Commissione d’inchiesta della Corona – Parte 3 | di Jochen Mitschka

Un insulto ai reali o un processo necessario?

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Nelle parti 1 e 2 di questa serie abbiamo riferito in occasione della prima audizione del Comitato Corona, dal titolo “Imparare dalla commissione d’inchiesta sull’influenza suina” (1). Ma dopo che la storia e l’esposizione della prima pandemia è stata raccontata, dopo che l’OMS apparentemente aveva adattato la sua definizione di pandemia agli ovvi desideri dell’industria farmaceutica, l’udienza del Dr. Wolfgang Wodarg ha trattato anche altri argomenti, come il test corona. Questa è ora la prima parte della sintesi della seconda udienza su “La situazione delle persone nelle case di cura”. Agli esperti e alle persone colpite viene chiesto di raccontare le loro esperienze durante la chiusura delle case.

Rapporto dallo studio

La commissione ha iniziato con l’interrogare Adelheid von Stösser. La signora Stösser ha riferito di essere un’infermiera in formazione e di lavorare nel campo dell’assistenza infermieristica da 50 anni. È anche insegnante per le professioni infermieristiche e negli ultimi decenni ha condotto progetti presso ospedali universitari e altre istituzioni con l’obiettivo di fornire un’assistenza individuale basata sui bisogni. È autrice di libri, soprattutto sugli standard infermieristici. Ha anche lavorato a diversi progetti fondamentali che hanno cercato di sviluppare standard migliori per lo sviluppo dell’assistenza in Germania. Come resistenza è venuta dalle agenzie di finanziamento per implementare gli standard “Ho cambiato lato” (2). Divenne uno dei fondatori dell’associazione Pflegeethik-Iniziativa (3).

La signora Stösser ha riferito che le case di cura si sono rivelate luoghi particolarmente pericolosi durante la chiusura di Corona. Ha basato la sua affermazione sul fatto che gli anziani sono particolarmente a rischio di morire di infezione a causa della vecchiaia e di precedenti malattie, e d’altra parte, perché è stato sperimentato come le case di cura sono diventate prigioni senza ulteriori indugi. “Lo Stato aveva quasi una custodia cautelare per le circa 900.000 persone che si trovavano nelle case di cura”. Ai residenti non era permesso di uscire di casa, ai parenti non era permesso di entrare. Da metà marzo a metà maggio è stato imposto il divieto assoluto di visite, non solo ai parenti stretti, ma anche a rappresentanti legali, fisioterapisti, logopedisti, logopedisti, ergoterapisti, podologi, parrucchieri e volontari. Anche i medici e gli operatori pastorali dovrebbero entrare nelle case solo in caso di emergenza. Le visite dal dentista e da altri specialisti non erano espressamente vietate, ma erano consentite solo in casi urgenti. Sono stati sospesi anche i controlli [dello stato di cura].

La signora Stösser spiega che il divieto di visita era inizialmente giustificato dal fatto che mancavano gli indumenti protettivi per il personale. [Nota: Ovviamente, nonostante gli avvertimenti del Bundestag tedesco del 2013, i politici non erano preparati e quindi hanno dovuto coprire il loro fallimento]. In secondo luogo, il contatto con i residenti doveva essere ridotto al minimo per ridurre il rischio di infezione. [Nota dell’autore: In altre parole: a causa del fallimento del governo, che non era intervenuto in risposta agli avvertimenti del Bundestag sulle conseguenze di una pandemia, 900.000 residenti sono stati trattati come prigionieri in custodia cautelare qui!]

Alla domanda, la signora Stösser ha spiegato che circa un terzo delle persone bisognose di cure sono assistite a domicilio e due terzi in assistenza domiciliare.

La commissione ha chiesto se la signora Stösser sapeva se qualcuno aveva pensato all’articolo 104 della Costituzione tedesca, secondo il quale, se una tale misura viene imposta, è necessario un provvedimento giudiziario immediato. La signora Stösser ha spiegato che vi erano diversi pareri di esperti legali in materia, che giustificavano la privazione della libertà con il fatto che il rischio sarebbe stato maggiore. Non si conosce un ordine giudiziario.

La commissione ha detto che nella Legge fondamentale era stato specificamente affermato che una tale privazione della libertà è consentita solo con un’ordinanza del tribunale, CHE qualcuno non poteva semplicemente dire a qualcuno che c’era un bene di valore superiore, ed è per questo che la privazione della libertà sarebbe stata giustificata.

Nel video originale, sembra che sia stato mostrato l’estratto di un rapporto che doveva essere discusso. La versione attuale non contiene questo estratto.

Nel secondo video si afferma innanzitutto che YouTube ha bloccato il primo video per motivi di copyright, e un membro della commissione spiega i retroscena e giustifica che tale divieto non era legittimo. La commissione si è occupata delle relazioni sui motivi dell’illegittimità del blocco. E se questo comportamento di YouTube dovesse continuare, saremmo costretti ad affrontarlo legalmente. (Sembra esserci una piccola guerra contro il risanamento della crisi di Corona). Poi è proseguita l’audizione della signora Stösser.

È stata poi interrogata sul video (che non era più disponibile) e sulle conseguenze che ne sarebbero derivate.

Il video, secondo la signora Stoesser, avrebbe mostrato quali sarebbero state le conseguenze per i residenti delle case di cura dove sono rinchiusi e come si sarebbero trovati i parenti davanti alla casa. Anche se ci fosse stata la comprensione da parte dei residenti e dei loro parenti, la situazione sarebbe stata assolutamente desolata per alcuni di loro, in quanto completamente tagliati fuori. Il video ha mostrato che la maggior parte dei residenti non aveva alcun contatto con il mondo esterno. Come i residenti avessero sofferto a causa di ciò sarebbe stato rivelato dal contatto dei parenti presso l’associazione della signora Stösser. Spiegò che non aveva mai visto così tanti disperati, anche piangendo, in così poco tempo. E non avrebbero potuto essere aiutati.

Alcuni parenti avevano tentato di intraprendere un’azione legale contro la prigionia a causa di Corona, ma senza successo. La legge sulla protezione dalle infezioni avrebbe abolito tutti gli altri diritti.

A causa dell’obiezione della commissione che non era stata esplicitamente menzionata nella legge sulla protezione dalle infezioni, è stato chiarito che ci sarebbe stata una risoluzione prima a livello federale, poi a livello statale. A livello statale, sarebbe stato sempre più assurdo ciò che le norme igieniche avrebbero prescritto. Questo sarà spiegato in dettaglio più tardi.

La commissione ha obiettato che l’ex presidente della Corte costituzionale federale, Hans Jürgen Papier, aveva più volte sottolineato, e in risposta a specifiche richieste, che vi erano almeno notevoli dubbi sul fatto che tutte le misure, e questa in particolare, fossero legali.

La signora Stösser ha fatto notare che molte case avevano già introdotto serie misure per evitare contatti prima dell’annuncio del divieto di visita. Nel caso di Markus Lanz, il 19 luglio c’era stato un direttore di casa che lo aveva descritto anche in questo modo. In quasi tutti i casi, tuttavia, c’è stato un accordo con i rappresentanti dei residenti.

La signora Stösser ci ha poi detto che durante questo periodo ci sono state numerose segnalazioni. Ha citato la relazione di uno psicologo che ha lavorato in un istituto con persone con disabilità multiple. Alcuni potevano comunicare solo con l’aiuto di un computer. Il resoconto di ciò che è successo durante la chiusura sarebbe stato da far rizzare i capelli in testa. Durante l’udienza è stata poi allestita una linea telefonica per poter testimoniare lei stessa.

Segnalazione da una casa di cura in stato di chiusura

La signora Hermann ha poi riportato esempi da una casa con persone con disabilità fisiche, alcune delle quali sono cognitivamente disabili. Ha fatto rapporto: Quando è avvenuto il blocco, tutte le terapie sono state annullate. Erano tutte terapie di cui queste persone avevano urgente bisogno. Alcuni sono disabili spastici, altri paraplegici. Se queste persone non vengono spostate, si verificano danni fisici permanenti. I tendini si accorciano, i muscoli si induriscono. Combinato con il dolore.

Le conseguenze sono state anche regressioni fisiche generali e in molti casi gravi problemi psicologici. Nelle persone coscienti dal punto di vista cognitivo la paura era molto grande. Da un giorno all’altro tutto il ritmo si è interrotto. Non avevano più il permesso di fare shopping o di guidare, non avevano compagnia quotidiana, le visite dal medico sono state cancellate. E si diffondeva la paura che tutti dovessero morire. Anche i parenti e gli amici non potevano più venire a trovarci. La maggior parte dei residenti non ha potuto utilizzare il telefono in modo autonomo a causa di limitazioni fisiche.

Nel collegamento telefonico è stato poi segnalato che anche alcuni dipendenti stessi erano all’inizio insicuri e sarebbero rimasti a casa. Il che ha portato ad un ulteriore problema infermieristico.

La psiche dei clienti, alcuni dei quali non potevano più uscire dalle loro stanze, si è sviluppata in modo catastrofico. A volte si sarebbero verificate situazioni molto disperate, per esempio quando il padre di un residente moriva senza alcun rapporto di parentela con Corona, ma il residente della casa di cura non poteva partecipare al funerale.

Il comportamento di prova delle autorità sarebbe stato opaco. Inizialmente, nessuno è stato sottoposto a test, anche se aveva mostrato sintomi. La ragione addotta era che solo le persone che si erano trovate in una qualsiasi area di crisi sarebbero state messe alla prova. Dopo diverse settimane l’intera struttura è stata testata.

Ci sono stati casi sospetti, e sono stati poi prescritti test obbligatori. Questi test di massa hanno dato un risultato positivo per un residente e quattro dipendenti. Ma nessuna delle cinque persone aveva sintomi. Tuttavia, un’intera casa è stata messa in quarantena per due settimane. I residenti se ne stavano seduti nelle loro stanze e non potevano uscire. Nessuno era ammesso nelle stanze [tranne il personale infermieristico in abiti protettivi, che poteva solo prendere le misure più necessarie]. I residenti si sentivano come in prigione [isolamento], completamente alla mercé delle autorità.

Molte persone con spasticità grave, che hanno fatto fisioterapia due o tre volte alla settimana per mantenere il dolore sopportabile, non hanno ricevuto alcun aiuto per settimane. Un residente che poteva controllare la sua sedia a rotelle solo con la bocca ha fatto fisioterapia tre volte alla settimana per allentare l’articolazione della mascella, perché poteva fare tutto solo con la bocca. Questa donna ha avuto un dolore terribile alla mascella quando il trattamento è stato sospeso a causa della chiusura. Inoltre, aveva anche mal di testa.

La signora Hermann ha poi riferito che anche le sedie a rotelle non sono state riparate, il che ha limitato ulteriormente la mobilità dei residenti.

Quando il divieto di contatto è stato allentato, la casa ha prestato la massima attenzione al rispetto delle regole della distanza. Ai parenti non era permesso toccare i clienti. I residenti dovevano essere trattenuti con la forza dal salutare i loro parenti.

Poiché ci vuole molto tempo per determinare il grado di assistenza, non è ancora possibile prevedere gli effetti che la chiusura ha avuto sulla condizione a lungo termine dei residenti.

Lo psicologo domiciliare ha poi spiegato che non si capiva come le misure potessero essere in linea con la legge federale sulla partecipazione (Bundesteilhabegesetz), la legge federale sulla partecipazione, e che quindi negli ultimi anni l’autodeterminazione era diventata sempre più importante. E da un giorno all’altro non ci sarebbe stata più autodeterminazione.

Ha poi spiegato come i parenti e i dipendenti della casa siano stati ripetutamente messi in soggezione, con la tacita indicazione che se non avessero seguito le “regole igieniche”, tutti in casa sarebbero potuti morire. La commissione ha poi contestato il riconoscimento delle dichiarazioni nel documento di panico del Ministero dell’Interno, che la signora Hermann ha confermato. Ha anche spiegato che nel corso del tempo lo staff è stato diviso tra i sostenitori della chiusura per paura e altri che vedevano le misure come se causassero più danni di quelli che il virus Corona avrebbe potuto causare.

Poi ha parlato dei problemi dei disabili che non riescono a sopportare l’obbligo di indossare le maschere. Ha sottolineato che, per esempio, le persone autistiche sono state costrette a passare alla psichiatria a causa della diffusione delle maschere. Quando è stato chiesto, è stato notato che non c’era personale adeguato per assistere adeguatamente il crescente numero di persone che necessitano di cure psichiatriche e psicologiche. I normali tempi di attesa per il trattamento da parte di uno psicoterapeuta sono di circa un anno nella regione della casa anche prima della chiusura.

Dalla commissione è emerso che in alcuni ospedali sono stati chiusi i reparti geronto-psichiatrici delle case per fornire letti a corona per questo scopo. Ciò ha ulteriormente ridotto la capacità in questo importante settore di carenza.

La signora Hermann ha riferito che, nonostante i colloqui per il suicidio si siano svolti con lei, non sono stati segnalati tentativi di suicidio in casa. Ha poi riferito di ulteriori effetti della paura tra i residenti.

Tra questi c’è il fatto che, dopo cinque casi risultati positivi in casa, alcuni membri del personale si sono rifiutati di lavorare per paura del virus mortale. Questo ha reso la cura ancora più difficile di quanto sarebbe stato senza la chiusura. Non è stato quasi possibile fornire un’assistenza di base. Naturalmente l’intera struttura diurna era sparita. I laboratori erano stati chiusi. Così che praticamente ovunque girava solo la televisione, in cui le notizie dell’orrore su Corona si diffondevano dalla mattina alla sera, il che aumentava ulteriormente lo stress psicologico.

Nella conversazione si è capito che la direzione della casa era stata probabilmente in conversazione con il ministero, che aveva dato le istruzioni per la chiusura della casa, ma non aveva fatto alcuno sforzo per cambiare nulla. “Invece di discutere, si è scatenato il panico e l’inchiesta”.

La pressione per conformarsi

La signora Stösser ha poi riferito di aver avuto l’impressione che ogni Stato volesse essere ancora più sicuro dell’altro, e ha sempre imposto un po’ più di restrizioni. E che le case hanno poi agito ancora più duramente, quasi in obbedienza anticipatrice, per non essere ritenute responsabili del fatto che le persone si facessero male.
Non importava come si comportavano le persone, l’importante era che “non possiamo avere una Corona qui””.

La signora Stösser ha usato un esempio per spiegare l’effetto disastroso delle norme di quarantena. Una casa non era più in grado di occuparsi dei residenti e aveva inviato grida di aiuto a tutte le case circostanti, ma si prega di prendere in prestito personale infermieristico. Alla fine è stata resa possibile un’assistenza di fortuna, ma senza alcuna conoscenza dei residenti, delle loro malattie, dei farmaci necessari, ecc. [Che naturalmente era disponibile per iscritto, ma non nella coscienza degli aiutanti].

Dalla commissione l’esempio è stato poi chiarito ancora una volta. Ci sono stati casi sospetti di corona, per cui le persone sono state mandate a casa in quarantena [o in ospedale se c’erano residenti]. 70 su 130 residenti sono risultati positivi.

La signora Stösser ha riferito che in passato si sono verificati ripetuti casi di Norovirus, o virus dell’influenza che si diffondono in una casa, mai prima d’ora erano state ordinate misure così drastiche. Ma nel caso di Corona, chiunque avesse avuto contatti di qualsiasi tipo con una persona che fosse risultata positiva ai frammenti di molecole di Corona doveva essere immediatamente messo in quarantena. Completamente indipendentemente dalla presenza o meno di sintomi.

La commissione ha poi obiettato che ci sarebbe stata ancora un’audizione con gli osservatori italiani della scena nazionale, che avevano già riferito in anticipo che in molte case in Italia i lavoratori stranieri avevano lasciato il Paese in preda al panico. Alcuni dei residenti sono morti perché non erano più curati, per esempio per disidratazione.

La signora Stösser ha riferito che in passato ci sono state ondate di infezioni, durante le quali forse venti residenti sono morti nel corso di due settimane. Ma nessuno aveva considerato questo come un caso particolare e il personale non sarebbe mai stato mandato a casa durante questa fase. Oggi c’è il panico immediato, e se solo un residente risultasse positivo, ci si deve aspettare che forse l’intera casa verrà chiusa di nuovo.

Secondo la signora Stösser, non c’è stata alcuna anomalia nella frequenza dei decessi. Rispetto al 2018, ci sarebbe stato addirittura un percorso molto più blando. Nelle case, ogni giorno muoiono circa 900 persone. Per questo motivo i decessi dovuti alla corona sono difficilmente rilevabili nelle statistiche. Inoltre, tutti coloro che sono risultati positivi una volta e poi muoiono vengono conteggiati come morti corona.

Un’infermiera che preferisce rimanere anonima avrebbe lasciato una registrazione vocale su una storia difficile da credere. Ci sarebbero stati casi, anche in Germania, in cui non ci sarebbe stata alcuna cura, a causa del fatto che le infermiere dovevano andare in quarantena. In questa casa sono morte più persone del normale, che sarebbe stata presentata come morte corona. E a causa di una cremazione rapida è stato impossibile determinare la verità con un’autopsia.

La signora Stösser ha spiegato che c’era già stata una crisi infermieristica prima della crisi di Corona. Sarebbe più o meno standard che un’infermiera fosse responsabile di 50 residenti durante il turno di notte. Anche se tra i residenti c’erano persone gravemente malate o morenti. Anche prima di Corona, la chiave del personale non avrebbe soddisfatto in alcun modo i requisiti. In molti casi, le persone venivano regolate con i farmaci in modo da poter dormire dalla sera alla mattina. Secondo la signora Stösser, è probabile che l’immobilizzazione con i farmaci sia diventata ancora più diffusa, poiché è impossibile, per esempio, incoraggiare un malato di demenza a non lasciare la sua stanza.

La commissione ha osservato che in condizioni normali qualsiasi restrizione della libertà, come l’ammanettamento al letto, richiede un controllo giurisdizionale del caso.

La signora Stösser ha raccontato come, all’inizio, tutto era tenuto lontano da casa in preda al panico, che si trattasse di fragole distribuite o di bottiglie di bevande. Ha parlato di situazioni simili alla prigione dopo che è stato introdotto il primo allentamento delle regole e sono state nuovamente consentite le visite dei familiari.

La commissione ha obiettato che i detenuti delle carceri avevano un vantaggio decisivo. La loro situazione era stata esaminata da un giudice. Per questo motivo i detenuti delle case di cura sono stati trattati anche peggio dei detenuti del carcere, poiché nessuno ha valutato la situazione individuale.

La signora Stösser ha poi riferito che i responsabili delle case di riposo hanno agito in modo molto diverso. Alcuni avrebbero risposto individualmente alle necessità e alle situazioni, lasciando talvolta da parte le misure coercitive imposte dai ministeri, altri erano così rigorosi che nemmeno i moribondi potevano rivedere i loro parenti quando se ne andavano.

Anche se i decreti ministeriali consentivano eccezioni per tali situazioni, molte case hanno deciso di non far entrare nessuno in casa, al fine di evitare qualsiasi rischio di cui la casa potrebbe essere in seguito ritenuta responsabile. Una situazione simile si sarebbe potuta osservare anche negli ospedali. La signora Stösser ha poi riportato vari esempi.

La commissione ha poi definito, insieme alla signora Stösser, che un ipotetico pericolo è stato scambiato con una sofferenza che si sarebbe effettivamente verificata. Sebbene gli esperti sanitari si fossero opposti alla chiusura totale fin dall’inizio, la valutazione del rapporto rischio/beneficio e la considerazione di possibili danni collaterali erano chiaramente insufficienti. E questo nonostante la Corte costituzionale federale avesse stabilito che tale pesatura deve avvenire in modo permanente.

La signora Stösser ha riferito di aver scritto a tutti i ministeri e alle autorità, dicendo che l’igiene significava qualcosa di diverso da una chiusura totale. La maggior parte di loro aveva risposto, in gran parte negli stessi termini. “Per pericolo” e “per protezione”. Ovviamente c’erano stati reparti appositamente istituiti per dare risposte standard dettagliate con riferimento alle normative e ai link alle richieste. Nessuno si è occupato veramente delle obiezioni.

Secondo Stösser, non è noto alcun caso di visitatori che abbiano scatenato una catena di infezioni da corona nelle case, anche se la chiusura è entrata in vigore solo DOPO il picco delle infezioni. Piuttosto, i casi che si sono resi noti in quel momento erano molto probabilmente diffusi dal personale infermieristico (perché la chiusura si è verificata).

La signora Stösser ha riferito che ci sono stati molti test positivi senza sintomi. Ma ci sarebbero state anche case con molti morti, per cui non si sa quale sia stata in definitiva la causa della morte: la mancanza o l’errata assistenza, soprattutto a causa dell’arresto, o il virus.

La signora Stösser ha poi spiegato che alcune case, ma non poche, erano molto riluttanti ad attuare l’allentamento. Si poteva sospettare che avessero paura che si venisse a sapere ciò che era successo durante la chiusura. In effetti, la commissione ha osservato che le conseguenze della chiusura non saranno comprese per mesi.

Ancora oggi esiste un divieto ufficiale di contatto fisico e di indossare maschere. Anche se alcuni rifugi si astengono dal far rispettare questo principio con un dipendente come osservatore.

Poi c’è stata una discussione su come gli ospedali avessero tenuto i letti liberi, licenziato il personale o mandato a lavorare per brevi periodi, mentre le cure importanti venivano semplicemente omesse.

Nel corso della discussione si è notato che la conversazione continuava a venire fuori. Senza che sia chiaro cosa determina il test, le decisioni vengono prese solo su questa base, spesso con conseguenze disastrose.

In arrivo:

Nella seconda parte della relazione sulla seconda udienza della commissione, interverranno un consulente professionale, che riferirà sui casi del suo lavoro con persone che necessitano di cure intensive, e un parente.

Note:
https://corona-ausschuss.de/sitzung2/

Adelheid von Stösser mette in relazione il fallimento di elaborati principi estesi di assistenza etica con il rifiuto delle agenzie di finanziamento a finanziarli. Questo sarebbe stato il fattore decisivo nella sua decisione di passare dalla parte di chi ha bisogno di cure. Su Wikipedia c’è una critica ai loro standard che critica ad esempio la mancanza di “linguaggio tecnico” e di “adozione del sapere tradizionale”. È importante sapere che l’assistenza infermieristica non è ancora una formazione accademica e che gli standard dovrebbero essere comprensibili senza “livello linguistico tecnico”.

Home

https://kenfm.de/bundestagsuntersuchungsausschuss-oder-tribunal-%e2%80%a2-standpunkte/


Home

Corona-Leak – oder: Überraschendes aus dem Bundesinnenministerium

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: OvalMedia

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort