Condotta per l’inferno

Un commento di Dirk Pohlmann.

Il Parlamento americano ha deciso di imporre sanzioni alle imprese coinvolte nella costruzione del gasdotto Nordstream 2. Il Parlamento americano ha deciso di imporre sanzioni alle imprese coinvolte nella costruzione del gasdotto Nordstream 2. Quello che manca ancora è l’approvazione del Presidente Trump. La sua decisione sarà chiara. Washington si presume di essere in grado di decidere da chi la Germania dovrebbe ottenere la sua energia. Si rende dipendente dalla Russia attraverso l’oleodotto, che l’iperprotettiva USA vuole evitare. Il fatto che anche lei abbia un interesse commerciale in questa decisione non è menzionato nella decisione, in quanto vuole garantire che i tedeschi ottengano costoso gas di fracking dagli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti si comportano di nuovo come una racchetta da cortile di una scuola che esige una giacca e un telefono cellulare da una vittima. Non è una novità. La novità è che c’è una resistenza nella politica tedesca, negli affari e nei media contro questa decisione. Si stanno anche prendendo in considerazione contromisure. Si dice che una cosa del genere non dovrebbe essere offerta. Finora, tutto bene. E’ sorprendente che si crei l’impressione che questa sia la prima volta che gli Stati Uniti si comportano in questo modo. Anche la storia dell’Alzheimer dei media tedeschi inizia con questo argomento. Impedisce in modo affidabile il riconoscimento dei modelli da parte del pubblico. Vale a dire, la percezione della realtà che le relazioni tra gli Stati Uniti e l’Europa, ad eccezione della Gran Bretagna, che presto non le appartiene più formalmente, non sono relazioni tra amici, ma tra signore e servo, egemone e vassalli.

L’amicizia finisce con il petrolio.

Il direttore industriale italiano Enrico Mattei morì nel 1962 per avvelenamento da petrolio, per così dire. Mattei si è schiantato con il suo jet privato mentre si avvicinava a Milano. Secondo la versione ufficiale, solo gli italiani, che dovevano convincersi di questo per motivi politici, credevano che si trattasse di un incidente aereo in caso di maltempo. Si potrebbe chiamare la “malattia tedesca”, che può colpire anche membri di altre nazioni. Solo decenni dopo la verita’ si e’ fatta strada. All’inizio di questo secolo fu anche ufficialmente stabilito che Mattei e altre due persone a bordo del suo piccolo jet erano caduti vittime di un attentato dinamitardo. Schegge di metallo sono state trovate nelle ossa dei cadaveri esumati.

Mattei aveva osato ignorare le regole non scritte del commercio del petrolio. E lo sono: Gli Stati Uniti determinano il business petrolifero. Dopo la seconda guerra mondiale, Mattei ebbe il compito di liquidare la compagnia petrolifera AGIP fondata dai fascisti – e lui fece il contrario. Ha trasformato AGIP in ENI, una società. Mattei è stato il principale responsabile dell’ascesa dell’Italia a nazione industriale dopo la seconda guerra mondiale. Ha costruito la propria flotta di petroliere per non essere esposto alle fluttuazioni di prezzo del petrolio greggio, ha sviluppato le piattaforme petrolifere così come le conosciamo oggi. E soprattutto: ha contribuito per il 75 per cento invece del 25 per cento alle entrate petrolifere dei paesi in cui il petrolio è stato prodotto. Semplicemente escludendo gli americani dal business, che chiedevano di essere presenti ovunque come padrini. Il che ha fatto di Mattei il partner commerciale preferito dei paesi del Mediterraneo, non delle aziende americane. Mattei era brillante, impegnato e ribelle.

Comprò il petrolio da Mossadegh, il presidente iraniano, che osò usare il proprio petrolio per costruire il suo paese invece di renderlo disponibile per il profitto anglo-americano, e fu quindi rifiutato dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna in un’operazione congiunta della CIA, proprio come Evo Morales fu rifiutato a causa dell’uso del 70% del litio del mondo nel suo paese per costruire il suo paese.

Peggio ancora, Mattei ha chiuso il più grande accordo petrolifero mai concluso in Italia con l’Unione Sovietica. Olio contro un oleodotto di cui l’Italia ha fornito tubi e attrezzature. Un memorandum della CIA dice presto che l’industria petrolifera americana considera Mattei il più grande canaglia in questo commercio canaglia, l’accordo tra Mattei e l’Unione Sovietica.

Mattei è stato descritto come più pericoloso dell’Unione Sovietica. Si trattava di una sorta di condanna a morte, eseguita dopo un primo tentativo di esecuzione fallito nei cieli di Linate, probabilmente la bomba è esplosa mentre il carrello di atterraggio è stato esteso. Qualcuno aveva già infilato un cacciavite nell’ingresso del motore del suo jet, che avrebbe dovuto allentare in volo e distruggere il motore. Il giornalista Mauro di Mauro di Mauro, che anni dopo fu incaricato di indagare sul caso e riferì che sarebbe stato in grado di risolvere la questione, scomparve senza lasciare traccia. A tutt’oggi, il suo corpo non è stato trovato.

Negli anni ’70 c’è stato un accordo simile tra la Repubblica Federale Tedesca e l’Unione Sovietica, conosciuta come “Natural Gas Tube Business”. Gas naturale contro i tubi di una conduttura, come nel caso di Mattei. Quando Ronald Reagan è salito al potere, una delegazione ha visitato l’ex membro del consiglio di amministrazione della Deutsche Bank di Friedrich Wilhelm Christian e lo ha interrogato.  La Deutsche Bank aveva finanziato l’attività. Friedrichs presumeva di agire come diplomatico e pensava di poter placare i politici statunitensi con dichiarazioni politiche sull’inscindibile fedeltà della Germania agli Stati Uniti. Dopo tutto, si trattava solo di un accordo, non di un allontanamento dai legami occidentali e dalla NATO. Aveva completamente frainteso quali fossero le regole non scritte del gioco, come Enrico Mattei aveva frainteso. Quando si tratta di questioni imperiali, non esiste un libero mercato e una politica commerciale liberale. La punizione del regime per il cambiamento o la morte è la resistenza agli Stati Uniti.

Ronald Reagan aveva condotto la Guerra Fredda contro l’URSS in una nuova fase dopo il suo insediamento. Voleva distruggere l’URSS. Il suo metodo era la guerra economica. La distruzione finale dell’economia sovietica in difficoltà doveva essere usata per raggiungere il suo obiettivo. Reagan, con l’aiuto dei sauditi, abbassò il prezzo del petrolio, minimizzando così i bassi guadagni in valuta estera dell’URSS verso lo zero e aumentò le spese dei sovietici attraverso una spirale di armi. E ha lanciato una pletora di operazioni di intelligence sul cambiamento di regime in Afghanistan, Polonia, ma anche contro le politiche di pace di Olof Palmes e la democrazia sociale in Inghilterra, Germania e Svezia.

Helmut Schmidt è andato contro questa “Grande Strategia” rinnovando e ampliando il business dei tubi per il gas naturale. In futuro il 30% del fabbisogno energetico della Germania sarà coperto dall’URSS. Questa è stata la sua reazione alla crisi petrolifera del 1973. Chi è abbastanza grande ricorda la domenica senza auto, quando si poteva camminare sulle autostrade, solo di tanto in tanto passava un’auto. Schmidt voleva un approvvigionamento energetico sicuro e i sovietici erano noti come partner commerciali meticolosamente precisi e affidabili. Così ha scaricato un flusso costante di miliardi di dollari di D-Mark nelle casse dell’URSS – e si è sprecato nella “Grande Strategia” degli Stati Uniti. Dal loro punto di vista. Nordstream 2 fornirà anche il 30% dell’energia necessaria.

In primo luogo, gli Stati Uniti hanno assicurato con un’operazione della CIA che i sovietici hanno preparato e installato i chip informatici di cui c’era urgente bisogno nella conduttura di Jamal. A causa di una gestione sbagliata della pressione, questo ha portato ad una gigantesca esplosione, che è stata interpretata dai satelliti di ricognizione come l’accensione di una testata nucleare. La CIA era pronta a dire ai militari americani spaventati che avevano causato l’esplosione, che non c’era bisogno di indagare ulteriormente su ciò che era accaduto, che l’esplosione era militarmente irrilevante, non una minaccia per la sicurezza nazionale, ma un’operazione della CIA di successo.

Helmut Schmidt è stato detto da Ronald Reagan in una conversazione individuale al vertice di Ottawa che la sua attività nel settore dei tubi del gas naturale era contraria agli interessi degli Stati Uniti. Schmidt pensava di potersi permettere di guardare nel giardino durante la conversazione senza compassione invece di guardare Reagan negli occhi. Questa insubordinazione in un punto centrale della strategia statunitense nella guerra contro l’URSS fu il motivo decisivo per cui Reagan decise di abbandonare il fedele vassallo, che aveva iniziato il retrofitting di propria iniziativa, senza la richiesta degli USA. Schmidt riteneva che la decisione di installare missili di medio raggio Pershing 2 in Europa aveva sufficientemente dimostrato il suo atteggiamento nei confronti degli Stati Uniti da potersi permettere l’insubordinazione del settore dei tubi del gas naturale.

Un errore di valutazione. Schmidt era caduto dalla grazia. Gli Stati Uniti hanno poi sostenuto il cambio di regime da Helmut Schmidt a Kohl dietro le quinte.

È possibile che il coinvolgimento dell’ex cancelliere Gerhard Schröder a Gazprom e per Nordstream sia una conseguenza tardiva della politica statunitense nei confronti di Schmidt in particolare e della democrazia sociale in generale.

E’ possibile. Un chiarimento di questa sezione della storia della Germania avrà luogo nei media tradizionali, così come una classificazione storica dell’attuale decisione degli Stati Uniti contro il nuovo gasdotto.

Perché la verità non si adatta al ruolo che la Germania come barboncino degli Stati Uniti. E’ irragionevole per la popolazione.

Il caporedattore utilizzerà il tema di Nordstream 2 e le sanzioni per screditare ulteriormente Donald Trump, non interpretarli come un attacco economico degli Stati Uniti alla Germania. Si tratta di riduzione del danno e consolidamento della carriera. La resistenza sarà diretta contro Trump, non contro la politica statunitense.

Trump deve andarsene, che è il denominatore comune e cosa decisa nella prima fila dei media tedeschi e nella Washington politica.  Quindi, il tema effettivamente imperiale dell’oleodotto diventa il tema dei redattori dei media transatlantici: cosa sta facendo Trump ora di nuovo? Beh, nient’altro che gli Stati Uniti hanno sempre fatto.

La politica tedesca e i media tedeschi si schiereranno coraggiosamente dalla parte del vero sovrano degli Stati Uniti, dalla parte del più forte, dalla parte del complesso dei servizi segreti industriali militari degli Stati Uniti, che è sempre stato, è e crede di essere sempre. Sul lato oscuro del potere, si può fare carriera, anche nei media tedeschi e in politica.

Le sanzioni Nordstream 2 sono un avvertimento per Tollkühne: non toccare gli oleodotti e il settore petrolifero! Giù le mani dalle fondamenta dell’impero. Questo è il messaggio delle sanzioni Nordstream 2 . Sanzioni, che anche Donald Trump sosterrà, segnalando il suo sostegno alla politica imperiale. In questo caso egli dà la Hillary, per così dire, perché “America First” in questo caso significa “Fanculo l’UE” ancora una volta. E soprattutto “Fanculo la Germania”. Vediamo quanto dura l’indignazione per le sanzioni.

Vediamo chi in Germania è il primo a piegarsi al sapone. E chiede che gli Stati Uniti non si sbagliano così tanto, perché si tratta della lotta contro Putin il Terribile.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: Tilo G / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort