crescita. Non devi comprare una pianta d’appartamento complicata, ma forse solo crescione. Cresce anche su carta da cucina imbevuta d’acqua. Così si è impegnati con ciò che è bello o nutriente e non con ciò che non si può realizzare e questo influenza tutti i nostri pensieri, sentimenti e azioni.

Se ci lasciamo indebolire da abitudini di pensiero negativo, rinunciamo alla nostra sovranità e al nostro potere di resistenza, e questo è pericoloso per l’individuo ma anche per la salute politica e sociale. Chi è ansioso, depresso e disperato non può difendere i diritti fondamentali o una buona vita per tutti.

Prestare attenzione all’attrezzatura giusta

Fornire una buona attrezzatura è importante sia per il surf che per la gestione delle crisi. Una domanda importante è come deve essere l’attrezzatura in modo che sia adatta a me. Il principiante deve chiedersi quanto è grande, qual è la tavola giusta e se si può trovare una muta che protegga davvero, che calzi come una seconda pelle e che non faccia grinze. Deve anche chiedersi se è più il tipo che vuole imparare trucchi e salti o se cavalcare l’onda perfetta è sempre stato il suo sogno.

Soprattutto la protezione gioca un ruolo importante nelle crisi. Anche qui bisogna chiedersi cosa serve per sentirsi al sicuro. Ad esempio, in caso di crisi confido in una fornitura sufficiente di carta igienica, come raccomandato dall’Ufficio della Protezione Civile, o confido in Dio, in me stesso, negli amici e nella famiglia? Il concetto di sicurezza varia a seconda della risposta. Qui non c’è giusto o sbagliato, solo la consapevolezza che senza la giusta protezione non ci si può buttare in acque che non si conoscono. Se si dovesse negare che si ha bisogno di protezione, i problemi che già ci sono sarebbero sicuramente aggravati da altri. In quel caso non avrei solo a che fare con vento, onde e ostacoli come correnti o rocce, ma anche con crampi che mi renderebbero difficile la sopravvivenza. Poiché le persone sono diverse, ci sono diverse esigenze di sicurezza. È quindi importante non lasciarsi imporre i concetti di sicurezza altrui, nemmeno quelli dei politici, ma scoprire quali problemi potrebbero sorgere e quali delle misure consigliate per il problema specifico che si vuole scegliere, mentre si è ancora liberi di decidere.

Mai navigare da soli

Soprattutto all’inizio è importante assicurarsi che ci sia qualcuno ad aiutarci in caso di emergenza, quando si è perso il controllo della tavola ed è atterrato in acqua.

Nella crisi di Corona è di nuovo simile. Se c’è una crisi, la si può superare meglio insieme ad altre persone. Anche se vengono prescritte misure per mantenere una certa distanza, è possibile trovare il modo di entrare in contatto tra di loro. Le persone che vivono da sole possono essere visitate o il cibo può essere messo davanti alla loro porta se non possono o non vogliono andare a fare la spesa. Se qualcuno ha già avuto una grave crisi di vita prima della crisi di Corona, puoi chiamare e chiedere come funziona – ancora più spesso. Potete anche invitare i vostri amici in un luogo dove potete mantenere le distanze e scambiare idee. Aiuta se si vede se stessi e non si lascia che il profondo bisogno umano di contatto e di connessione con gli altri venga portato via.

Se siete qualcuno per cui le misure della Corona si spingono troppo oltre e che quindi va a manifestare, sappiate che c’è una probabilità non trascurabile di un duro giro di vite da parte della polizia e anche di avere qualcuno che vi aiuti a uscire dall’acqua o che vi aiuti in caso di emergenza.

Lasciate che gli altri abbiano tempo e spazio

Questo suggerimento può sembrare provocatorio all’inizio, soprattutto dopo le righe precedenti. Dare agli altri tempo e spazio non è inteso come un richiamo all’allontanamento sociale, ma come un richiamo a dare agli altri nel mio ambiente abbastanza libertà.

Quando il sole splende e soffia un buon vento, le aree di surf sono enormemente piene. Ognuno prende la sua tavola e si getta tra le onde. Inoltre, sia i surfisti professionisti che i principianti si crogiolano in acqua. Se tutti navigassero come se il mare appartenesse solo a lui, potrebbe portare a collisioni a volte violente e a gravi ferite. Questo distruggerebbe, almeno per alcuni surfisti, il sogno di potere e libertà, la sensazione di completa autonomia che si può avere cavalcando l’onda perfetta, e anche l’unità e la pace nella comunità dei surfisti. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è quello di dare agli altri surfisti il tempo di fare manovre evasive e di mantenere una distanza sufficiente in modo che ognuno abbia abbastanza spazio per il proprio modo di navigare.

Le stesse regole valgono per la crisi di Corona. Il modo migliore per superare una crisi è quello di unirsi. I venti contrari possono di gran lunga non causare tanti danni quanto una società divisa, in cui le immagini del nemico si costruiscono contro tutti coloro che non seguono la direzione data e in cui gli avversari di opinione si combattono e cercano di distruggersi a vicenda. Sarebbe meglio lasciare abbastanza tempo per pensare a come andare d’accordo in un’area limitata con risorse limitate e dare ancora spazio a quelle persone i cui tentativi di sopravvivere sono attualmente incomprensibili.

Prova altre cose

C’è molto di più del classico modo di fare surf! Si può usare la potenza dell’onda o la potenza del vento, come il kitesurf. Il wakeboarding è addirittura indipendente dalla potenza del vento e delle onde, perché si fa surf con un motoscafo o una funivia. Può anche essere molto divertente e allarga l’orizzonte.

Nelle crisi è bene anche provare qualcosa che non avete mai pensato o fatto prima. In questo modo si può mantenere la propria creatività e forse anche crescere al di là di se stessi. Forse si impara una nuova lingua o uno strumento se si deve stare seduti a casa tutto il giorno. Forse potrai finalmente leggere tutti quei libri che volevi davvero avere, ma che sono sugli scaffali con le loro confezioni e sono ancora etichettati in marchi tedeschi. Un’altra possibilità sarebbe quella di farsi coinvolgere politicamente, anche se prima non si aveva nulla a che fare con la politica. Forse potresti anche reinventarti completamente e scrivere finalmente il libro che hai sempre voluto scrivere.

Conclusione

Così, quando si vive in un periodo di crisi e si affrontano molti pericoli, sembra difficile tenere la testa fuori dall’acqua. L’importante è non lasciarsi distrarre da ciò che si ama e che si trova prezioso, soprattutto non dalla valutazione soggettiva delle altre persone. È possibile strappare la libertà personale a se stessi anche in una crisi, se si ha il coraggio di porsi domande fondamentali e di usare la crisi per riflettere. Il filosofo Dr. Michael Andrick riassume l’importanza di questa riflessione nel suo recente libro “Erfolgsleere” (Vuoto di successo):

“Fare molte domande è provare la rivolta contro la visione del mondo intero del nostro Zeitgeist. … La riflessione è l’autoaffermazione dello spirito contro l’abitudine che ci tiene in pugno”.

Quindi, impariamo a cavalcare l’onda e a provare la rivolta!

Fonti:

  1. https://www.lernen.net/artikel/windsurfen-7487
  2. https://www.resilienz-akademie.com/ein-resilienz-beispiel-krisen-gesund-ueberleben
  3. https://www.t-online.de/finanzen/boerse/news/id_88277118/tv-koechin-sarah-wiener-meldet-insolvenz-an-ruehrende-worte-an-mitarbeiter.html
  4. https://aktion.faz.net/quarterly-umfrage
  5. https://www.tag24.de/stuttgart/lokales/stuttgart-demos-querdenken-michael-ballweg-unternehmer-coronavirus-covid-19-grundrechte-1497805
  6. https://www.stuttgarter-nachrichten.de/gallery.vor-corona-protest-in-stuttgart-unbekannte-sollen-technik-lastwagen-angezuendet-haben.1a4a8115-08f0-4d7a-9bf1-6dd67f0c58c9.html
  7. https://www.herder.de/philosophie-ethik-shop/erfolgsleere-klappenbroschur/c-27/p-18047/

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Joel Everard / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort