Corona e la parte più malata degli Stati Uniti malati

United A commento di Rainer Rupp.

I danni collaterali della “guerra contro la pandemia di Corona” colpiscono tutti, ma – come nella guerra vera – non tutti allo stesso modo. Questo vale non solo per le persone, ma anche per i paesi colpiti con diversi gradi di gravità. Qui in Germania, dove, secondo la cancelliera Merkel, “viviamo bene e felicemente”, le grossolane disparità di classe e di reddito stanno diventando particolarmente evidenti nella crisi, e di conseguenza oltre due terzi della società sono colpiti molto più duramente dai danni collaterali causati dalla lotta contro il virus rispetto al restante terzo più ricco. Per riconoscere questo, non si deve cominciare dai destinatari della Hartz IV o dai disoccupati, ma la situazione precaria dell’attuale crisi sta colpendo sempre più ampie fasce della cosiddetta classe media, soprattutto durante il cosiddetto divieto di contatto, o “blocco”.

Prendiamo, ad esempio, una famiglia di lavoratori qualificati, mamma, papà, due bambini, che sono praticamente rinchiusi per molte settimane in un bilocale, cucina, bagno, i campi da gioco per bambini del quartiere – per non parlare dell’asilo nido – sono chiusi e le passeggiate con la famiglia di quattro persone nel parco, che può essere un po’ più lontano, sono vietate sotto pesanti multe. Allo stesso tempo, il padre lavora a orario ridotto al 60% del suo stipendio e la madre ha fatto cancellare il suo minicommesso proprio all’inizio della crisi. I pochi risparmi si esauriscono rapidamente e il padre si chiede giustamente se il suo vecchio lavoro sarà ancora lì dopo la crisi. I suoi nervi sono nudi e il futuro sembra tetro – per non parlare delle sue preoccupazioni per la salute.

I benestanti dell’alta borghesia stanno vivendo un “blocco” completamente diverso. Non vogliamo nemmeno parlare dell’1% o del 5% superiore. L’uomo e la donna hanno un buon lavoro, che può essere fatto nella “casa ufficio” nella casetta nella cintura di pancetta alla periferia della città. I bambini hanno ciascuno la propria stanza, in modo che i compiti per la scuola possano essere svolti in modo molto più concentrato dal computer. Potete trascorrere il vostro tempo libero con i bambini in giardino, dove c’è comunque molto da fare in questo periodo dell’anno, oppure potete chiacchierare con il vicino oltre il recinto del giardino, armeggiare in garage o in cantina e riparare qualcosa per cui non avete mai trovato tempo prima. Naturalmente, tutto questo viene fatto con uno stipendio pieno e ci sono abbastanza risparmi sul “margine alto” per far fronte a qualsiasi crisi. In questa situazione il fastidioso “blocco” è solo una seccatura e non una catastrofe che lacera i nervi degli abitanti della casa.

In altri paesi industriali occidentali con differenze sociali ancora maggiori rispetto alla Germania, dove esistono anche notevoli minoranze socialmente svantaggiate, l’epidemia della corona rivela un problema razzista oltre all’antagonismo di classe. Ciò è particolarmente evidente negli Stati Uniti, che sono stati scossi dalla crisi della corona.

A differenza della Germania, dove l’assistenza sanitaria è quasi garantita a tutti gli abitanti, negli Stati Uniti questo non è di gran lunga il caso di tutte le persone. Gli afroamericani sono quindi particolarmente colpiti dalla corona negli Stati Uniti, sotto due aspetti. Perché, a causa delle differenze sociali strutturali, sia le persone che le comunità in cui vivono sono notevolmente più povere della media degli Stati Uniti. Di conseguenza, molte più persone non sono coperte dall’assicurazione sanitaria e, di conseguenza, l’assistenza sanitaria di routine non è più necessaria, il che porta a un’incidenza significativamente più alta di condizioni preesistenti nella popolazione, rendendo le persone colpite particolarmente sensibili alla malattia di Covid-19.

Il secondo aspetto dello svantaggio è che l’assistenza medica in queste regioni socialmente ed economicamente dipendenti lascia molto a desiderare anche in tempi normali. Nella crisi attuale, in cui molte persone si trovano ad affrontare una questione di vita o di morte, questa mancanza è particolarmente evidente.

All’inizio di questa settimana, il governo federale statunitense ha riconosciuto questa discriminazione contro le minoranze e ha riconosciuto che il virus corona sta colpendo gli afroamericani in modo particolarmente duro.

“Vediamo forti prove che gli afroamericani sono colpiti in misura molto maggiore rispetto ad altri cittadini del nostro Paese”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante la conferenza stampa di corona di martedì scorso.

Lo stesso giorno, il Washington Post, citando i dati di alcune autorità locali, ha riferito che le contee a maggioranza afroamericana hanno riportato infezioni a volte tre volte più numerose e quasi sei volte più morti rispetto alle contee in cui i bianchi americani sono in maggioranza.

Le cifre per l’intero paese non sono ancora disponibili. Finora, solo le autorità locali come le città o gli stati hanno pubblicato statistiche piuttosto sporadiche, da cui si può stimare lo svantaggio strutturale delle minoranze etniche negli USA.

Nella contea di Milwaukee nello stato del Wisconsin, per esempio, circa il 70 per cento dei decessi dopo l’infezione da virus corona sono afroamericani, anche se rappresentano solo il 26 per cento circa della popolazione, ha scritto il Washington Post. Nello stato del Michigan, circa un terzo delle persone infettate dal virus corona e circa il 40 per cento dei morti erano afroamericani – su una popolazione di circa il 14 per cento.

Nella metropoli di Chicago, per esempio, dove quasi un terzo degli abitanti sono afroamericani, secondo le autorità locali, sette dei dieci decessi di COVID 19 dello scorso martedì erano afroamericani. Dei 140 decessi segnalati, 95 erano afroamericani, e dei circa 5.500 infetti, circa la metà erano afroamericani.

Anthony Fauci, direttore del National Institute for Infectious Diseases, ha commentato queste cifre con Trump durante la suddetta conferenza stampa e ha spiegato i fatti come “peggioramento del divario sanitario” negli USA. Ha continuato dicendo che condizioni preesistenti come le malattie cardiache e il diabete sono più comuni tra gli afroamericani che tra gli altri gruppi. Tali condizioni preesistenti rendono più probabile il trasferimento in terapia intensiva, ha detto Fauci.

E il capo del governo americano, il vice ammiraglio Jerome Adams, ha spiegato il problema alla stazione CBS come segue: “Gli afroamericani hanno uno status socio-economico piuttosto basso, il che rende più difficile mantenere la distanza sociale. Che bel modo di descrivere il fatto che un’alta percentuale di afroamericani è priva di lavoro e spesso indigente, e quindi stipata in condizioni miserabili in uno spazio ristretto con molti altri, che non può essere definito “vivente”.

I media statunitensi hanno anche ripreso l’aspetto del “divario sanitario” e hanno sottolineato, tra l’altro, che gli afroamericani mangiavano diete più povere e avevano anche più malattie non curate. Ma proprio come Fauci prima, la maggior parte dei media statunitensi non ha affrontato le ragioni socio-economiche di questo “divario sanitario”, vale a dire che la globalizzazione neoliberale ha ampliato il divario abissale tra ricchi e poveri negli ultimi due decenni, con gli afroamericani che ne sono stati maggiormente colpiti.

Né il comandante in capo di Trump nella guerra contro Corona, il vice ammiraglio Adams, né la maggior parte dei media hanno trovato degno di nota il fatto che lo stato di salute medio molto peggiore del gruppo sociale afroamericano è una conseguenza della mancanza di copertura da parte dell’assicurazione sanitaria generale. Ma anche per i piccoli imprenditori e per altri lavoratori autonomi della classe media che in precedenza avevano guadagnato bene e che credevano di non aver bisogno di costose assicurazioni sanitarie, Covid 19 può diventare rapidamente un disastro sociale – anche in caso di sopravvivenza. Per questo è sufficiente una permanenza di pochi giorni nel reparto di terapia intensiva di un ospedale.

Il costo del trattamento per un grave caso di polmonite dovuto al coronavirus può raggiungere rapidamente i 75.000 dollari. Anche se si dispone di un’assicurazione sanitaria, che non tutti hanno, il conto può arrivare a decine di migliaia di dollari, costi che la maggior parte delle polizze assicurative copre solo parzialmente. Quanti malati si trovano ora di fronte alla domanda se debbano essere curati in ospedale o se preferiscano morire a casa per non rovinare finanziariamente la famiglia con i debiti di cura.

In questo contesto, non c’è da stupirsi che anche nella pandemia di Corona gli USA siano “primi” in modo macabro. Sia in termini di numero di persone infette che di decessi, gli Stati Uniti sono al primo posto. I cinici direbbero: Ora gli Stati Uniti sono quello che dicono sempre di essere: “un Paese eccezionale”. Ecco una breve panoramica, con dati comparativi a partire da giovedì sera 16.04.2020 alle 21:00. La fonte è la Johns Hopkins University (USA), che aggiorna costantemente i dati.

Posto Infezioni confermate Posto morto

in tutto il mondo 2,1 milioni 141.000

USA 1 641.000 31.100 1

Spagna 2 182.000 19.100 3

Italia 3 168.000 22.100 2

Germania 4 135.000 3.857 9

Cina 12 83.400 3.346 11

Russia 14 28.000 232

Per quanto riguarda il numero di morti coronariche, la Russia è ancora molto indietro rispetto alla Corea del Sud, che ha dominato la crisi in modo eccellente con soli 229 morti.

Intanto negli USA, dopo New York, la città del “Mardi Gras” di New Orleans, nello stato americano della Louisiana, è sempre più al centro dell’attenzione degli esperti della corona. Per i motivi già citati, che hanno a che fare con lo svantaggio socio-economico e strutturale dei numerosi abitanti afroamericani, la Louisiana e soprattutto New Orleans potrebbero diventare il prossimo epicentro della diffusione della corona dopo New York. In termini percentuali, la Louisiana è già al quarto posto dietro lo stato di New York, con un tasso di infezione di oltre 400 su 100.000. Tuttavia, con 1.479 infezioni ogni 100.000, New Orleans ha già superato New York City con soli 1.419 casi.

Questo potrebbe essere messo in prospettiva, perché New York City con i suoi 8 milioni di abitanti ha molti più abitanti di New Orleans con i suoi 1,2 milioni. E l’intero Stato della Louisiana con i suoi 4,6 milioni di cittadini ha solo poco più della metà di New York. Tuttavia, la Louisiana ha quello che serve per diventare un nuovo epicentro che infetta il sud impoverito degli Stati Uniti in vista della moltiplicazione esponenziale delle infezioni da corona. Le condizioni sono molto buone per questo, perché questa è la “parte più malata d’America”, che era già malata prima di Corona e che ora potrebbe essere colpita più duramente, secondo un rapporto della Bloomberg Law di questa settimana.

Si continua a dire che il Sud ha i più alti tassi di obesità, ipertensione arteriosa, attacchi cardiaci e ictus negli Stati Uniti, in combinazione con ampie zone rurali e impoverite con scarso accesso all’assistenza sanitaria. Le persone qui sono quindi particolarmente vulnerabili a un “virus che è particolarmente mortale per le persone con condizioni di salute sottostanti.

A causa di Covid-19, lo specialista delle malattie polmonari Aaron Milstone si aspetta “una catastrofe nel sud-est” degli Stati Uniti, secondo Bloomberg.law. “Vedremo una maggiore morbilità e una maggiore mortalità per il virus”, ha detto il dottor Milstone. Il rapporto prosegue dicendo: “Quattro dei cinque stati con il più alto tasso di diabete sono nel Sud, e otto stati non hanno ampliato Medicaid (l’aiuto medico di base dello stato per i poveri) in base all’Affordable Care Act (che significa la fallita assicurazione sanitaria Obama), lasciando migliaia di famiglie senza accesso alle cure mediche di routine, mentre gli ospedali rurali, finanziariamente colpiti, stanno appassendo.

Questi fattori potrebbero spiegare la recente esplosione a sorpresa dei casi di Corona in Louisiana, oltre, naturalmente, al fatto che i festeggiamenti del Mardis Gras (una sorta di carnevale), che si sono svolti a New Orleans dal 6 gennaio al 25 febbraio – già nel periodo di Corona – hanno attirato oltre un milione di turisti e curiosi dagli stati vicini.

+++

Grazie all’autore per aver pubblicato l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Aspects and Angles / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort