Commissione d’inchiesta della Corona – Parte 5 | di Jochen Mitschka

Un insulto ai reali o un processo necessario?

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Nelle parti 1 e 2 di questa serie abbiamo riferito in occasione della prima audizione del Comitato Corona, dal titolo “Imparare dalla commissione d’inchiesta sull’influenza suina” (1). Le parti 3 e 4 descrivono l’audizione sul tema “La situazione delle persone nelle case di cura” (2). Questa quinta parte (3) tratta delle condizioni di Bergamo, ripetutamente citate dai media e dai politici come prova della necessità di una chiusura in Germania.

Bergamo: Cosa succedeva lì

Nell’introduzione, un membro del comitato ha spiegato che la copertura di Bergamo ha rappresentato un punto di svolta e ha sconvolto la popolazione. Sembrava quindi che l’isolamento fosse una logica conseguenza di ciò. Per avere un quadro più chiaro di ciò che è realmente accaduto, questa audizione riunirà scienziati di prim’ordine provenienti dall’Italia che erano sul posto e molto coinvolti nella pandemia.

Il dottor Wolfgang Wodarg, ospite esperto dei giuristi del comitato, ha poi spiegato come Bergamo è stata percepita in Germania. Ha iniziato spiegando che ci si sarebbe aspettato che la pandemia si sarebbe diffusa ancora di più e più terribilmente in Cina a causa dei fenomeni di Bergamo. Ma non è stato così. Nella maggior parte delle regioni della Cina non c’è stato alcun arresto e quasi nessuna infezione o mortalità. All’inizio di febbraio, improvvisamente non c’erano più notizie dalla Cina. È proprio in questo periodo che l’Italia ha attirato l’attenzione. Le terribili immagini della Cina che non esistevano più sono state sostituite da immagini di Bergamo.

Naturalmente ci si è chiesti perché l’Italia di tutti i Paesi è stata colpita così tanto e perché in Germania non è successo praticamente nulla. Poi, all’inizio di marzo, le immagini da Bergamo sono arrivate da montagne di cadaveri, per così dire, e hanno scatenato il panico in Germania. Poi è seguita la serrata in Italia. Poiché all’inizio praticamente solo gli anziani erano annoverati tra le vittime, la gente si chiedeva naturalmente, secondo Wodarg, se qualcosa fosse andato storto nella cura degli anziani.

In una conversazione con un funzionario di un’associazione tedesca di medici legali dell’assicurazione sanitaria, a Wodarg fu detto che gli italiani avevano paura di dover andare in ospedale. Ulteriori ricerche hanno dimostrato che ci sono molte infezioni nosocomiali (4), cioè infezioni acquisite in ospedale, con una potenza di dieci superiori a quella della Germania, anche se qui ce ne sono già molte. L’Italia e la Spagna avrebbero le peggiori condizioni da questo punto di vista in Europa.

Inoltre, l’Italia ha la struttura demografica più antica d’Europa. Ci vivono molti più anziani che nel resto d’Europa. Le statistiche mostrano che il 70-80% dei casi di polmonite si verifica tra gli anziani. In passato la polmonite era più comune tra i giovani di quanto non lo sia oggi.

Inoltre, la regione colpita, che è stata segnalata, ha il più alto livello di inquinamento atmosferico in Europa. Questo significa che molti fattori agiscono insieme. Tuttavia, questa non sembrava essere una spiegazione sufficiente. Inoltre, le infermiere straniere sono tornate nei loro paesi d’origine prima della minacciata chiusura. Di conseguenza, molti anziani si sono trovati improvvisamente soli.

Wodarg ha poi spiegato che era particolarmente interessato a sapere quali farmaci gli venivano somministrati. Non ci sarebbe un’indagine sistematica su questo. Sebbene siano stati pubblicati dati sui decessi e sulle “infezioni”, si sapeva poco di come i pazienti venivano trattati prima di morire. I risultati delle autopsie sarebbero stati pubblicati in alcuni casi, ma mai quali farmaci sono stati somministrati prima.

In Germania, fino al 10% delle persone che muoiono negli ospedali muore a causa della somministrazione di farmaci. Non sempre a causa dei farmaci che gli erano stati somministrati in ospedale, ma anche per i farmaci che avevano preso in precedenza.

Pertanto, per valutare la situazione, sarebbe importante sapere quali farmaci sono stati somministrati e quali sono le raccomandazioni del governo. Le raccomandazioni dell’OMS sono state seguite alla cieca? O ci sono state anche raccomandazioni da parte delle organizzazioni mediche?

Non ci sarebbe alcun trattamento curativo per i pazienti di COVID-19. I pazienti potrebbero essere sostenuti o ricevere cure palliative, ma non curati con farmaci basati su prove sufficienti e studi scientificamente riconosciuti.

Il comitato ha poi dichiarato che “la coppa ha superato la Germania”. Non ci sarebbe stata un’eccessiva mortalità, si potrebbe piuttosto parlare di una lieve epidemia di influenza. Ma dall’Italia e dagli Stati Uniti sono stati diffusi più volte messaggi di orrore, che sono stati utilizzati per motivare la popolazione tedesca per la chiusura. Ecco perché il comitato è interessato a sapere cosa è successo veramente in Italia. Gli avvocati vogliono sapere dai medici: 1. la situazione a Bergamo era davvero così com’era presentata? 2. è stato lo stesso in altre parti del paese 3. quello che, secondo l’opinione degli scienziati medici che devono essere ascoltati, è stato in realtà lo sfondo delle immagini che sono state diffuse.

Wodarg ha interdetto che non c’erano virus che sarebbero cambiati al confine. Se si è infettati in Germania, Austria o Italia, ci sono le stesse reazioni. Che le persone muoiano dello stesso virus in un paese, ma non nell’altro, sarebbe inspiegabile.

I medici italiani

Dall’Italia, il primo medico a parlare in tedesco. L’intervista inizia poi con il dottor Luca Speciani (5) in inglese e con un collega che ha tradotto. Il dottor Speciani è un medico praticante, capo di un’associazione medica di circa 900 medici, e parte di una rete di medici in Italia, in cui i medici si informano reciprocamente sul retroterra della crisi della corona e si scambiano le loro esperienze.

Alla domanda su ciò che è realmente accaduto a Bergamo, il dottor Speciani ha iniziato con la seguente spiegazione:

Viveva a circa 20 chilometri da Bergamo e avrebbe potuto osservare la situazione da vicino. La mortalità sarebbe stata simile a quella degli ultimi tre anni, con l’eccezione di Bergamo e Brescia. Ci sarebbero state due condizioni speciali. La prima condizione sarebbe stata un numero eccezionalmente elevato di vaccinazioni antinfluenzali nelle due città. La ragione di ciò è stata una campagna pubblica per promuovere la vaccinazione antinfluenzale in queste due regioni. I documenti scientifici ora affermano che le persone che sono state vaccinate contro una semplice influenza sono più suscettibili alla Covid-19.

Il secondo fattore importante è stata la decisione delle autorità di collocare le persone che sono state dimesse dalla terapia intensiva nelle case di riposo. Ma dove vivevano le persone più sensibili a Covid-19. Questo ha provocato settemila morti nelle case di riposo in Lombardia.

Il Presidente della Lombardia ha dichiarato di non aver commesso alcun errore perché avrebbe dovuto prendere la decisione. La giustizia italiana indagherebbe sul caso. Tuttavia, la leadership politica sarebbe attualmente coperta da tutti i media. I parenti del defunto hanno citato in giudizio la Lombardia e la causa è ancora pendente.

Secondo il parere di molti medici, e anche secondo lui, queste due condizioni sono state decisive per le immagini che hanno fatto il giro del mondo, e né Bergamo né Brescia sarebbero paragonabili ad altri luoghi.

Alla domanda su come il dottor Speciani avrebbe giudicato il comportamento, ha risposto che ci sono state delle linee guida mediche nella regione. Il paracetamolo dovrebbe essere somministrato contro la febbre, ma, come sappiamo, la febbre è la prima difesa dell’organismo umano contro le infezioni virali e batteriche. Secondo lui, questo sarebbe stato il primo errore. Poi sono stati somministrati antibiotici, ma sarebbero praticamente inefficaci contro un’infezione virale. Infine, è stato combinato con agenti antivirali come il ritonavir. Un farmaco molto costoso ma inefficace. Infine, hanno definito la malattia come un problema polmonare, ma questo non era corretto. Ma dato che non sono state fatte autopsie, all’inizio questo era sconosciuto.

In realtà era trombofilia. Solo dopo le prime autopsie non si è trattato di polmonite, ma di trombofilia, contro la quale si poteva usare l’eparina. Tuttavia, secondo il Dr. Speciani, l’eparina sarebbe molto economica e probabilmente non è stata usata. Invece, sarebbero stati somministrati ritonavir e un altro farmaco, ma questo non ha avuto molto successo.

Infine, il Dr. Guiseppe de Donno aveva usato il plasma sanguigno di pazienti guariti per curare i pazienti di Covid-19 e aveva riferito che non aveva avuto alcun decesso per un mese. Queste informazioni sarebbero state soppresse dal governo italiano e dai media. Il medico è stato anche intimidito dalla visita di agenti di polizia.

Secondo lui, c’era una chiara volontà da parte del governo italiano di non permettere il trattamento ritenuto appropriato dai medici. Questo sarebbe stato uno dei motivi dei molti morti.

Su richiesta della commissione, sono stati spiegati nuovamente i metodi di trattamento prescritti dal governo. Secondo questo, la vitamina C e il paracetamolo dovrebbero essere somministrati per primi. Poi sono stati mandati a casa. Naturalmente, questi farmaci non hanno aiutato, e quando la malattia è diventata più grave, i pazienti sono stati riportati in ospedale ed è iniziata la respirazione artificiale.

Si trattava di pazienti che avevano in media 80 anni e tutti erano pre-malati. I pazienti dimessi dal reparto di terapia intensiva sarebbero stati poi trasferiti nelle case di riposo, il che avrebbe portato a un’ondata di infezioni in queste case.

Alla domanda se il prezzo dei farmaci avesse avuto un ruolo nel trattamento, hanno risposto che, pur sapendo che l’eparina avrebbe aiutato, non veniva usata, né l’idrossiclorochina. Alla domanda su chi l’ha deciso, la risposta è stata che il Ministero della Salute l’aveva ordinato.

Poi è stato sottolineato che in Italia c’è l’assistenza sanitaria gratuita, il che significa che i pazienti non devono pagare nulla, indipendentemente dal costo dei farmaci. Sarebbe stato il governo a pagare l’alto costo delle costose medicine.

E’ stato chiarito ancora una volta dalla commissione che, secondo il parere del signor Zoffi (il traduttore) e del dottor Speciani, il governo non avrebbe deliberatamente permesso l’uso di farmaci più economici, che i medici ritenevano efficaci, ma che avrebbe prescritto i farmaci più costosi, anche se molti medici li ritenevano poco efficaci. Ciò è stato confermato, ed è stato anche sottolineato ancora una volta che l’idrossiclorochina, utilizzata precocemente nel corretto dosaggio e riconosciuta come efficace, era stata espressamente vietata.

La commissione ha poi chiesto se ci sarebbe stato un incentivo finanziario per la respirazione artificiale. Il dottor Speciani non conosceva le cifre esatte e si limitava a dire che i costi erano estremamente elevati. Al culmine della pandemia, ci sarebbero state circa 5000 persone in terapia intensiva, la maggior parte delle quali in respirazione artificiale.

Il Dr. Wodarg ha notato che l’aspettativa di vita di una persona sopra gli 80 anni che viene intubata è molto bassa. E che l’uso diffuso di questo metodo di trattamento non sarebbe stato affatto appropriato. L’intubazione avrebbe aggiunto il rischio di infezioni nosocomiali. Il Dr. Wodarg ha spiegato che in altri paesi si è scoperto che le persone hanno maggiori possibilità di sopravvivenza se non vengono intubate in determinate situazioni. L’intubazione in generale sarebbe stato un trattamento non corretto.

Il Dr. Speciani ha confermato la dichiarazione del Dr. Wodarg. Ha anche sottolineato che se la trombofilia non viene trattata con l’eparina, il paziente deve morire, con o senza respirazione artificiale. In molti casi, la ventilazione non solo sarebbe stata inutile, ma anche pericolosa.

Fuga del personale infermieristico

Dalla commissione è emersa la domanda se il dottor Speciani potesse dire qualcosa sul ruolo che il più volte citato volo di molti infermieri verso l’Europa dell’Est per evitare la chiusura della struttura ha avuto nella situazione. Si chiedeva chi avesse poi garantito l’assistenza nelle case di riposo, soprattutto perché i pazienti venivano ancora ricoverati negli ospedali. Il Dr. Speciani non ha fornito alcuna informazione al riguardo.

Alla domanda su come sarebbe la situazione in Italia in questo momento, il dottor Speciani ha risposto che tutti i media stanno lavorando per spaventare la gente. Ad esempio, circa un terzo della popolazione avrebbe già avuto contatti con il virus. Ma questa informazione non verrebbe deliberatamente diffusa. Non appena i pazienti mostrano sintomi simili a quelli della Covid-19, tutte le persone nelle vicinanze della scuola, del posto di lavoro, ecc. devono essere sottoposte a test. E non appena alcuni di loro risultassero positivi, si parlerebbe immediatamente di un focolaio di infezione. Tutto sarebbe stato messo in quarantena, la paura si sarebbe diffusa.

Ci sarebbero stati diversi morti ogni giorno che sarebbero risultati positivi per Covid, e alcuni di loro sarebbero probabilmente morti di Covid. Il governo si adopererebbe per chiedere una nuova serrata, possibilmente in autunno. Le scuole sarebbero poi di nuovo chiuse. I 900 medici che il dottor Speciani rappresenta vogliono combattere questo. Stanno lavorando per ripristinare i diritti costituzionali, ha detto. Ha definito il governo corrotto e ha agito principalmente nell’interesse dell’industria farmaceutica.

Nel frattempo, il signor Zoffi ha fatto notare che gli ospedali erano vuoti. Il professor Sangrillo e altri autorevoli esperti medici avrebbero confermato la morte del virus. Il potere virale originale non esisterebbe più. I più importanti scienziati italiani chiederebbero alla gente di uscire e vivere di nuovo la propria vita, contro le pressioni del governo. Eppure i media continuerebbero a diffondere paura e panico.

Numero di morti

Il dottor Speciani ha spiegato che il governo aveva raccomandato che ogni deceduto che era solo sospettato di essere stato infettato da Covid-19 fosse segnalato come Covid-morto. Quindi, se qualcuno è morto per un attacco di cuore ma è risultato positivo a Corona dopo la morte, è stato un “Corona Dead”. Il dottor Speciani ha stimato che su 35.000 decessi riportati come vittime di Covid, molti non sono morti affatto per il virus. In almeno 300 casi, inoltre, sono stati dimostrati errori fondamentali. Un famoso virologo, il Prof. Guilio Tarro, che non ha alcun legame con il governo, avrebbe detto che non c’era modo di confermare le cifre che circolavano nel mainstream.

Il dottor Speciani ha spiegato che esistono statistiche sui decessi. L’età media di morte di una vittima italiana era di 80 anni per gli uomini e 83 anni per le donne. In alcuni casi, sarebbero state effettuate autopsie e si sarebbe constatato che in media sono state rilevate più di 3 condizioni preesistenti. In 75 vittime di sesso maschile, il 75% di loro era obeso. Sono stati trovati anche ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari e diabete mellito. Quattro sarebbero stati negli stadi finali del cancro. Da questi fatti, il dottor Speciani vede chiaramente che Covid-19 aveva nella migliore delle ipotesi impedito un prolungamento a breve termine della durata della sofferenza, che la morte sarebbe certamente avvenuta in un tempo molto breve.

In Italia, 500 persone al giorno muoiono di malattie cardiovascolari e 400 persone di cancro. È estremamente facile trovare in questi gruppi persone che possano risultare positive anche per Covid-19.

In seguito alle domande della commissione, si è scoperto che lo Stato italiano aveva inizialmente riferito in modo analogo a quanto appena sentito in commissione, ma in una nuova relazione ha interpretato i dati in modo diverso, senza tuttavia mettere i dati a disposizione per l’esame.

Il dottor Speciani ha sottolineato che solo un sesto delle vittime presunte morte di Covid-19 sarebbe stato esaminato. Ciò si baserebbe esclusivamente sulle informazioni fornite dai medici al momento del decesso. Ha negato l’accuratezza dei dati, poiché le autopsie sarebbero mancate.

Un medico italiano è stato chiamato per rispondere alla domanda di chi è morto di Covid. La dott.ssa Loretta Bolgan ha conseguito il dottorato in chimica farmaceutica. Aveva lavorato come assistente di ricerca in varie istituzioni e nell’industria farmaceutica, soprattutto nel campo della ricerca e dell’approvazione dei vaccini. Lavora da circa 20 anni come consulente per ONG come quelle che si occupano di questioni relative alle vaccinazioni. E’ molto conosciuta in Italia perché ha fatto analizzare da laboratori indipendenti le dieci vaccinazioni, obbligatorie per tutti i bambini in Italia. Ha poi pubblicato i suoi risultati e li ha presentati in Parlamento.

Il problema principale riscontrato sarebbe stato quello delle impurità nei vaccini. I produttori non avrebbero purificato sufficientemente i prodotti. Questo sarebbe stato spiegato alle autorità di approvazione dell’UE. Tra le altre cose, era stato trovato DNA umano, retrovirus che possono essere cancerogeni e causare leucemia, impurità chimiche, DNA di scimmie e ratti, anfetamine, pesticidi, ecc. C’erano solo pochi vaccini senza carenze. Sarebbero stati vaccini provenienti dalla Germania.

In uno dei vaccini sarebbero state trovate anche anfetamine vietate. Il dottor Bolgan avrebbe poi denunciato tali casi alla polizia speciale. Ma non avrebbe ancora ricevuto una risposta. Vale la pena di notare, secondo il traduttore, che 15 mesi fa in Italia c’è stata una speciale commissione parlamentare davanti alla quale il dottor Bolgan ha testimoniato, ma questo non ha portato ad alcuna ulteriore risposta.

I bambini non vaccinati non possono frequentare la scuola materna in Italia. Dai sei ai sedici anni, i bambini e i giovani non vaccinati possono andare a scuola, ma i genitori devono pagare una multa.

Il dottor Wodarg ha poi chiesto se il vaccino che era stato somministrato durante la campagna di vaccinazione a Bergamo prima dello scoppio della pandemia di Corona era stato testato. Sarebbero stati somministrati vaccini contro l’influenza e il meningococco, ma il dottor Bolgan non avrebbe condotto un’indagine.

Torna a Corona

Ha riferito a Corona che le autopsie eseguite verso la fine di aprile, inizio maggio, avevano stabilito che le persone che si credeva fossero affette da malattie polmonari erano effettivamente morte per problemi di coagulazione. Da allora, ciò sarebbe stato confermato da diverse indagini. Prima di ciò, tuttavia, l’esecuzione delle autopsie e la pubblicazione dei dati dell’autopsia sarebbero state ostacolate. Quindi 25.000 vittime avrebbero dovuto essere esaminate prima di poter determinare la causa della morte in molti casi.

La dottoressa Loretta Bolgan ha sottolineato che solo una stima sarebbe stata possibile confrontando le cifre di mortalità degli anni passati e determinando un eccesso di mortalità. Inoltre, è stato notato che gli epidemiologi in Italia avevano nel frattempo stabilito che le vittime morte per polmonite e influenza negli ultimi anni erano scomparse dalle statistiche di quest’anno.

Il Dr. Wodarg ha chiesto se esiste un confronto in Italia che possa essere utilizzato per confrontare le malattie polmonari degli anni. Purtroppo non ci sarebbero dati al riguardo. E la ricerca sarebbe insufficiente. Ciò che si potrebbe dire, tuttavia, è che la stragrande maggioranza dei pazienti ha infezioni multiple. Ci sarebbe una malattia a due stadi nel caso di Covid. In primo luogo, ci sarebbe un quadro clinico molto simile all’influenza, che poi causerebbe pochi problemi alla maggior parte delle persone. I problemi principali in Italia sarebbero stati allora quelli con complicazioni, e queste sarebbero sorte perché le persone malate si sono unite a quelle indebolite da altre malattie precedenti. Gli ospedali sarebbero diventati centri epidemici a causa dell’insufficiente isolamento dei malati.

Nel frattempo, ci sarebbe una comprensione molto migliore degli errori commessi e sarebbe possibile fornire un’assistenza molto migliore ai pazienti. Ma la comprensione per il giusto trattamento sarebbe arrivata troppo tardi. Da qui il gran numero di vittime.

Il dottor Bolgan ha sottolineato che il numero di pazienti con sintomi gravi è paragonabile a quello dei pazienti che hanno mostrato gravi sintomi influenzali negli anni precedenti. Cosa sarebbe importante notare Ma il problema sarebbe stato che la gestione della malattia sarebbe stata sbagliata all’inizio. I pazienti sarebbero stati isolati troppo tardi. Avrebbe avuto molto più senso isolare concretamente e bene i malati, invece di chiudere l’intero stato. Naturalmente, le persone che hanno un contatto diretto con i malati dovrebbero vivere con certe misure di sicurezza.

Al momento, la situazione sarebbe tale che qualsiasi persona che avesse ricevuto un test PCR positivo sarebbe stata isolata. Ma non sarebbe ragionevole, perché il test non darebbe ancora alcuna indicazione se la malattia si svilupperebbe o potrebbe essere trasmessa.

Il comitato ha chiesto quale sarebbe stato il piano per l’ulteriore trattamento della crisi della corona, se i due medici italiani si sarebbero aspettati una seconda ondata.

Nel frattempo, i medici saprebbero molto meglio come trattare i pazienti in quale stadio della malattia. In realtà, avrebbero bisogno di un test per ogni stadio della malattia, poiché il test PCR non è affatto sufficiente. In questo modo sarebbe possibile decidere più rapidamente come curare questa fase della malattia.

Dalla SARS 2009 sappiamo che l’epidemia non sarebbe tornata perché il sistema immunitario umano è stato in grado di affrontarla. Si potrebbe quindi ipotizzare che lo stesso accadrebbe con Corona. Sarebbe importante proteggere le persone che prima erano malate e gli anziani. Come specialista di vaccini, il dottor Bolgan ha poi spiegato che è noto dalla letteratura che le vaccinazioni aumentano il rischio, soprattutto per la parte della popolazione anziana, di ammalarsi a causa di una nuova infezione, cioè di un nuovo tipo di virus, e che gli effetti diventano molto più gravi.

Il Dr. Wodarg ha sottolineato di essere a conoscenza di due studi che lo confermano. Uno è venuto dall’Olanda con gli anziani, uno dal Pentagono.

Il Dr. Bolgan ha anche pubblicato degli articoli scientifici su un futuro vaccino Covid-19, ma il punto focale della riunione del comitato di studio si è concentrato sulle immagini e sull’effetto defr delle immagini in Germania, quindi non è stato ulteriormente discusso.

In arrivo:
Nella prossima parte di questa serie sentirete ulteriori dichiarazioni della professoressa Antonietta Gatti, patologa, che vi darà informazioni sulla situazione in Italia.

Fonti:

  1. https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-1-von-jochen-mitschka/ und https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-2-von-jochen-mitschka/
  2. https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-3-von-jochen-mitschka/ und https://kenfm.de/corona-untersuchungsausschuss-teil-4-von-jochen-mitschka/
  1. https://corona-ausschuss.de/sitzung3/
  2. https://www.amboss.com/de/wissen/Nosokomiale_Infektionen
  3. https://signalmedicineacademy.com/dr-luca-speciani-md-cv/

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: OvalMedia

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort