Commissione d’inchiesta della Corona – Parte 7 | di Jochen Mitschka

Un insulto ai reali o un processo necessario?

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Nelle parti 1 e 2 di questa serie abbiamo riferito in occasione della prima audizione del Comitato Corona, dal titolo “Imparare dalla commissione d’inchiesta sull’influenza suina” (1). Le parti 3 e 4 descrivono l’audizione sul tema “La situazione delle persone nelle case di cura” (2). Nelle parti 5 e 6 è stata presentata una relazione sulla situazione di Bergamo (3). Oggi iniziamo con il riassunto della 4a udienza dal titolo: “Il test di Drosten, l’immunità e la seconda ondata”.

Come funziona il test PCR

Una membro della commissione, la signora Viviane Fischer, ha spiegato che la domanda di prova era una delle sue domande chiave e che aveva già lanciato una petizione sull’argomento. Perché era importante avere un solido database per capire le dinamiche della diffusione dei virus. Lo studio rappresentativo, che era stato richiesto nella petizione, non esiste fino ad oggi. Tuttavia, ora ci sarebbe stata tutta una serie di studi che sarebbero stati effettuati, soprattutto nel campo della rilevazione degli anticorpi. E lì sarebbe stato dimostrato che la pericolosità del virus era nell’area dell’influenza, almeno quello che questi studi hanno dimostrato.

Per quanto riguarda il test PCR, ci sarebbero preoccupazioni generali sulla sua capacità di rilevare la presenza di materiale infettivo. Si riferisce poi ad un round robin test effettuato dall’ente di accreditamento tedesco. Aveva inviato dei campioni ai laboratori, alcuni dei quali contenevano il virus. Altri erano stati contaminati da un innocuo virus corona. E c’era un campione in bianco. E da questo sono emerse interessanti scoperte. Ad esempio, nel campione del bianco, l’1,4% era un falso positivo. E quando i campioni sono stati testati con l’innocuo virus corona, il 7,6% aveva falsi positivi. [Gli studi sono stati pubblicati sul sito web della commissione (4).

La signora Fischer ha sottolineato che il test, ampiamente utilizzato in Italia da un’azienda turca, ha dato risultati falsi positivi nel ring test con una percentuale compresa tra il 25 e il 40%.

Signora Prof. Dr. Ulrike Kämmererer

Ora il primo esperto è venuto alla sua testimonianza. Il Prof. Kämmererer è un virologo e immunologo. Il Dr. Wodarg ha fatto le prime domande. Già nella prima frase ha sottolineato

“per cui finora viene fatta principalmente la già citata diagnosi del test PCR, che non è un test immunologico, ma solo una rilevazione dell’acido nucleico.

Wodarg ha obiettato che questa sarebbe stata una scoperta importante perché il test PCR avrebbe moltiplicato solo una certa sequenza di molecole definite. Il Prof. Kämmererer ha aggiunto che il test mostra solo un piccolo segmento genetico di una regione selezionata del virus, senza poter dire se il virus è presente in tutta la sua lunghezza.

Wodarg ha spiegato che questo non dà ancora alcuna indicazione di eventuali reazioni del corpo. Non si misura affatto ciò che accade all’essere umano, ma solo se da qualche parte del corpo esiste la parte di un gene del virus.

Prof. Kämmererer: “Notano solo se è ancora presente un acido nucleico, così come gli scienziati forensi, per esempio, provano se ci sono tracce del gene di qualcuno. Che non ha nulla a che fare con le cellule viventi, i virus attivi o qualsiasi malattia”. Wodarg: “Questo test non è in grado di rilevare l’infezione! L’infezione sarebbe la reazione del corpo.

Il test PCR potrebbe rilevare, ha risposto il Prof. Kämmererer, che se il test è sufficientemente specifico, l’acido nucleico si troverebbe nel paziente. Tuttavia, non era possibile dire se il virus era in grado di replicarsi, cioè se si sarebbe moltiplicato nell’ospite, e non era nemmeno possibile dire se il paziente sarebbe stato poi malato causalmente dal virus. Ci sarebbe una correlazione. Se qualcuno fosse malato e avesse segni di malattia e un numero di acidi nucleici molto alto, allora ci sarebbe una probabilità molto alta che la causa sia il virus. Ma le molte persone che erano positive, senza sintomi, sarebbe impossibile dire se sono state infettate da una carica virale o meno.

Wodarg ha interposto che non si poteva nemmeno dire che erano infetti perché un’infezione sarebbe stata la reazione del corpo. Ciò è stato confermato dal Prof. Kämmererer. “Sulla superficie dello striscio c’è questo DNA virale, ma questo non significa che sia ancora all’interno delle cellule, e non significa che ci sia una carica virale intatta in grado di replicarsi”.

Dal comitato, il Dr. Füllmich ha sottolineato che in tutto il mondo i risultati del test PCR provocherebbero continuamente il panico, anche se il significato dei risultati sarebbe praticamente inesistente. Il Prof. Kämmererer ha sottolineato che ci sarebbero stati test PCR per l’HIV, dove si sarebbe definito che il virus deve essere presente con una certa sensibilità. Ma questo non sarebbe fattibile nel caso di Corona al momento.

Il Dr. Wodarg ha poi chiesto se sarebbe stato possibile convalidare questo test PCR in modo tale che a un certo punto sarebbe stato possibile rilevare un’infezione con esso. Il Prof. Kämmererer ha risposto che un virus isolato dovrebbe essere ottenuto dai pazienti, come è stato fatto con altre malattie virali. Il test PCR funzionerebbe logaritmicamente, da 1 a 2, e controllerebbe se l’acido nucleico del virus è stato moltiplicato. “Di solito si presume che se il test risponde molto presto, per esempio dopo 20-25 cicli di amplificazione, che allora ci sarebbero state molte parti di virus o RNA virali presenti, questa deve essere stata una corrispondente carica virale. Tuttavia, questo dovrebbe essere rilevato e convalidato con tali pazienti e con gli isolati diretti del virus. E non ho ancora trovato nulla nella letteratura che sia mai stato fatto”.

Wodarg ha sottolineato che questo è esattamente ciò che l’UE richiederebbe da un test utilizzato a fini diagnostici. Il Prof. Kämmererer ha spiegato che sono in corso anche prove ad anello e che devono essere analizzati campioni sconosciuti. Al momento non lo si farebbe.

Alla commissione è stato chiesto di spiegare nuovamente come funziona il test PCR. Il Prof. Kämmererer ha spiegato che il test PCR è un test di reazione a catena della polimerasi. Questo test sfrutta il fatto che l’informazione genetica, l’acido nucleico, può essere moltiplicato con speciali enzimi. Questo è anche ciò che la cellula farebbe se si dividesse o dovesse moltiplicare l’mRNA, cioè l’RNA messaggero, per produrre proteine. Kary Mullis ha ricevuto il premio Nobel per questo. Aveva trovato un enzima con il quale si può fare questa moltiplicazione più e più volte. Si isola l’acido nucleico del virus, nel caso dei virus corona è un virus RNA, si scrive questo nel DNA, cioè nelle informazioni genetiche, poi si può iniziare il processo selezionando piccoli pezzi di acido nucleico, i cosiddetti primer, che corrispondono alla sequenza. Questo, naturalmente, purtroppo, richiede che i ricercatori sappiano già cosa stanno cercando.

Ciò significa che si deve avere la sequenza, che di solito sarebbe di 20 singoli nucleotidi, lunghe, piccole particelle che vengono create nel computer. Se non sapete cosa state cercando, allora scegliete un virus molto simile, che è quello che sarebbe successo in questo caso, ci sarebbero stati abbastanza beta-coronavirus e Sars-virus, e poi vi sareste chiesti: quali regioni di questi virus? E poiché tutti i virus conosciuti sono il più possibile simili, si cercano due modelli di riconoscimento che sono a 80 e 200 nucleotidi l’uno dall’altro.

E ora il processo di duplicazione verrebbe agganciato a questi pezzi. Qui è dove inizia il processo. Il sistema utilizzato nei moderni test diagnostici ha un terzo pezzo, che si trova al centro del segmento genico da amplificare, che verrebbe contrassegnato con un colore fluorescente, e ogni volta che questi pezzi Sars-Cov-2 vengono amplificati, questo terzo pezzo viene rimosso di nuovo, poi ci sarebbe un segnale di colore, e poi il processo ricomincia dall’inizio. Tutti e tre i pezzi si attaccano al nuovo acido nucleico, l’enzima lavora a ritroso su di esso, sarebbe come una cerniera che va avanti e indietro, raddoppiando ogni volta.

Questo segnale di colore, che è sempre presente, è riconosciuto dai moderni dispositivi e quello precedente ha segnali di colore facilmente rilevabili, più sono duplicati i pezzi di acido nucleico che si hanno nel campione. Dicono che se i segnali arrivano dopo 25 ripetizioni di questo tipo, ho avuto un sacco di pezzi di acido nucleico in esso, e dicono che il campione è positivo. Se dopo 40 cicli riceve questi messaggi, dicono che potrebbe essere un falso negativo, potrebbe essere successo qualcosa. Teoricamente, il primo test PCR avrebbe potuto rilevare 3,9 molecole di un virus.

La commissione ha poi chiesto nuovamente se si è veramente capito che il test non rileva se una persona è infetta, malata o morta. E questo è stato confermato dal Dr. Kämmererer. “Con questo test, si può solo provare che ci sono pezzi del virus da moltiplicare nel tampone del paziente. Niente di più”. Quindi non si può ancora dire che sia un virus replicabile che causa malattie o addirittura contagioso.

Tuttavia, ci sarebbe una limitazione della non rilevanza del test positivo. Se questo test PCR rispondesse molto presto, si potrebbe già presumere che queste persone abbiano effettivamente dei virus. La questione sarebbe dove impostare il cut-off. Di solito questo non viene definito nell’opera. Questo valore CQCT dovrebbe essere incluso nel test. Ma non verrebbe mai specificato con quale test PCR, in quali condizioni si ottengono questi test positivi. Pertanto, non è possibile valutarli. Sarebbe come leggere i fondi di caffè da tali risultati.

Wodarg riferisce poi che nel distretto di Vogelsberg l’ufficiale medico ha contato 14 persone che sono risultate positive. Ma poiché tutti erano sani e non mostravano segni di malattia, li avrebbe fatti analizzare di nuovo. Di conseguenza, tutto è stato negativo.

Il Prof. Kämmererer ha spiegato che in origine si dovevano duplicare tre diverse sezioni di geni come bersaglio, e solo se almeno due di esse davano un segnale chiaro si poteva dire che la persona era risultata positiva. Nel frattempo, ci sono un numero incredibile di test commerciali. Se un test è positivo, l’altro può essere negativo e il terzo può essere negativo. Diversi test coinvolgerebbero diverse regioni geniche.

Wodarg ha poi chiesto di nuovo informazioni sul test più utilizzato al Charité. Si direbbe che questo test indicherebbe anche altri virus Sars precedenti.

Il Prof. Kämmererer ha spiegato che questi vecchi virus Sars, che sarebbero stati indicati anche come nuovi virus corona, sarebbero stati addirittura menzionati nell’articolo originale, che sarebbe stato pubblicato nello stesso modo. Ciò significa che non si tratta di un’affermazione, ma non di un fatto controverso.

Wodarg ha poi chiesto nuovamente se ci sarebbe stata un’indagine sistematica che avrebbe analizzato quali dei vecchi virus sarebbero stati rilevati dal test PCR. Oppure potrebbe essere che i diversi test commerciali reagiscono in modo diverso ai vecchi virus.

Il Prof. Kämmererer ha spiegato che non si sapeva quale test avrebbe rilevato quali vecchi virus, perché non si sapeva nulla al riguardo. Non si saprebbe con esattezza cosa rileverebbero i diversi test. Non si conosce la sequenza che si sta testando. Pertanto, non sarebbe possibile controllare questo nelle banche dei geni corrispondenti.

Fintanto che non vengono fornite le sequenze esatte dei campioni di primer, non ci sarebbe alcuna possibilità di controllare ciò che viene testato. Il Charité dovrebbe effettivamente avere un pannello di tutti i virus ed eseguire i test su tutti i virus presenti. In altre parole, tutti i virus corona correlati. Non importa se provengono da pipistrelli, esseri umani, bovini, gatti, cammelli o maiali. Poi si potrebbe determinare quale test indicherebbe in modo specifico solo i virus sars-cov-2.

Naturalmente sarebbe un compito enorme, ma sarebbe assolutamente necessario convalidare un test. Ma una pubblicazione che avrebbe fatto questo non sarebbe ancora apparsa.

Wodarg ha poi detto che il virus sars-cov-2 è stato trasmesso in sequenza. Ci sarebbero circa 30.000 sequenze. Cambierebbero in continuazione. Ci sono state ripetute affermazioni che il virus sars-cov-2 sarebbe stato ricercato. Ma in realtà si troverebbero tutti i tipi di virus diversi che nessuno sa se funzionano esattamente dove. Con questo test non è possibile stimare la patogenicità del virus.

Prof. Kämmererer: “Questo è un virus RNA, e mutano incredibilmente velocemente. Questo significa che se le sequenze vengono eseguite in tutto il mondo, troverete un numero incredibile di varianti. Sarebbe abbastanza normale. Nel caso dei virus RNA, è molto raro trovare sequenze identiche.

Teoricamente, se si fanno un centinaio di test con un centinaio di sistemi di rilevamento diversi, si potrebbe scoprire che 50 sono negativi, 30 sono positivi e 20 non possono essere valutati. In definitiva, quello che è, si dovrebbe mettere in sequenza ciò che è stato duplicato per poter dire: “Sì, questo è esattamente quello che stavo cercando”.

Wodarg ha spiegato che questo mondo dell’analisi genetica è un mondo completamente diverso da quello del medico che analizza il paziente e la sua condizione. Nel mondo molecolare, si troverebbero catene molecolari, ma questo non avrebbe nulla a che fare con ciò che la legge sulla protezione dalle infezioni regola, cioè trasferire la malattia e l’infezione da una persona all’altra, per prevenirla.

Il Prof. Kämmererer lo ha confermato con le parole: “Per fare questo, si dovrebbe avere un riconoscimento attivo dei virus.

La commissione ha chiesto perché il virus non fosse stato isolato. Dopo tutto, sarebbero passati mesi e molte persone sarebbero morte con un test positivo.

Il Prof. Kämmererer ha confermato che è stato possibile, perché questo sarebbe stato possibile anche con altri virus. Si dovrebbe fare un test striscio, che dovrebbe essere fatto in coltura cellulare e poi moltiplicato. Questo non sarebbe stato molto facile, ma sarebbe stato possibile e la duplicazione sarebbe stata fatta anche con Sars-Cov-2 in diversi laboratori. I cinesi avrebbero più tempo a disposizione. Nel frattempo, ci sarebbe un lavoro che descriva l’isolamento e il sequenziamento dei virus. Questo proverebbe che il virus esisterebbe in quanto tale. E può essere replicato in persone che hanno davvero una carica virale molto elevata. Il problema sarebbe che queste persone con una carica virale così elevata devono prima essere trovate. Un test PCR senza sintomi non è sufficiente. Le persone devono essere molto malate e il virus deve essere in fase attiva.

Il Prof. Kämmererer ha poi confermato ancora una volta l’accordo del comitato su come è stato sviluppato il test PCR.

“Loro [nota: il gruppo di ricerca di Drosten del Charité] avevano appreso dai social media che un nuovo virus stava dilagando a Wuhan, poi chiesero cosa potesse essere, impararono che poteva essere un virus corona, poi si sedettero alle banche dei geni e dissero, beh, questo è il minimo comune denominatore di tutti i virus esistenti, che poteva essere giusto, poi crearono questi tre amplificatori di geni, e poi mandarono lì questa PCR. Questo è pubblicato… Corman et al ha presentato il 21 gennaio…”. Il test di rilevamento sarebbe stato specificamente progettato per “rilevare tutti i virus corona asiatici, compresi i virus pipistrello”.

Era un “test di screening”, che sarebbe stato perfettamente corretto. Si dovrebbe prima guardare per vedere se si tratta di un virus di questo gruppo. Poi si dovrebbe mettere in sequenza ciò che si è trovato e dire, quindi ora ho la sequenza specifica, ora devo fare i test PCR che corrispondono solo a questo virus ed escludere tutti gli altri. Questa sarebbe la procedura corretta.

La commissione ha poi detto che quest’ultimo non sarebbe successo, dopo tutto. Fin dall’inizio hanno lavorato con il “test di dipendenza”. E questo test sarebbe servito come base, ad esempio a Gottinga o a Tönnies, o a Berlino in un dormitorio, per “chiudere il negozio” per settimane. Come avvocato, il dottor Füllmich non riusciva a capire che su una base così traballante venivano prese decisioni giuridiche di tale portata.

Il Prof. Kämmerich ha risposto d’accordo che questo era esattamente il problema. Neanche uno scienziato naturale lo capirebbe. Quello che era successo lì non si adattava a quello che uno aveva imparato come scienziato naturale. E non si saprebbe nemmeno con quale test sono stati trovati i risultati positivi. È stata la prova originale della ruggine? O il test è stato modificato? E in quali condizioni sono stati utilizzati i test?

Il Dr. Kämmererer ha invitato gli avvocati a chiedere finalmente il rilascio dei dettagli dei test commerciali. A Würzburg, sospettava che potesse esserci un test più avanzato, perché lì sarebbero stati trovati pochissimi risultati positivi.

Wodarg ha poi sottolineato che, in qualità di responsabile dell’esame, bisogna sottoporsi a un’operazione, anche se si tratta solo di un tampone di cotone, poi, in qualità di medico, bisogna sopportare il fatto che la persona che viene esaminata si chieda: “con cosa mi esaminerà, quali sono le conseguenze, quale metodo userà, quanto è sicuro e cosa dice il risultato dopo?

In base alla nuova legge sul controllo delle infezioni, che sarebbe stata modificata molto rapidamente, il ministro della Sanità sarebbe stato autorizzato ad inviare personale non medico per effettuare questi test. Questo è stato poi interrotto dalla commissione perché riguardava questioni legali.

La signora Fischer della commissione ha poi riferito che la commissione era in contatto con i laboratori che stavano anche raccogliendo informazioni, e che stavano a loro volta compilando dei kit di prova basati su “cianografie” pubblicate dalle autorità. Il Prof. Kämmererer ha spiegato che sarebbe banale, perché i test PCR sono usati per ogni tipo di cose. Basta entrare nella banca dati dei geni, cercare le sequenze dei virus e creare i primer e poi si può creare e controllare il proprio test PCR. Qualsiasi studente di laurea, qualsiasi dottorando che lavori in biologia molecolare può farlo. Questo sarebbe stato fatto un milione di volte al giorno.

Il dottor Hoffmann della commissione ha poi chiesto come si poteva sapere che i risultati dei test, che avessero rilevato o meno il virus “giusto”, erano eccezionali. Se sia necessario un confronto con gli anni precedenti.

Il Prof. Kämmererer ha spiegato che i virus corona non avevano interessato nessuno in passato. Sarebbero sempre stati presenti durante le epidemie di influenza, ma sarebbero sempre stati chiamati banali virus del raffreddore. C’erano pochissimi dati disponibili che fornissero informazioni su quanto i virus corona fossero corresponsabili nelle ondate influenzali in passato.

Il Dr. Wodarg ha poi mostrato un grafico che elenca la percentuale di virus corona nelle diagnosi di virus. Sarebbero state tre pubblicazioni. E dal 2005 al 2017 ci sono sempre state percentuali a volte più grandi, a volte più piccole. Se un virus è stato notato di più, l’altro è stato trovato in numero minore. L’Istituto Robert Koch non avrebbe iniziato a indagare sui virus corona fino al marzo 2020.

Il Prof. Kämmererer ha aggiunto che se l’influenza fosse stata forte, ci sarebbero stati meno virus corona; se l’influenza avesse “fallito”, come ha fatto quest’anno, ci sarebbero stati semplicemente più virus.

Il dottor Füllmich ha poi chiesto nuovamente se era possibile che il virus che cerchiamo oggi fosse presente negli anni precedenti, ma che non fosse stata fatta alcuna ricerca specifica.

Questo non si sapeva, questa era la risposta. Tuttavia, poiché questi virus muterebbero in modo molto variabile, è possibile che questa variante sia nuova. Ma nuovo significherebbe solo che si trattava di una nuova variante dei virus beta-corona esistenti. Per essere più precisi, i vecchi campioni dovrebbero essere esaminati e ri-sequenziati. Altrimenti non sarebbe possibile scoprirlo. Ma sarebbe del tutto possibile.

Il dottor Füllmich ha sottolineato che oggi non si tratta del divieto di calpestare il prato, ma che diverse esistenze sono state distrutte. E che quindi un certo sforzo sembrerebbe giustificato. Il Prof. Kämmererer ha spiegato che bisognava trovare qualcuno che conservasse ancora campioni con materiale amplificabile di quegli anni.

Poi il soggetto è venuto fuori per i test anticorpali, cioè la prova di un’infezione sopravvissuta.

In arrivo

Nella prossima parte si parlerà di “test anticorpali” e della questione della “seconda ondata”.

Fonti:
(1) https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-1-von-jochen-mitschka/ und https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-2-von-jochen-mitschka/

(2) https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-3-von-jochen-mitschka/ und https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-4-von-jochen-mitschka/

(3) Zusammenfassung Teil 5: https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-5-von-jochen-mitschka/ Video: https://corona-ausschuss.de/sitzung3/

(4) https://corona-ausschuss.de/sitzung4/

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: OvalMedia

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort